Society
di Simone Stefanini 24 Novembre 2016

The Catholic App ti fa trovare la Messa e il confessionale più vicini

Una app utilissima quando ti senti pieno di peccato e non sai come fare

catholic-app

 

Vi sarà certo capitato nella vita che conducete, di sentirvi assolutamente pieni di peccato, un po’ come quando vi alzate dal cenone di Natale coi parenti ma quel peso, invece di essere il cibo e di essere sullo stomaco, si trova all’altezza del cuore ed è causato dalle malefatte che fanno piangere il Signore.

Che fare in quel caso? Lo sapete bene: il peccato è una roba che si può debellare tramite la confessione, quel fantastico sistema di reset inventato duemila anni prima dei computer. Il guaio però è che non è una cosa che si può fare da soli: serve un prete, serve un confessionale e a volta è difficile da trovare. Soprattutto se non si vive in Italia, dove le chiese sono a ogni angolo. Letteralmente.

Per fortuna, però, a questo punto entra in ballo un sagace e avveduto arcivescovo scozzese, Leo Cushley, che ha fatto creare un’app molto gradita dal Vaticano, chiamata The Catholic App ma ribattezzata dai media Sindr, che permette di trovare l’agognato confessionale vicino a voi, ma non solo.

 

 

Come si evince dal comodo video esplicativo, la ragazza tormentata e inquieta, una volta installata l’app, potrà sapere con certezza dove celebrano la più vicina Santa Messa, così da poter ritrovare la pace perduta nell’abuso di sigarette, di birra e di limoni col proprio ragazzo teenager. La app funziona, e questo è davvero un miracolo, anche senza internet.

Un modo interessante e di certo giovane per avvicinarsi all’Altissimo utilizzando il GPS. Grazie a Dio (è proprio il caso di dirlo), quando si perde la speranza e si vede tutto nero, la app ci dona pillole di saggezza biblica che ci aiutano a camminare sulla retta via.

Il sito ufficiale della app benedetta ci informa sui benefici che essa porterà nelle diocesi e nelle vite dei cattolici: più gente alla Messa, più giovani coinvolti nella chiesa, più turisti che visitano i luoghi sacri. E poi il grosso risparmio derivante dall’eliminazione di opuscoli e libretti stampati.

 

Dopo tante notizie celesti, una negativa: purtroppo la geniale app non è ancora scaricabile, si calcola che lo sarà per l’inizio del 2017, però è il momento di segnalare la vostra Chiesa di fiducia sul sito ufficiale, in modo che possa figurare nella app.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >