Society
di Simone Stefanini 12 Settembre 2017

In questo momento l’Italia è un paese razzista

Come la scelta di una velina possa dire molto sull’Italia di oggi

Le nuove veline di Striscia la notizia kataweb - Le nuove veline di Striscia la notizia

 

Al momento, l’Italia è un paese razzista. Quando accade una qualche tragedia, una fetta di elettorato è portata a scaricare la colpa sui migranti di colore, ipotetici portatori volta per volta di malattie, miseria, delinquenza, sfortuna e ladri di lavoro. Louis C.K. una volta ha affermato che se uno straniero senza contatti e soldi, senza conoscere la lingua riesce a rubarti il lavoro, forse lo stronzo sei tu. Questa tesi, per quanto poggi su solide basi,  non attecchisce nei confronti della maggioranza rumorosa che sbraita robe irripetibili sui social, nei bar, in coda alla posta, in strada, e che di essere razzista non si vergogna più.

Siamo passati fin troppo rapidamente dal controsenso “Io non sono razzista ma…”, che identificava chiunque lo usasse come razzista, al coming out: “Sono razzista e me ne vanto, i politici hanno rovinato l’Italia, la Boldrini pensa più agli extracomunitari che a noi.”. 

 

Un titolo razzista grab by leggo - Un titolo razzista

 

L’11 settembre 2017, il più nazionalpopolare dei programmi tv, Striscia la Notizia, ha presentato le due nuove veline. Una di esse è Mikaela Neaze Silva, padre dell’Angola, madre dell’Afghanistan, nata in Russia e residente in Italia dall’età di 6 anni. Ha la pelle scura e i commenti sui social non sono stati dei più gentili. Come potete immaginare, si parla di razza, di furto del lavoro alle ragazze italiane, di tentativo di sdoganare l’invasione. Per quanto non abbiamo mai amato i programmi di Antonio Ricci, é lodevole la scelta di far entrare nell’immaginario collettivo una bellezza etnica che sfata la dicotomia valletta mora e valletta bionda su cui si è costruito l’immaginario collettivo (certo che dovremmo superare anche il concetto di valletta, ma oggi parliamo di un altro argomento) .

Non è la prima volta che Striscia tenta l’inclusione. L’anno scorso ha avuto un’inviata musulmana, Ajeaj Bezzaz. Non è neanche la prima velina extracomunitaria, ci sono state vallette brasiliane e russe, ma essendo di pelle bianca non hanno mai creato tafferugli web.

 

Uno dei tanti commenti kataweb - Uno dei tanti commenti

 

Il dato che salta all’occhio è che l’odio collettivo non si rivolge più solamente alle risorse boldriniane, ai profughi che vivono a nostre spese con 35 € al giorno e che hanno lo smartphone, come narrano tutte le polemiche bufalare e gentiste. In questo caso si parla di una ballerina professionista, che lavora nello spettacolo, collega delle altre aspiranti veline. La situazione è degenerata a tal punto che se il colore della pelle prende una gradazione caramello, i razzisti vedono l’Uomo Nero, quello metaforico ma non troppo, giunto col barcone a invadere e uccidere. È un pensiero fuori di testa, che oggi sembra impossibile da sradicare.

La mia generazione è cresciuta coi programmi Rai presentati da Sammy Barbot, la generazione di mia mamma ricorda la showgirl Lola Falana. Entrambi di pelle nera, entrambi nel mondo dello spettacolo senza insurrezioni popolari da parte dei populisti di allora. Oggi, aver a che fare coi social (o con le sale d’attesa dal dottore, cripto social per eccellenza), fa venir voglia di chiuderci ermeticamente nella nostra filter bubble, ben sigillata, in cui non entrino pensieri di natura razzista, ma sappiamo bene che questa non è la soluzione. In questo momento l’Italia è razzista, per partito preso, per ignoranza, nonostante le evidenze mostrino che l’unica via per risolvere pacificamente i conflitti sia proprio l’integrazione, il negoziato, il compromesso.

Vedere i ragazzi migranti che formano una catena umana per aiutare le popolazioni colpite dall’alluvione di Livorno, questa è l’immagine di cui abbiamo bisogno. E sì: ci stanno aiutando a casa nostra.

 

 facebook

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >