Society
di Marco Villa 24 Gennaio 2017

10 cose che potrebbero succederti a un primo appuntamento con Alessandro Di Battista

Dibba si è fidanzato e secondo noi le cose sono andate più o meno così

Non gli si può dire che è un buon partito, perché lui i partiti li odia tutti, però Alessandro Di Battista è un giovane e aitante protagonista della politica italiana. Fino a oggi single, o almeno senza relazioni sbandierate, per quanto belloccio.

Capite bene che la foto pubblicata su Instagram in cui presenta una certa Sahra (con l’acca non alla fine) come la ragazza “che sta frequentando” rischia di diventare il cuore del gossip politica di questa settimana.

Nel dare il lieto annuncio, Dibba chiede di rispettare la privacy della ragazza. Un po’ difficile che accada, ma da parte nostra abbiamo deciso di ascoltare la richiesta e non abbiamo fatto nessuna ricerca su di lei. In compenso abbiamo provato a pensare a come potrebbe essere andato il primo appuntamento tra i due e ci sono venute in mente queste dieci cose. Sì, secondo noi sono successe senza ombra di dubbio.

Daje Sahra con l’acca non alla fine, lanciatevi nell’amore social: vi vogliamo come Fedez e Ferragni!

 

1. Quando arriva non ti chiede “come stai?”, ma “come sto?”

2. Doveva passare a prenderti lui, ma ha messo lo scooterone in vendita su eBay e non se la sente. Metti che si riga…

 Ebay

 

3. Ti porta a mangiare in un ristorante latinoamericano a caso: non sa se lì si mangia bene, in compenso per ogni piatto ha un aneddoto del suo Grande Viaggio da raccontare

4. Se il cameriere sbaglia ordinazione, parte con il monologo: “Non li sopporto più”

 

 

5. A un certo punto guarda nel vuoto e il suo occhio diventa velato. Tu le tocchi la mano, lui si ridesta: “Scusa, stavo pensando alla mia Africa. Sai, non riesci a togliertela mai davvero dalla testa”.

6. A fine serata lascia la mancia, ma chiede al cameriere di depositarla in un fondo per le piccole e medie imprese

 

 Facebook

 

7. Usciti dal ristorante, ti fa una dichiarazione d’amore, ma ti dice che non ti porterà mai tre metri sopra il cielo, perché i voli di stato sono una vergogna

8. In compenso, ti chiede di aiutarlo a scrivere una recensione su TripAdvisor: ovviamente mette 5 stelle

 

 Instagram

 

9. Ti confessa di essere rimasto affascinato dal nome Sahra, perché gli ricorda il Sahara. Lui non c’è mai stato, ma in compenso, forse non lo sai, ha viaggiato in altri posti dell’Africa e in America Latina. A proposito, ha un aneddoto spassosissimo, ma dal retrogusto toccante

10. Sotto casa prova a baciarti, ma all’ultimo si tira indietro: deve prima chiedere a Beppe

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >