pornodipendenza
Society
di Sandro Giorello 2 Marzo 2016

Si può davvero diventare pornodipendenti?

È un tema molto complesso e delicato, e su cui non si è ancora arrivati ad un punto fermo

pornodipendenza

 

Quello della pornodipendenza è un tema molto articolato e, al tempo stesso, delicato. I tabloid spesso dedicano intere pagine a nomi noti del mondo dello spettacolo  – i più quotati di solito sono Mel Gibson, Charlie Sheen, Cameron Diaz e Tiger Woods – ma spesso non c’è mai un vero riscontro oggettivo a tali insinuazioni.

Recentemente ha fatto notizia il coming out del comico e ex giocatore di football americano Terry Crews che, direttamente dalla propria pagina Facebook, ha dichiarato di essere pornodipendente da quando aveva 12 anni e che tale comportamento gli ha causato problemi decisamente gravi – “la pornografia ha rovinato la mia vita, in diversi modi”,  dice Crews  – non solo per lui ma anche per la sua famiglia.

Dirty Little Secret

Pubblicato da Terry Crews su Giovedì 11 febbraio 2016

 

Ovviamente quando si parla di queste cose c’è anche un’importante questione etica che riguarda molti temi diversi, in primis il ruolo e la figura della donna nei film hard. E lasciamo perdere anche le tante statistiche che tenterebbero di quantificare le dimensioni della pornografia in rete – quanti siti sono presenti, quante ricerche al giorno, ecc – perché sono spesso discordanti e difficili a prendere sul serio. In questa sede, però, preferiamo rimanere aderenti all’osservazione del fenomeno dal mero punto di vista clinico, già di per sé molto complesso.

Non c’è un parere univoco e chiaro sul fatto che la dipendenza dalla pornografia possa essere considerata a tutti gli effetti una malattia. Secondo il sito Psychguides.com – che offre anche un numero di soccorso gratuito per chi ha problemi psicologici – questo tipo dipendenza esiste eccome: può derivare sia da fattori genetici, psicologici (e legati quindi a patologie come la depressione, l’ansia ed i comportamenti compulsivi) o inerenti al modo di come ognuno di noi reagisce all’interno della propria rete sociale.

Secondo il sito, l’eccessivo utilizzo di materiale pornografico avrebbe un effetto tale sul nostro cervello da alterare il rilascio di dopamina e creare addirittura gravi danni a livello neurologico.

 

 

Di contro c’è tutta una serie di studi che, pur provando a prendere il tema da più punti di vista, si ritrovano a costatare che non ci sono prove a sufficienza per accertare che la dipendenza dal porno possa essere considerata una patologia.

La prestigiosa American Psychiatric Association, ad esempio, non è mai riuscita a dimostrarlo: i suoi studiosi hanno affermato in più occasioni che l’eccessivo uso di pornografia può essere certamente considerato un problema ma, a loro avviso, non è possibile definire in maniera univoca a che livello deve essere considerato pericoloso per una persona.

Uno studio del 2013 ha osservato le risposte di determinate onde cerebrali che si creano quando guardiamo un’immagine pornografica e le ha confrontate con quelle generate dall’utilizzo di sostanze stupefacenti, concludendo che non si può parlare di dipendenza ma più di una serie di atteggiamenti compulsivi.

 

porno-dipendenza

 

Insomma, non è terreno facile, sia perché non è possibile individuare un metodo preciso per studiarlo, né tanto meno si può trovare una persona che non abbia mai fatto uso di pornografia in vita sua e prenderla come modello per definire, invece, cosa significhi abusarne. David Ley, lo psicologo autore del famoso libro The Myth of Sex Addiction ha sempre accusato studi di questi tipo definendoli approssimativi, limitati e carenti di obiettivi precisi.

Certo non lascia indifferenti il fatto che un bestione alto un metro e novanta decida di dire ai suoi sette milioni di fan su Facebook una frase pesante come: “Se si passa dal giorno alla notte e tu li stai ancora guardando, è probabile che tu abbia davvero un problema”. Come si dice spesso, il primo passo per risolvere un problema è ammettere di averlo.

FONTE |  qz.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >