Society
di Lorenzo Mannella 4 Novembre 2015

Underworlds, le fogne delle città nascondono il segreto della salute

Abbiamo chiesto a Carlo Ratti del MIT di spiegarci perché quello che scarichiamo nelle fogne può migliorarci la vita

Carlo Ratti Mark Peterson - L’italiano Carlo Ratti (MIT) è alla guida del progetto Underworlds.

 

Semafori intelligenti, auto che si guidano da sole e internet superveloce ovunque non fanno una smart city. Serve qualcosa in più. E quel “qualcosa” è la miriade di virus e batteri contenuti in tutto ciò che scarichiamo nelle fogne. È il microbioma, una miniera di informazioni biologiche contenute nel nostro organismo – e nei suoi scarti – da cui il progetto Underworlds vuole estrarre dati preziosi per la salute umana.

Underworlds è coordinato da Carlo Ratti, architetto, innovatore e professore del MIT SENSEable City Lab. Gli abbiamo chiesto perché mai dei ricercatori che vogliono migliorare il mondo debbano esplorare quello che c’è sotto i tombini delle città.

“L’idea è nata un paio di anni fa” ci dice Ratti. “Abbiamo pensato che ci fosse una risorsa nascosta e inesplorata nelle nostre città: i dati sotterranei, quelli contenuti nelle acque reflue. Da qui l’idea di realizzare una piattaforma aperta, capace di monitorare la firma biologica della città”. Una firma che può essere raccolta e analizzata subito, senza dovere aspettare l’arrivo di nuovi strumenti.

Sarà interessante valutare come queste informazioni potranno essere utilizzate per sviluppare delle strategie sanitarie adeguate. In primis potranno sorvegliare il diffondersi di malattie virali, permettendo una risposta immediata e un risparmio in termini di spese pubbliche. In secondo luogo potranno risultare uno mezzo aggiuntivo per lo studio di patologie quali obesità e diabete. Infine si tratterà di uno strumento demografico per una miglior conoscenza delle aree urbane. Ma soprattutto si tratta di un progetto sperimentale, che evolverà a seconda dei risultati che macineremo strada facendo.

 

Il terzo uomo Warner Home Video - Harry Lime, interpretato da Orson Welles, fugge per le fogne di Vienna ne Il terzo Uomo.

 

Nel nostro immaginario, le fogne sono un luogo popolato da leggende metropolitane e rifiuti sgraditi. Tuttavia, Underworlds ha sfidato questo paradigma a viso aperto. “L’idea è proprio questa. Ogni città ne nasconde un’altra, quella sotterranea e invisibile. Ci sono molti film incentrati su questo universo semi-parallelo – addirittura molte città stanno lanciando tour guidati attraverso le reti fognarie. È il caso di Parigi, dove il Musée des Égouts raggiunge i centomila visitatori all’anno o di Vienna, che propone un tour ispirato a Il terzo uomo con Orson Welles. Tra coccodrilli, rifiuti, e suggestioni cinematografiche si nascondono anche milioni di informazioni utili. Quelle che abbiamo deciso di indagare per migliorare l’ambiente urbano.

Come spesso accade, al MIT SENSEable City Lab hanno puntato su un team multidisciplinare. “Abbiamo persone da tutto il mondo e con background molto variegati – ingegneri, architetti, designer, informatici, chimici, artisti, scrittori, ecc. La diversità è un fattore fondamentale nelle dinamiche creative: diversità etnica, di provenienza culturale, di formazione, di orientamento sessuale. Tutto contribuisce a creare un gruppo tollerante e capace di esplorare il nuovo rompendo gli schemi consolidati.

La squadra di Underworlds ha avviato alcuni test pilota a Cambridge, ma c’è ancora molto lavoro da fare. “Stiamo ancora analizzando i dati, quindi non abbiamo ancora risultati. Il lavoro comunque è molto vario – non immaginate i ricercatori come ghostbusters che vagabondano per le fogne di Cambridge!

 

Senseable City Lab SENSEable City Lab - Le smart city sono fatte di molti livelli, compreso quello delle fognature.

 

Ma come si fa a valorizzare il tesoro di informazioni contenute nelle fogne? Ratti ci spiega che le componenti tecniche di Underworlds sono tre: un’infrastruttura fisica per la raccolta dei campioni di liquidi reflui; le tecnologie di analisi in laboratorio; gli strumenti per computare e analizzare i dati, necessari a interpretare le ricerche. “In generale si tratta di un sistema ibrido, all’intersezione tra risorse fisiche, digitali e biologiche. Dopo poco tempo ci siamo resi conto che il primo componente non era particolarmente divertente – e abbiamo delegato la raccolta di campioni a piccoli robot che abbiamo costruito ad hoc!

Ratti e la sua squadra hanno davanti tre anni di tempo per estrarre informazioni utili dal microbioma fognario. “Per il momento vorremo proseguire nello sviluppo della piattaforma e di questo primo prototipo. Poi sarà interessante testarlo in luoghi molto diversi e distanti tra loro – a partire dal Kuwait (paese dal quale abbiamo appena ottenuto un importante finanziamento).

Quando gli chiediamo cosa si aspetta dalle smart city del futuro prossimo, Ratti ha le idee chiare: “Una città capace di rispondere meglio alle esigenze dei cittadini – o, come diciamo noi, una città sensibile.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >