Society
di Giulio Passerini 25 Maggio 2016

Hobby impossibili, collezionare orologi da campanile

E noi abbiamo incontrato uno dei pochissimi che conserva e ricerca ancora oggi queste meraviglie di un altro tempo

20160403_174319  Uno degli orologi della collezione di Martino Lurani Cernuschi – Foto: Giulio Passerini

 

Quando il pesante portone di legno chiude fuori il rumore del traffico, resta un gran silenzio in questo cortile della Milano più signorile. Siamo in via Cappuccio, in pieno centro, a due passi dall’Università Cattolica e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, in uno degli angoli più antichi della città. Qui si trova Palazzo Lurani Cernuschi, dimora avita dei conti Lurani Cernuschi, milanesi da circa sei secoli. Per capirci, nel 1370 mentre Galeazzo Visconti tirava su il Castello Sforzesco, i Lurani Cernuschi stavano a Piazzale Cairoli a guardare.

Ma quello succedeva tanto tempo fa. Oggi Martino Lurani Cernuschi (trentatré anni) gestisce una location per eventi, collabora alla valorizzazione del patrimonio familiare e colleziona – fra le altre cose – orologi da campanile. O meglio “da edificio”, come tiene a precisare.

 

 

Quei grossi orologi che per secoli hanno scandito la vita delle città e che oggi, lentamente, stanno scomparendo sostituiti da apparati elettrici più efficienti ed economici. Negli anni ha messo insieme una delle più importanti collezioni d’Europa che conserva in un seminterrato del palazzo di famiglia. Noi siamo andati a visitarla.

 

Quando mi hai detto che collezionavi orologi da campanile immaginavo li tenessi in un hangar o una roba così. Visti da fuori sono talmente enormi! Invece tutto sommato sono abbastanza piccoli
Beh, però guarda che il loro peso ce l’hanno. Questo per esempio è un bestione da 400 chili. È fatto tutto di ferro, ottone, acciaio, bronzo e ghisa. Ce ne sono anche di molto più grandi ma sono ingestibili. E poi devo dire che il mercato degli orologi da campanile tende a valorizzare quelli più piccoli, proprio perché sono più gestibili in una collezione. Fra l’altro la dimensione del meccanismo non è data dalla grandezza del quadrante (le lancette in realtà sono estremamente leggere), ma dalla campana che deve fare suonare. Una grossa campana ha bisogno di un grosso martello, e quindi di un grosso ingranaggio. La grandezza del quadrante non è indicativa.

Ma come ti è saltato in testa di collezionare orologi da campanile?
Ho la fortuna di appartenere a una famiglia molto antica, che ha delle tradizioni, e questo di sicuro mi ha avvantaggiato. Mi hanno sempre inculcato il gusto per le cose belle, per l’antiquariato. Fin da piccolo sono stato attratto dalla musica e dagli orologi. Sono stati due percorsi separati che però a un certo punto si sono uniti. La prima passione è stata la musica, in particolare per l’organo a canne. Ho iniziato a suonare il pianoforte a sette anni e poi verso i dieci sono passato all’organo.

E poi come sei arrivato dagli organi agli orologi?
Nelle mattine d’estate, quando avevo quattordici anni, andavo in spiaggia o in barca. Nei pomeriggi invece giravo i paesini dell’entroterra ligure cercando organi da suonare.

 

20160403_173620  Foto: Giulio Passerini

 

Cioè, fammi capire bene, andavi nelle chiese e chiedevi se potevi  suonare l’organo?
Sì. E se la chiesa era chiusa andavo a rompere le balle ai preti in canonica. Quello era il mio divertimento, anche se non sempre è facile interloquire con certi preti liguri… però avevo anche delle strategie. Gli dicevo tipo “se mi fa suonare oggi pomeriggio, questa domenica vengo a suonarle la messa”.

Ma dicevamo degli orologi
Frequentando tutte queste chiese, e piacendomi gli orologi, a un certo punto mi è venuta voglia di salire sui campanili e vedere com’erano fatti gli orologi che c’erano dentro. La prima volta è capitato in una chiesa vicino Santa Margherita Ligure. Il vecchio meccanismo era a pezzi, sparso per il campanile, perché ormai c’era un motore elettrico che lo sostituiva. Ho fatto un’offerta al prete per portarmi via tutto e lui ha accettato.

Quanto ti è costato quel primo orologio?
Avevo quattordici anni e ho dovuto fare una certa opera di convincimento in famiglia. Mi sa sulle 400.000 lire, le paghette di un bel po’ di tempo. Il prete si sarà fregato le mani per una settimana perché era veramente un ammasso di ferraglia quell’affare lì.

Me la vedo la scena con i tuoi: “ma non può leggere riviste porno come tutti gli adolescenti? No, lui c’ha gli orologi da campanile”
Certo, adesso non prenderei più un orologio come quello, ma allora mi sembrava bellissimo. Comunque, visto che un prete mi aveva dato il suo orologio da campanile, mi sono detto che potevo provare anche in altre chiese.

 

20160403_174049  Foto: Giulio Passerini

 

Ma non sono vincolati come patrimonio storico o qualcosa di simile? Dove sta il discrimine tra quelli da collezionare e quelli che è giusto che rimangano lì dove sono?
All’inizio acquistavo quelli che pensavo sarebbero stati gettati via. Per cui, anzi, sono convinto di averli salvati. Anche perché la mia collezione la apro al pubblico, la faccio visitare… Poi mi sono orientato sul mercato e acquisto quello che trovo, spesso su eBay. Ormai è diventato difficile trovare pezzi molto molto belli nelle chiese.

Quand’è che un pezzo è molto molto bello?
A me piacciono gli orologi costruiti fra il 1850 e il 1940. Ho scelto questo periodo di tempo perché sono tecnologicamente più interessanti. Più è complesso il meccanismo, più mi piace.

Quanti siete in Italia a collezionare orologi da campanile?
Ci sono quattro musei collegati a fabbriche che in passato producevano orologi da campanile. Come collezionisti invece saremo in sei, a dir tanto.

Quanti ne hai raccolti negli anni?
Circa una cinquantina. Una parte sono qui ma lo spazio sta per finire, devo organizzarmelo. Perché poi a un certo punto ho cominciato a collezionare strumenti musicali automatici. Tipo Carillon, Organetti a manovella, pianoforti automatici, pianole, organi.

Qual è il prezzo più pregiato della tua collezione?
Gli orologi da campanile non sono delle cose eccezionalmente preziose, anche perché non c’è un mercato grandissimo. Io non ho mai pagato delle cifre mostruose: diciamo dai 1.000 ai 5.000 euro. Un pezzo proprio importantissimo può arrivare a 10.000. Poi ogni tanto capita che un antiquario ti chieda delle cifre assurde puntando magari al mercato dell’arredamento di lusso.

Come funziona il mercato degli orologi da campanile?
Molto si muove su ebay, o tramite conoscenze. E poi ci sono le aste di orologeria di Sotheby’s, Christie, Bonhams.

Il Gronchi rosa dell’orologio da campanile qual è?
I top del mondo secondo me sono tre: uno si trova nella cattedrale di Strasburgo, un altro in quella di Besançon, e il terzo a Beauvais. Si tratta di orologi astronomici complicatissimi. Tutto il blocco dell’orologio sta in chiesa, a vista, e poi c’è un rimando che porta il movimento al quadrante del campanile, su in cima. Avranno qualcosa come 90.000 componenti. Sono enormi.

Dov’è installato il più grosso orologio del mondo?
Una volta quello col quadrante più grosso stava sopra la fabbrica della Colgate, quella del dentifricio. Aveva un diametro di circa 20 metri. Ma ora è stato superato da un orologio che hanno messo in cima a un  grattacielo alla Mecca, ha un diametro di circa 40 metri. Come meccanismo invece ti direi quei tre orologi astronomici di cui ti parlavo.

Di solito a che stadio di una relazione dici “hey, vieni su che ti faccio vedere la mia collezione di orologi”?
Abbastanza presto, lo ammetto. Per la cronaca, chiunque mi voglia sposare si deve prendere anche gli orologi e gli organi. Se mi venisse posto un ultimatum, non avrei nessun dubbio su cosa scegliere.

Raccontami un aneddoto da collezionista
Una cosa interessante mi è capitata con un vecchietto che aveva una fabbrica che in passato aveva prodotto orologi da campanile. Dieci anni prima era andato in questa chiesa per montare l’orologio nuovo, solo che dopo aver portato via metà del vecchio, c’è stato un litigio col parroco che non gli ha più voluto dare il resto dell’orologio. Io avevo per le mani un orologio che sapevo che interessava al vecchietto mio amico e così gli detto: questo lo lascio a te, però tu mi dai la tua metà di orologio. Poi ho chiamato dei preti amici miei e ho fatto in modo che intercedessero per me con il parroco della chiesa dove stava l’altra metà. Così sono riuscito a riunire l’orologio.

Esistono ancora fabbriche di orologi da campanile?
Meccanici no. Anzi sì, una esiste, in Messico. Ma credo sia l’unica al mondo. Fanno orologi come noi li facevamo ottant’anni fa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >