monarchici italia 2017
Society
di Gabriele Ferraresi 17 Marzo 2017

Chi vorrebbe una monarchia e il Re in Italia nel 2017?

Oggi è l’anniversario della nascita Regno d’Italia: ma chi sono i monarchici italiani, oggi come oggi?

monarchici italia 2017  Sarebbe un’Italia veramente top

 

Il 17 marzo del 1861, nasceva il Regno d’Italia: durò fino al referendum del 2 giugno 1946, che sancì l’ingresso dell’Italia tra le repubbliche e l’esilio dei regnanti, la famiglia Savoia. Ma oggi, a più di 70 anni dal referendum che spedì Re Umberto II in esilio a Cascais – ma che ci portò anche tante cose buone come Italia amore mio, di Pupo, Emanuele Filiberto, Luca Canonici a Sanremo 2010 – chi è che vuole un ritorno della monarchia in Italia?

Chi è preferirebbe avere un sovrano e una famiglia reale? In fondo non sarebbe così strano: in Europa di monarchie ce ne sono, in Spagna e Lussemburgo per esempio, ma anche nei Paesi Bassi, in Belgio, in Norvegia, in Danimarca, e naturalmente nel Regno Unito, dove dal 6 febbraio 1952 domina tutto Elisabetta II. Vediamo un po’.

Prima però, una colonna sonora adeguata

 

 

A guidare – quantomeno, a guidarla nei risultati del motore di ricerca – la galassia monarchica italiana c’è sicuramente da tempo l’U.M.I., ovvero l’Unione Monarchica Italiana: “la più “antica” realtà associativa monarchica italiana; è stata fondata il 29 Agosto 1944 in Roma liberata, per iniziativa di Augusto De Pigner, Luigi F. Benedettini, Carlo Calvosa e Giuseppe Gullo” attivi su Facebook, su Twitter, su Youtube, avrebbero bisogno di un piccolo restyling al logo e al sito, oggettivamente un po’ datato e non in linea con lo stile che ci si aspetta da chi vorrebbe, magari anche solo per alta rappresentanza, la rinascita del trono d’Italia.

Possibile che non ci sia un art director monarchico disposto a dare una mano?

In occasione dell’anniversario della nascita del Regno domani a Roma i monarchici dell’U.M.I. organizzano un congresso dedicato a ricordare la figura di Re Umberto II, congresso dove non sarò – ma mi mangio le mani di non poterci andare – congresso con tanto di convenzioni per chi vuole pernottare.

Speriamo che sia un incontro vivace almeno quanto un altro evento, ma dell’anno scorso, sempre organizzato dall’Unione Monarchica Italiana: dove leggo su Il Giornale, fu ricordato che Padre Pio profetizzò il ritorno dei reali in Italia.

Tutto vero: “Alessandro Sacchi, presidente dell’Unione monarchica italiana ha le idee chiare e pensa già ad un ritorno della Casa Reale sul Colle “È nei fatti che la Repubblica è in agonia. Per questo dovranno trovare una soluzione che accomuni tutti. E qui si può riproporre lo stesso percorso del Risorgimento, con una guida morale terza e imparziale…”, afferma. Poi pensa ai Savoia e cita anche Padre Pio: “Non lo dico io, lo dice Padre Pio (il santo, in una profezia, avrebbe predetto il ritorno del Re in Italia, ndr). Lo dice uno più autorevole di me…”. Poi arriva una sorta di profezia…”.

Ma profezie di Padre Pio a parte, chi sono gli altri monarchici italiani?

Niccolò Carradori aveva raccontato su Vice alcuni dei giovani monarchici italiani, mentre su Termometro Politico c’è un lungo thread di qualche anno fa sempre a proposito dei movimenti monarchici del nostro Paese, abbastanza approfondito anche dal punto di vista storico.

In un’intervista piuttosto dura nei confronti dell’U.M.I. a Il Tempo proprio Emanuele Filiberto di Savoia citava come collegamenti di Casa Savoia in Italia l’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon e il Movimento Monarchico Italiano.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >