Society
di Sandro Giorello 25 Febbraio 2016

Chi è Lennart Lajboschitz, l’eterno bambino che ha inventato i negozi Tiger

In pratica non ha mai smesso di giocare ed ora è milionario

Lennart_Lajboschitz multimedia.pol.dk - Lennart Lajboschitz

 

Più di cinquecento negozi in 27 paesi del mondo, 300 nuovi prodotti introdotti ogni settimana, e i dati che crescono ogni giorno con una velocità impressionante. Sono i numeri di Tiger, l’azienda danese che ha fatto sua l’idea del “tutto a un dollaro” e ha creato un impero pieno di prodotti colorati, divertenti e, sopratutto, economici.

Alla base di tutto questo c’è il cinquantaseienne Lennart Lajboschitz: oggi potrebbe definirsi un imprenditore di successo, un direttore creativo, un discografico, un antropologo ma noi preferiamo chiamarlo un frikkettone che fin da quando era piccolo non ha mai smesso giocare riuscendo, così, a creare cose che prima non c’erano.

“Non mi considero un businessman, ma un antropologo” ha dichiarato “Ascolto molto i miei figli che hanno tra i 18 e i 29 anni, ascolto la gente, viaggio molto. Devo capire quello che succede perché so che devo cambiare ogni giorno. Solo così posso innovare”.

 

Lennart-Lajboschitz irishtimes.com - Lennart Lajboschitz

 

Apre il primo Tiger a 36 anni, nel 1995. L’idea nasce quando, un giorno, durante una delle sue tante vacanze, affida il suo discount alla fidanzata del fratello e questa va in confusione con i prezzi del negozio. Nel panico la ragazza telefona a Lennart che la rassicura dicendo di mettere tutto a 10 corone – che in slang danese si dice tier – da qui: Tiger. Il passo successivo è stato aggiungere un quid creativo a tutti i prodotti: disegnare un paio di baffi su una tazza, usare un viola shocking per la custodia di un iPad, creare un orso arancione che faccia da gomma per cancellare. E boom, i margini di profitto aumentano d’un colpo del 50%.

“Quello in cui siamo stati bravi è prendere prodotti funzionali e renderli “emozionali”commenta Lajboschitz – “Tu vai in un negozio normale e trovi una tazza bianca: è funzionale. Se vieni da noi trovi una tazza che ha un suo particolare design: è un qualcosa con cui ti relazioni in maniera completamente diversa. C’è molto cuore in quello che facciamo, non potete capire quanto”.

 

6832713-sdan-blev-vi-milliardrer---2 bt.dk - Lennart Lajboshitz

 

Recentemente la catena è stata coinvolta in un piccolo scandalo per uno dei suoi negozi a Livorno. La Guardia di Finanza ha sequestrato più di dodicimila articoli dal punto vendita di via Cairoli sostenendo che non fossero sicuri. Si è poi scoperto che il problema era legato al fatto che le etichette dei vari prodotti non erano stati tradotti anche in Italiano. Javier Gomez Palacios, amministratore delegato di Tiger Italia, ha sottolineato come fosse un’ assurdità: “è chiaro che si tratta di una cannuccia, sia che lo scrivi in italiano che in inglese. Quando è palese la tipologia del prodotto, non serve certo che venga tradotto in tutte le lingue. Secondo il punto di vista dei nostri avvocati, può andar bene anche l’etichetta in inglese.

Disavventure italiane a parte, la filosofia ed il successo di Tiger possono essere riassunti in un contagioso e sfrenato ottimismo: “La gente pensa troppo a quello che può andare male” – dice Lajboschitz –  “Se su 10 cose che si fanno, 8 non hanno successo, non è contenta. Invece io sono contento se 2 sono andate bene. Il resto è esperienza”.

 

tiger foto

 

Oggi Lajboschitz è un ricco milionario che si gode l’aspetto più divertente del suo lavoro: nel 2012 ha venduto il 70% delle azioni di Tiger al gruppo svedese di private equity Eqt per circa un miliardo di corone danesi (il corrispettivo di 134 milioni di euro) e adesso si limita a svolgere il compito di direttore creativo.

“Conduco la stessa vita di prima – conclude Lajboschitz – “Mangio le stesse cose, mia moglie si sente in colpa quando prende un taxi. In Danimarca lo status sociale non dipende dalla ricchezza. Se mi guardo indietro, mi rendo conto che ciò che ha significato di più per me sono mia moglie e i miei figli. Spero succeda anche ai miei clienti. Con i miei prodotti cerco di fare in modo che la gente si incontri, mangi insieme e magari faccia dei bambini…”.

 

FONTE |  millionaire.it

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >