Society
di Simone Stefanini 20 Dicembre 2017

Il sindaco di Como che multa i poveri per non turbare lo shopping natalizio

L’ordinanza che impedisce di fare beneficenza ai senzatetto e li multa se chiedono un aiuto è assurda

L’immagine non mostra Como, foto © FaceMePLS  L’immagine non mostra Como, foto © FaceMePLS

 

Questi i fatti, come riportati dall’Ansa: due agenti della polizia di Como pare abbiano impedito a un gruppo di volontari di portare la colazione ai senzatetto che dormono per strada, sotto il portico dell’ex chiesa di San Francesco, nella città lombarda. I poliziotti sembra abbiano fatto rispettare con rigore l’ordinanza su decoro urbano firmata dal sindaco Mario Ladriscina (coalizione composta da Forza Italia, Lega e Fratelli D’Italia). L’ordinanza durerà 45 giorni e vieta di mendicare in forma statica o dinamica, pena sanzioni dai 50 ai 300 € per i senzatetto e il sequestro cautelare dei mezzi per mendicare.

Semplifichiamo i fatti per analizzarli meglio: un sindaco a capo di una coalizione di centro destra ha deciso di nascondere la povertà durante il periodo natalizio, per rendere lo shopping delle feste più gradevole ai cittadini. Per attuare questa strategia, ha deciso di vietare ai volontari di aiutare i poveri e di multare questi ultimi, requisendo loro il cappello o il piattino per le offerte.

Avete letto bene: multa ai clochard, ai senzatetto, a quegli esseri umani che per un motivo o per un altro vivono per strada e che rimangono in vita solo grazie al volontariato e alla beneficenza. Esseri umani al pari nostro, che dolore doverlo ribadire ogni volta, che hanno avuto un’infanzia come la nostra e sanno bene cosa sia il Natale, quello dei ricordi e quello da soli, da vivere in una situazione d’indigenza.

Qualche consiglio sparso e di certo non richiesto al Sindaco di Como: la povertà non va nascosta sotto il tappeto come la polvere quando arrivano gli ospiti nel salotto buono. Vanno stanziati fondi, creati mezzi e agevolazioni per rendere la vita dei più poveri quanto più dignitosa possibile.

L’ordinanza del suo Comune è quanto di più lontano da ogni spirito natalizio (che in soldoni dovrebbe essere lo spirito di umana fratellanza), sia esso cattolico o quello consumistico dei film americani pieni di buoni sentimenti. Va contro ogni morale e è in sostanza un provvedimento anti-umano.

Multare i poveri per non importunare i ricchi (semplificazione quantomai efficace) è fuori da ogni logica che non sia quella dello Sceriffo di Nottingham nel classico Disney Robin Hood, ma qui in ballo c’è la vita reale. Di certo, quando ha firmato l’ordinanza non ha pensato al clamore a livello nazionale che quell’emendamento sfortunato avrebbe portato con sé, ma fortunatamente viviamo in un’epoca in cui l’iperconnessione porta alla conoscenza delle ingiustizie sociali che in un altro momento sarebbero passate sotto silenzio.

Giusta la denuncia dei volontari del gruppo WelCom, giuste le manifestazioni contro il Sindaco e un’ultima, breve  riflessione generale: avere meno soldi in tasca per comprare le cose non ci deve far diventare più stronzi nei confronti di chi stenta a vivere, altrimenti come ne usciamo dalla crisi, quella vera?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >