Society
di Simone Stefanini 13 Gennaio 2015

Il Vernacoliere è la cosa più vicina a Charlie Hebdo che abbiamo in Italia

Sì, in Italia è possibile fare satira libera. Il Vernacoliere ne è un calzante esempio.

In questi giorni è stato tutto un susseguirsi di domandoni del tipo “ma in Italia sarebbe possibile fare quel tipo di satira?” oppure sentenze come “gli italiani non possono essere Charlie Hebdo perché nel nostro paese la libertà di espressione non esiste.”

Tralasciando la facilità con la quale su Facebook ci si guadagni fantomatiche lauree in sociologia, filosofia, si diventi statisti, politologi, teologi e fini pensatori, la domanda è pertinente, ma come ogni domanda posta non capziosamente, ha la sua risposta. In questo caso sì, in Italia si può fare satira, su carta, senza chinare il capo di fronte al Papa, al Presidente o addirittura a Dio: è il caso de Il Vernacoliere, il celebre mensile “di satira, umorismo e mancanza di rispetto, in vernacolo livornese e in italiano” nato nel 1982 dalla penna dello storico direttore Mario Cardinali e dalle vignette di Max Greggio, che ha visto nel corso degli anni i contributi, tra gli altri, di Federico Maria Sardelli, Emiliano Pagani, David Lubrano, Giorgio Marchetti, Daniele Caluri, Andrea Camerini e Guido Amato.

sotto, il direttore Mario Cardinali nella redazione de Il Vernacoliere

mario

Certo, c’è una bella differenza tra il Charlie Hebdo ed il Vernacoliere, come spiega il direttore Cardinali in questa recente intervista a Il Fatto Quotidiano:

“Gli stili di alcune vignette possono assomigliarsi un po’ ma i due periodici sono sostanzialmente molto diversi: alla base del nostro giornale c’è infatti la satira vernacolare. Quello che ci accomuna è invece la libertà di pensiero.”“E comunque se la satira non riesce a urtare la suscettibilità delle persone, beh, allora non si può definire satira. Ci tengo a precisare una cosa però: noi non facciamo satira sul sentimento religioso, ognuno è libero di credere in ciò che vuole. Noi prendiamo di mira soprattutto coloro che si investono dell’autorità religiosa e che si vorrebbero imporre su tutti gli altri esseri umani indicando come ci si deve comportare”

In ogni caso, Il Vernacoliere ha sempre preso di mira i religiosi ed i potenti, come testimoniano le sue storiche locandine e copertine (l’epiteto “pisano” sia letto in forma dispregiativa, vista l’eterna rivalità tra le città di Livorno e di Pisa), declinando ogni speranza alla Topa (volgare ma nemmeno troppo nomignolo dell’apparato riproduttivo femminile) che fuori da ogni sessismo, diventa il totem, l’allegoria dei sogni proibiti, il paradiso degli atei:

 

Il Vernacoliere se la prende con il Papa tedesco:

000-c05mag

 

Con il Papa polacco:

04_Vernacoliere_1990

 

L’automobile che va a bestemmie:

Automobile-a-moccoli-Vernacoliere

 

Con il premier Renzi:

copertina-12-2014

 

 

Con il Cardinale Ruini:

copertinavern05

 

Con i cristiani ed i maomettani, terribilmente profetica:

IL VERNACOLIERE-2006-03

 

Con i preti pedofili:

images-1

 

Con il presunto pagamento dell’ICI da parte del Vaticano:

images

 

Con Silvio:

locandina-vernacoliere

 

Con Beppe Grillo:

tt.php

 

Con Papa Francesco (e Angela Merkel):

Vernacoliere 1

 

Vintage, con Reagan:

Vernacoliere_12_1984

 

Con la Cina nella guerra al Tibet:

vernacoliere-1

 

Di nuovo coi preti pedofili, argomento caldissimo:

 

Vernacoliere-locandina-maggio-2010

 

Con Berlusconi e con la Madonna:

Vernacoliere-locandina-novembre-2000

 

Col PD:

 

 

vernacoliere-renzi-bersani-195617

 

Con Gesù:

vernacoliere

 

 

Con la mafia:

Schermata 2015-01-13 alle 14.40.23

Il linguaggio è colorito, di chi non le manda a dire, l’iconoclastia e l’anarchia sono tipiche della Livorno nella quale è nato il P.C.I., quella che non si riconosce nelle odierne derive che ha preso la sinistra. Gli argomenti sono i più caldi temi d’attualità, trattati con leggerezza ma anche con capacità d’affondo e di approfondimento rara nell’editoria di oggi. Un caso piuttosto unico e singolare di satira pungente all’italiana, che nasce praticamente dalla provincia e che non si è mai piegato a nessuno.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >