Society
di Claudia Mazziotta 23 Aprile 2020

Singapore: quando il nastro adesivo per promuovere la distanza sociale diventa un elemento architettonico niente male

Il nastro adesivo diventa elemento architettonico a Singapore, stravolgendo, in alcuni casi anche positivamente, l’architettura pubblica della città con linee, cerchi e altre forme geometriche. Un piacevole effetto collaterale alla promozione del distanziamento sociale

Per promuovere il distanziamento sociale, i residenti di Singapore hanno cominciato ad usare nastro adesivo colorato per delimitare molte aree comuni, come parchi e centri commerciali ma anche bar, stazioni e bagni pubblici. I nastri adesivi sono apparsi davvero ovunque, e spesso il risultato è stato quello di aver arricchito e trasformato l’architettura pubblica. Un effetto imprevisto collaterale che, in alcuni casi, non è affatto male.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Observing Safe Distancing 👀 (@tape_measures) in data:

Soprattutto sui pavimenti, i nastri adesivi luminosi indicano il punto in cui rimanere in attesa del proprio turno per servirsi al bancone, al McDonald’s o in libreria. Sui tavoli, sulle panchine, sui gradini ci sono delle “X” che indicano dove non puoi prendere posto o dove non puoi posare le tue cose. I nastri adesivi sono ovunque, in ascensore e anche in palestra, dove i rettangoli sul pavimento indicano quale è la tua postazione per allenarti e fare i tuoi esercizi.

Si tratta di misure di sicurezza, tuttavia, l’effetto è stato quello di aver trasformato l’architettura pubblica anche in senso positivo: il nastro stesso, con le sue aggiunte geometriche, le sue frecce, le linee, diventa parte integrante degli spazi pubblici ed elemento architettonico.

L’account @tape_measures ha raccolto le foto di questi luoghi stravolti dalla necessità di mantenere la distanza sociale l’uno dall’altro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Observing Safe Distancing 👀 (@tape_measures) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Observing Safe Distancing 👀 (@tape_measures) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Observing Safe Distancing 👀 (@tape_measures) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Observing Safe Distancing 👀 (@tape_measures) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Observing Safe Distancing 👀 (@tape_measures) in data:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >