Society
di Federica Calvo 16 Luglio 2018

Perché il Rolex è sinonimo di lusso?

L’orologio Rolex è spesso tirato in ballo anche dai leader politici per definire “casta” chi lo indossa. Ma com’è diventato uno status symbol?

Ha fatto più danni la poetica di Comunisti col Rolex dei prodi (lol) Fedez e J-Ax della grandine. La metafora è elementare ai limiti della banalità: se appartieni politicamente alla sinistra non puoi vestirti con capi di lusso o indossare accessori costosi altrimenti sei un sepolcro imbiancato, ipocrita e falso. Contenti loro, contenti tutti ma siccome nel dibattito politico spunta molto spesso il brand Rolex, specie quando si vuole attaccare qualcuno del PD (leggasi sparare sulla Croce Rossa), allora vediamo un po’ perché questo marchio è diventato lo status symbol per eccellenza.

 

 

La storia di questo orologio fortunato inizia nei primi anni del secolo scorso con Alfred Davis e suo cognato Hans Wildfor che nel 1905 incominciarono a importare in Inghilterra i primi meccanismi, successivamente assemblati in lussuose casse create da altri gioiellieri dell’epoca. La scelta del nome deriva dall’esigenza dei due produttori di trovare un nome corto per adattarlo facilmente al quadrante, semplice, pronunciabile in ogni lingua, facile da ricordare e soprattutto che avesse un certo appeal sulle persone partendo innanzitutto dal design personalizzato con le prime funzioni moderne: impermeabilità, sistema di carica automatica e certificato di cronometro.

Materiali preziosi, rifiniture curate fin nei minimi dettagli, qualità e garanzia, la precisione svizzera dei meccanismi, i micropezzi che alla fine costituiscono un pezzo unico ed esclusivo, sono tutte caratteristiche che un orologio deve avere per essere chiamato Rolex.  Il primo personaggio pubblico ad apparire con il simbolo di lusso al polso è stato l’attore Sean Connery nei panni del famoso agente segreto James Bond, da lì la lista è lunga e promiscua: il comandante Che Guevara, la modella Cindy Crawford, l’attore Steve Mc Queen fino alle icone italiane, dall’Avvocato Gianni Agnelli che lo portava rigorosamente sul polsino all’amato conduttore televisivo Alberto Angela.

 

 

 

Giorgio Gaber in un brano del 1994 cantava “un pacchetto di Marlboro è di destra, di contrabbando è di sinistra” e oggi, nell’immaginario comune, sostituendo le sigarette con il Rolex il giochino funziona lo stesso. Anno dopo anno si è imposto come la Porsche degli orologi, se non ce l’hai non sei in seria A, sorry. E allora ecco come questo orologio è diventato un oggetto identitario. In particolare rapper, aspiranti rapper, fake rapper, manager, manager stagisti, sono i ‘testimonial 2018’ del brand di orologi più famoso al mondo. Il rolex è diventato la condizione neessaria da avere per essere una persona di successo.

 

 ngaclub

In realtà ci siamo chiesti cosa avesse tanto di speciale un Rolex per essere sempre associato a sinonimi di sfarzo e lusso, ma finora siamo arrivati alla consapevolezza che, come tante altre cose, è un costrutto che la società ha inventato. Rimaniamo dell’idea che un oggetto non definisce chi sei, nè quale partito voti. Ognuno può decidere dove investire i propri soldi con la cognizione che le mode costano.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >