Society
di Marco Villa 21 Ottobre 2016

Gli uomini sono le nuove donne, la pagina Facebook che racconta il declino del maschio moderno

L’ansia per la dieta e la forma fisica, la stanchezza che impedisce di uscire, l’attenzione per l’acconciatura e il look…

uomini-nuove-donne Gli uomini sono le nuove donne

 

“La guerra dei sessi è terminata con la sconfitta del maschio. Per non estinguersi i vinti si sono mimetizzati con i costumi del popolo vincitore. Ecco perché gli uomini sono le nuove donne”. Sembra l’inizio di un romanzo di fantascienza o di una puntata di Black Mirror, invece si tratta del manifesto di Gli uomini sono le nuove donne, geniale pagina Facebook che mette in fila comportamenti e abitudini del maschio moderno, che sembra voler incarnare sempre di più i peggiori stereotipi che venivano un tempo appioppati all’altro sesso.

L’ansia per la dieta e la forma fisica, la stanchezza che impedisce di uscire, l’attenzione per l’acconciatura e il look: fissazioni che qualche decennio fa avrebbero fatto la felicità di donne che soffrivano lo stereotipo del maschio calcio&motori, ma che oggi sembrano gettare nello sconforto tutte le ragazze in cerca di un compagno.

Ecco allora che le immagini della pagina Facebook Gli uomini sono le nuove donne diventano un campionario della deriva del maschio moderno. Sono pensate e create dagli amministratori della pagina, che si mantengono dietro un totale anonimato e non vogliono assolutamente rivelare se sono uomini o donne. Li abbiamo comunque contattati per farci raccontare la loro esperienza. Trovate l’intervista sotto la gallery.

Qual è stato l’elemento scatenante, l’episodio che ha fatto partire la pagina?
Una sera abbiamo assistito ad una scena molto singolare, in un locale. Un gruppo di ragazzi guardava due ragazze. A un certo punto le due si sono alzate, si sono avvicinate ai ragazzi hanno detto: “Ecco, una volta si faceva così, prima ci si guardava poi gli uomini si alzavano e si andavano a presentare alle donne, facendo magari qualche battuta simpatica. Ora possiamo sederci ? Se volete offriamo noi ‘”. Ci siamo chiesti: se è vero che ormai le donne si comportano come uomini, è vero anche che gli uomini sono le nuove donne? Abbiamo iniziato a sottoporre questa domanda ad amici ed amiche e abbiamo scoperto di aver individuato un nervo scoperto. Tra uomini che si sentono in colpa se mangiano una pizza e poi vanno in palestra per poter così superare la prova costume e altri che aspettano sia lei a fare la prima mossa il clichè stereotipato si è completamente ribaltato.

Di chi è la colpa di questa trasformazione?
Di entrambi, uomini e donne. Se l’uomo ti accompagna a casa, e vuole realmente solo accompagnarti a casa, il problema è più sfaccettato di quel che sembra. Forse anni di battaglie per la parità sessuale – sacrosanta e raggiunta con fatica – hanno creato questi “mostri”.

Esiste un antidoto?
Non abbiamo l’antidoto perfetto ma gli uomini potrebbero tornare a corteggiare, essere decisi, andare a prendere la ragazza sotto casa e non aspettare di essere prelevati, decidere cosa fare o in quale ristorante cenare, senza per forza girare l’invito alla compagna. Anche accettare un invito senza pensare al fatto di compromettersi. Non si tratta di parità dei sessi, si tratta di relazioni umane.

Le donne sono diventate i nuovi uomini?
Non del tutto ma sicuramente le donne, deluse e sorprese dagli atteggiamenti degli “uomini nuova donna”, hanno due reazioni: o abbandonano il campo deluse da queste nuove figure maschili e i loro nuovi comportamenti, o si sostituiscono ad esse, prendendo iniziative, dando passaggi, mangiando carboidraiti anche a cena, non disperandosi se hanno lasciato la crema idratante a casa. Gli aneddoti che riceviamo, motivo per cui tutte le storie sulla pagina sono vere, seguono questi due filoni.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >