millennials guardian poveri generazioni
Society
di Sandro Giorello 9 Marzo 2016

Perché la generazione dei trentenni è la più povera di sempre?

Per prima volta nella storia del mondo del lavoro i figli vivranno molto peggio dei padri. E il futuro non andrà meglio: l’inchiesta del Guardian

trentenni poveri millennials guardian luissenlabs.com/ - Millennials

 

Il Guardian ha dato il via ad una serie di articoli sulla crescita del reddito medio dei cosiddetti millennials, la generazione dei giovani adulti nati tra gli anni ’80 e la metà dei ’90.

Nelle prossime settimane dedicherà diverse interviste ed approfondimenti alla questione. Per ora il dato di partenza è il grafico che vedete qui sotto: descrive la percentuale di crescita del reddito in base alle diverse fasce d’età. Secondo la testata britannica, per la prima volta nella storia del lavoro industrializzato stiamo assistendo al fatto che i trentenni si trovino in una posizione nettamente più sfavorevole rispetto alle altre generazioni.

 

grafrico-guardian theguardian.com - La percentuale di crescita del reddito medio diviso per face d’età

 

Queste conclusioni derivano da uno studio finanziato dal fondo Joseph Rowntree Reform Trust – un’importante struttura che si occupa di sostenere campagne politiche e iniziative a sfondo sociale – che ha permesso a diversi economisti della testata di analizzare il database del Cross National Data Center di Lussemburgo.

Da come potete vedere nel grafico, per sette delle potenze economiche più importanti al mondo la percentuale di crescita del reddito di chi oggi ha tra i venti ed i trentacinque anni è inferiore a quella delle altre fasce d’età. Ben tre nazioni – America, Spagna e Italia – registrano un divario del 20% e noi ci piazziamo direttamente al primo posto del podio.

Secondo gli studiosi coinvolti, la prima grave conseguenza di tale impoverimento è un’enorme difficoltà nel sentirsi inseriti nel tessuto sociale e l’impossibilità di crearsi una propria famiglia. “La situazione è molto dura per i giovani” – ha commentato Angel Gurría della OECD (Organisation for Economic Cooperation and Development) – “dopo la grande recessione, il mercato del lavoro è migliorato pochissimo. È un problema a cui dobbiamo dedicarci con urgenza. Colpirà i nostri figli e l’intera società”.

 

millenials theguardian.com/ - Millennials

 

Per la prima volta in Francia i pensionati generano più reddito di una persona sotto i cinquant’anni. In Italia i trentacinquenni sono diventati, in media, più poveri degli ottantenni. C’è da aggiungere, poi, che nel nostro paese le pensioni sono costosissime e rappresentano la parte più gravosa della spesa pubblica: supera quella per la sanità o per l’istruzione; secondo uno studio pubblicato dalla OECD nel 2014, non esiste un altro paese che dedichi così tanti soldi pubblici alle pensioni.

La conseguenza più evidente di tale impoverimento? La possibilità per un millennials di comprare casa. Così commenta Paul Johnson, capo del prestigioso Institute of Fiscal Studies: “Penso che la vera ingiustizia sia rappresentata dal fatto che ormai diventa sempre più determinante se i tuoi genitori posseggono o meno una casa”. In Australia i giovani sono completamente tagliati fuori dal mercato immobiliare, in Inghilterra diversi dati ci portano a credere che l’idea di possedere una propria abitazione non sia più considerata reale. In America il debito che ogni studente deve recuperare dovuto al finanziamento dei suoi studi è talmente ingente – si parla di più di 1000 miliardi di dollari complessivi in tutta la nazione – che quello della casa di proprietà non rientra tra i suoi principali problemi da affrontare. In Europa il numero di trentenni che vivono ancora con i propri genitori è tra i più alti, con Spagna e Italia in testa a tutti.

Fin dagli albori del capitalismo non abbiamo mai dovuto affrontare una situazione simile” – conclude l’importante economista inglese Diane Coyle – “la popolazione sta invecchiando molto e noi non sappiamo se riusciremo a far crescere l’economia nello stesso modo in cui lo faceva un tempo”.

Filippo Astone, giornalista e scrittore, autore de La riscossa. Fabbriche & Europa per far decollare l’economia italiana. E un viaggio nei suoi segreti… commenta a DailyBest: “I trentenni e i quarantenni di oggi sono derubati. Se e quando andranno in pensione riceveranno il 20%, forse il il 30% di quanto versato. Ma del resto i contributi che paghiamo servono solo a mantenere la fiscalità generale” spiega a proposito della situazione italiana.

E aggiunge una provocazione: “Bisognerebbe fare una riforma: abolire le pensioni. E passare a un sistema all’inglese, dove non esistono versamenti obbligatori, ma è garantita una pensione minima accettabile a tutti“. In questo modo si avrebbero più soldi in busta paga che potrebbero fare da volano per l’economia.

Infine per il futuro dello scenario Italia Astone prevede che “Con l’innalzamento dell’età pensionabile ci sarà da farsi una domanda: quale azienda privata ti terrà oltre i 70 anni? Nessuna. Ci saranno migliaia di over 55 disperati. Già tra cinque, sei anni sarà un problema, ma in una decina d’anni sarà un problema drammatico per milioni di persone“. Milioni di persone: i trentenni e quarantenni di oggi.

 

FONTE |  theguardian.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >