The Jackal e le domande
Nell'ultimo video dei The Jackal ci sono molte domande a cui dovremmo rispondere
Society
di Lorenzo Mannella 12 Novembre 2015

Perché dovremmo affidare tutte le pubblicità progresso ai The Jackal

Dopo il successo dell’ultimo video Le domande degli immigrati agli italiani, è chiaro che la comunicazione sociale andrebbe affidata agli YouTuber

Quando uno ti vuole parlare di “sociale” scatta come una campanella di allarme. Sai che dovresti prestare attenzione, ma spesso il messaggio ti arriva impacchettato in una forma vecchia e obsoleta. Retorica, luoghi comuni e buonismo stucchevole sono solo alcuni dei demoni della comunicazione che affollano le campagne di comunicazione istituzionali. Insomma, tutto l’esatto contrario del video Le domande degli immigrati agli italiani postato da The Jackal su Facebook.

Lo avete visto, vero? Sono due minuti e rotti di domande fatte da persone straniere che vivono in Italia da un pezzo e ancora non riescono a capacitarsi di quanto gli italiani siano strani. Come mai i bambini di colore sì e gli adulti no? E i marò, e le ruspe? Perché Salvini? Il video ha totalizzato qualcosa come 2.7 milioni di visualizzazioni, 82mila condivisioni e 3500 commenti. Una parte del merito va ai social network, ma i ragazzi di The Jackal ci hanno messo del loro. Insomma, perché le prossime pubblicità progresso non le facciamo fare a loro?

Senza nulla togliere alle ultime campagne di Pubblicità Progresso, ci sembra che lo stile di The Jackal sia più adatto ai tempi che corrono. Ok, il web di oggi non è la TV di dieci o venti anni fa, ma quando ti imbatti in certi spot dei tempi andati ti viene ancora la pelle d’oca. Qui sotto vi proponiamo qualche confronto tra il gruppo creativo napoletano e i video istituzionali. A voi il compito di giudicare.

 

 

Integrazione. Questa campagna contro il razzismo è un pezzo da novanta – nel senso che è proprio degli anni ’90. Trenta secondi con musiche di Lucio Dalla, formato TV, colori sparati e la voce del doppiatore di Stallone che dice: “Prepariamoci a vivere in una società multirazziale.” Evidentemente non eravamo pronti. Il concetto di razza è roba in stile coloniale. Però, sai, era 25 anni fa. Se avessero dato la parola ai nuovi italiani, come hanno fatto i The Jackal, forse sarebbe stato meglio.

 

 

Ambiente. Questo video dei The Jackal sulla spazzatura a Napoli è bellissimo. Poche parole, tanto Simone Ruzzo che balla. Cercano di coinvolgere la città e farla partecipare, nel rispetto di uno dei posti più belli del mondo. È un registro emozionale completamente diverso da quello di questo video del 1974 sulla pulizia dei centri urbani: primi piani di ratti, gente che butta la spazzatura dalla macchina in corsa. C’è da dire che l’anno prima a Napoli si era sviluppata un’epidemia di colera.

 

 

Lavoro. Se non fai formazione professionale, muori. Se non studi l’inglese, muori. Il concetto base di questa pubblicità progresso dove un uomo si scava la fossa con le proprie mani è inquietante. L’esatto contrario di Promettimi che non lavorerai mai e Gli immigrati ci rubano il lavoro, dove il tema dell’occupazione è affrontato in modo ironico. Coi The Jackal ridi, ma poi ti lasciano un po’ di retrogusto amaro.

 

 

LGBT. Mettere i bambini davanti alla telecamera è un colpo basso. È come se ti parlasse un oracolo o un saggio vecchio di mille anni. Quando senti i ragazzini parlare di amore omosessuale, ti ritorna la fiducia nel genere umano. O quasi. E dal lato istituzionale? Anno del Signore 2013: uno spot del Ministero Pari Opportunità viene respinto dalla RAI perché, pare, contiene le parole “gay” e “lesbica”. Proprio non si fa.

 

 

Politiche Sociali. Il video di questa campagna per adottare un nonno è bellissimo. Nel senso, è un po’ assurdo ma il concetto di base ci sta tutto: non abbandoniamo gli anziani. Conoscendo i The Jackal, mi aspetterei un nuovo video sulla scia della loro campagna Abbandonare un cane, ti uccide in cui il fido Bobi torna dall’autostrada per vendicarsi. Bello il tributo a Paura e delirio a Las Vegas, bello il costume. Forse è un po’ troppo pulp. Ok, basta. Ci siamo persi qualche video per strada?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >