Society
di Claudia Di Meo 7 Gennaio 2015

Le avventure post-mortem da brivido di 5 personaggi storici famosi

Quando la vita non finisce con la morte.

Per la maggior parte di noi la morte rappresenta la fine di un viaggio almeno nel senso terrestre, che si conclude con la sepoltura, la cremazione o la conservazione delle ceneri in vasi e reliquiari, Un’operazione quasi scontata se sei una persona qualsiasi.

Tuttavia quando si tratta di personaggi famosi, i resti diventano dei veri e preziosi souvenir ed è per questo che i corpi di alcuni artisti, attori o poeti, hanno vissuto dei veri e proprio viaggi pieni di peripezie, prima di trovare pace.

FONTE | http

1. Frederic Chopin

frederic-chopin_c_jpg_681x349_crop_upscale_q95

Si narra che Frederic Chopin sul letto di morte chiese che il suo cuore fosse tagliato via e sepolto a mille miglia di distanza dal resto del suo corpo in putrefazione. L’ultimo desiderio del compositore era quello di tornare a Varsavia, ma era troppo malato per recarsi di persona prima della morte e per le leggi di allora un corpo senza vita non poteva essere trasportato tanto a lungo. Il cuore tuttavia riuscì a ricongiungersi con la sorella di Chopin nella città natale e fu conservato all’interno di una fiala di cognac e nascosto nella Chiesa di Santa Croce. Trovato da un nazista il cuore fu dato per spacciato, ma per fortuna il soldato in questione era un grande estimatore di Chopin e quando la guerra fu conclusa riportà la fiala di cognac in chiesa. Per quanto la storia possa sembrare inverosimile, è stata confermata dalla recente riesumazione nella chiesa polacca.

 

2. Percy Bysshe Shelley

percy-bysshe-shelley

Il marito di Mary Shelley, autrice di Frankestein, morì annegato al largo delle coste italiane nel 1822. Il suo corpo arrivò sulla terraferma 10 giorni dopo il decesso in condizioni tutt’altro che buone. Poichè le leggi italiane per la quarantena impedivano che cadeveri stato di logoramente avanzato venissero avvicinati ai centri abitati, l’amico Edward Trelawny allestì un falò sulla spiaggia per cremare il corpo del poeta. Mentre il corpo ardeva, Trelawny si rese conto che un pezzo resisteva alle fiamme e così pensando che si trattasse del cuore lo riprese. Probabilmente non era il cuore di Shelley, ma il suo fegato, reso resistente al fuoco dell’ingente quantità d’acqua ingerita.  Indipendentemente da quale organo fosse, Trelawny non riuscì a tenere l’organo del suo amico a lungo e lo consegnò a Leigh Hunt, anch’egli presente al falò. Infine giunse alla famosa moglie Mary che lo avvolse con una lastra di argento e lo conservò in un sacchetto di seta fino a quando morì.

 

3. John Barrymore

tumblr_m6er6oZhj31qa1agco1_500 (1)

Quando il nonno dell’attrice Drew Barrymore morì, l’alcool aiutò Errol Flynn e Raoul Walsh a consolarsi per la scomparsa dell’amico e collega, ma probabilmente fu causa anche dello scherzo più macabro e geniale di tutti i tempi. Walsh infatti con la scusa di aver bevuto troppo si allontanò da casa di Flynn e raggiunta la camera ardente dove il defunto Barrymore stava per essere cremato, riuscì a portarsi via il cadavere, corrompendo il direttore del centro. Tornato nell’abitazione di Flynn pose il corpo di Barrymore sul divano, come se fosse ancora vivo. Quando l’amico scese giù ancora ubriaco, inciampò nell’interruttore della luce e visto Barrymore sul divano si spaventò così tanto da fuggire via di casa, giurando di essersela fatta letteralmente addosso. Lo scherzo ovviamente era avvenuto illegalmente, ma i due riuscirono a riconsegnare il cadavere prima dei funerali e Flynn sta ancora cercando di pulire via la puzza dai mobili delle sua casa.

 

4. Joseph Haydn

download

Quando il compositore austriaco morì, il suo corpo fu sepolto in una comune fosse senza alcuna cerimonia, in quanto all’epoca non gli erano ancora stati riconosciuti molti meriti. Qualche anno dopo però con il diffondersi della frenologia, una teoria pseudoscientifica che affermava che fossi e avallamenti nel cranio determinassero il talento di una persona, l’ex segretario del principe Joseph Rosenbaum deciso di riesumare Haydn e di staccargli la testa per analizzarla, credendo che mai nessun altro sarebbe anndato a vedere nella tomba del compositore. Con l’aiuto di altri curiosi tutt’altro che impressionabili, il cranio fu spellato e diviso fra tutti i partecipanti come souvenir. Sfortunatamente però il principe Esterhazy comprese che Haydn meritasse più gloria e così decise di dargli nuova sepoltura. Quando si rese conto che il corpo era stato privato della testa, ne cercò i colpevoli. Rosenbaum fu individuato subito e per non consegnare il pezzo originale di cranio che possedeva ne acquisto uno generico da un impresario di pompe funebri. Nel frattempo il cranio originale cominciò ad andare in giro per l’Europa fino ad essere custodito su un pianoforte all’interno di una teca di vetro dagli Amici della musica viennesi. Solo duencento anni dopo ci si è resi conto dell’inganno e la testa originale è stata restituita al suo corpo già sepolto, tuttavia per non riesumare nuovamente il cadavere le teste non sono state sostituite, ma quella originale è stata semplicemente gettata all’interno della tomba. Joseph Haydn ha attualmente due teste.

 

5. Thomas Paine

MTE5NTU2MzE2MzM3NTcxMzM5

Quando Thomas Paine morì il suo valore politico e attivista non era ancora stato riconosciuto anzi era addirittura visto di cattivo occhio, tanto che senza tanti scrupoli fu gettato in una fossa sotto un albero e alla cerimonia del suo funerale presero parte solo sei persone, meno di quelle che ci vogliono per una squadra di calcio. Dieci anni dopo però William Cobbett, un vecchio rivale, preso dai sensi di colpa rivalutò il valore di Paine e decise così di riesumare il suo scheletro per dargli una più degna sepoltura. Ad ogni modo a causa delle leggi inglesi e dell’ allora brutta reputazione di Paine, Cobbett non riuscì nel suo intento e decise di custodire lo scheletro in un baule fino a quando avrebbe potuto dargli una degna sepoltura. Sfortunatamente Cobbett morì qualche tempo dopo e la preziosa e macabra cassetta ossea passò nelle mani del figlio che senza alcun scrupolo vendette lo scheletro di Paine pezzo per pezzo. Molte persone affermano di possedere il cranio o la mascella di Paine o perfino bottoni realizzati con le ossa riciclate.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >