Society
di Simone Stefanini 10 Febbraio 2015

Sanremo: ascesa, declino e reunion di Al Bano e Romina Power

Il sogno della coppia che non si lascia nemmeno dopo essersi lasciata. Ma siamo sicuri che sia un sogno?

La storia del Festival di Sanremo passa attraverso le peripezie sentimentali di Al Bano e Romina Power. Le partecipazioni del duo sentimental-canoro sono state 5, in un arco di tempo dal 1982 al 1991 e poi il vuoto, incolmabile.

La coppia si forma durante le riprese del film musicarello “Nel Sole” del 1967. Lì si innamorano e da quell’incontro convoleranno a nozze, con il parere opposto delle famiglie, in quanto Romina, giovanissima e bellissima, è figlia dell’attore Tyrone Power e Albano (che si chiamava sempre tutto attaccato) è figlio di agricoltori pugliesi. Ma l’amore trionfa, in stile Renzo e Lucia e i due lo dimostrano anche in questo estratto dal film:

 

I due, sempre più in love, ci provano anche in italo-inglese, sfruttando la pronuncia della nativa Romina, come si evince dalla partecipazione all’Eurofestival del 1976 con “We’ll live it all again”:

https://www.youtube.com/watch?v=ZLOBznDn0M8

 

Le due voci creano una pasta mai sentita prima, perché Romina è la regina del sospiro un po’ stonato che ti fa credere di poterla amare, ma l’impianto di 5 chorus nell’ugola di Albano e la potenza con cui il ragazzone di Cellino può spaccare bicchieri con i soli acuti, ti fa tirare i remi in barca rispetto al pensiero precedente.

Nel 1982  i due entrano nella leggenda, partecipando a Sanremo con “Felicità”, l’inno del turbosynth e della gioia nelle piccole cose: panino, vino ecc:

 

1984,  bissano con “Ci Sarà”, canzone utopica su come sarà il futuro: bello.

https://www.youtube.com/watch?v=a7IrKgniJT8

 

Nel 1987, “Nostalgia Canaglia”, l’inno di tutte le generazioni a venire, che da quell’anno, inizieranno a diventare nostalgiche già alla fine della terza media:

 

Il 1989 vede la coppia cantare a Sanremo “Cara Terra Mia”, pezzaccio simil reggae con tentativo di svecchiamento, ricordato soprattutto per quel “come va come va? – “tutto ok tutto ok” che regala brividi di felino imbarazzo al pubblico a casa (purtroppo sul tubo sembra mancare la versione sanremese quindi proponiamo un RVM di sicura vergogna:)

 

Purtroppo, la fine degli anni ’80 segna anche la parabola discendente della coppia di ferro, che si esibisce per un’ultima volta insieme al Festival con una canzone sentimental-dimenticabile dal titolo menagramo “Oggi Sposi”:

 

In quel decennio, per Al Bano e Romina ne passano di tutte, dal lutto per la scomparsa della figlia Ylenia, fino alla separazione nel 1999. Poi la Lecciso, Romina che fa la pittrice, la santona e diventa baluardo contro le scie chimiche, Al Bano che vince la causa di plagio contro Michael Jackson, che va all’Isola dei Famosi, che accusa Romina di fumare la ganja, l’odio reciproco, fino ai milardoni dei russi che di fatto li fanno riunire a Mosca e che ci ricordano quanto sia importante l’amore, quello vero:

 

Stasera, tornano sul palco del Teatro Ariston di Sanremo, per coronare un sogno lungo una vita, quello della coppia che non si lascia nemmeno dopo essersi lasciata.
Aspetta, non siamo sicuri sia davvero un sogno.

Romina-Power-a-Chi-lha-visto-Mi-dissocio-da-Albano-638x425

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >