Society
di Simone Stefanini 30 Giugno 2015

Mi hanno rubato la bicicletta e non mi sono ancora ripreso

Il ladro di biciclette ti ruba la libertà. È un furto impossibile da perdonare.

ladro-di-biciclette

Innanzitutto voglio scusarmi con voi se sto facendo della mia vita un’opera d’arte, ma ancora una volta parto da uno spunto personale per parlare di qualcosa che riguarda tutti. Perché da che mondo è mondo le biciclette vengono rubate e se non ti è capitato mai, vuol dire che sei tu il ladro, quindi facciamo i conti dopo.

Io sono stato fortunato, non lo nego. Nei miei primi 40 anni non mi era stata mai rubata. Sarà perché ho sempre avuto degli accrocchi che chiamare biciclette è pietismo, delle robe col telaio da mountain bike, il cestino davanti, i molloni da cross e il manubrio della Graziella, di cento colori spaiati tutti saldamente tenuti insieme da uno strato di ruggine talmente spesso da provocare la morte istantanea di Enzo Miccio. Comunque mi portavano a destinazione e le ritrovavo sempre dove le avevo parcheggiate.

Domenica scorsa invece è successo l’irreparabile. La mia bici nuova, fiammante (da donna del valore di 200 euro, non v’immaginate una Cannondale che costa più di una Panda), era stata portata per la prima volta al mare. Insieme stavamo benissimo. Lei mi faceva sentire bello, non mi faceva dolere la schiena (che per noi vecchi è la conditio sine qua non dell’acquisto della bici) aveva le lucine davanti e dietro e pure il cestello per portare lo zaino. Fluiva serena come la vita di un monaco zen e il cambio era talmente ben regolato da non farmi mai sentire la fatica. Mastrota ne sarebbe stato fiero. Era talmente bella che di notte la immaginavo coi seni e coi capelli al vento, come simbolo femminile di bellezza e di indipendenza. Non le avevo ancora dato un nome perché l’avevo acquistata tre giorni prima e non avevo avuto il tempo materiale. I miei amici non l’avevano nemmeno ancora vista. Era il debutto ufficiale.

L’ho parcheggiata legata ad un cartello di legno spesso, di quelli che danno le informazioni in pineta, a due passi dal mare, per non farle prendere il salmastro che poi le avrebbe increspato i capelli. Una gentilezza, la mia, che mi sarebbe costata cara.  Una volta saldamente incatenata, sono andato a fare un bagno, col magone. Passata nemmeno un’ora, ho deciso di andare a trovarla, perché già mi mancava. Non c’era. Aspetta, non c’era nemmeno il palo.

Il figlio della merda che si è preso l’incomodo di farmi sanguinare il cuore ha addirittura divelto il lungo pilone ligneo che stava sotterrato di almeno mezzo metro, pur di strapparla al mio affetto. Me la immagino urlante, mentre seviziata da mani rudi veniva tradotta dentro un lercio furgone, ancora legata. Mi immagino il suo campanello, muto, che tenta di far rumore per mandarmi in codice morse il messaggio “perché mi hai abbandonato, avevi detto che mi amavi.”

Sapendo che sovente i figli della merda imboscano le bici negli anfratti della foresta, ho girato in lungo e in largo i dintorni, ho chiamato rinforzi, ci siamo divisi, siamo stati punti da ogni tipo di creatura volante, per tornare al mare col cuore di tenebra. Mi era stata rubata e non l’avrei trovata mai più.

Non è per il valore monetario (che comunque vaffanculo), è perché l’amavo. Perché era mia. L’avevo regolata  perché aderisse alle mie corte e tozze leve,  insieme eravamo una macchina perfetta, che non conosceva difetti. Nel tornare all’umiliazione, elaborarne il lutto è cosa dolorosa, poiché ogni tanto mi torna in mente, bella com’era, forse ancor di più.

Questo racconto è per te, uomo orribile. Per te che pensi che rubare le biciclette sia un danno di poco conto, ben diverso dal furto in banca o in villa. Ti sbagli, schifoso. È un crimine talmente abietto da far diventare la vittima di estrema destra texana. Perché quando ti scegli la bici, ti scegli una compagna che ti porta a scuola, a lavoro, dal tuo amore, a mangiare un gelato o a fare serata senza l’assillo della patente, che ti porta al mare, in montagna, sul lago, che sai come curare quando esce la catena o quando si sgonfia una gomma. È un mezzo che capisci, che potresti smontare e rimontare da solo, che ti fa credere di essere capace, di essere libero.

Mi hai rubato la libertà e io non te lo perdonerò mai.

Questa invece è per te, ragazza mia.

“Non so con chi adesso sei 
non so che cosa fai 
ma so di certo a cosa stai pensando 
è troppo grande la città 
per due che come noi 
non sperano però si stan cercando”

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >