Society
di Simone Stefanini 18 Luglio 2017

Il video commosso dei bigotti anti matrimoni gay è oltre l’assurdo

Un video che sfrutta tutti i cliché dei filmati drammatici di coming out, solo che stavolta è ribaltato e i bigotti dichiarano di essere oppressi per i loro pensieri

 

Questo video del 2015 ce l’eravamo perso, ma quando ha iniziato a circolare di nuovo sui social, per noi è stata un’Epifania. Si tratta di un filmato che è stato girato per mettere pressione all’elettorato cattolico affinché si schierasse contro il matrimonio gay, e fin qui, nonostante possiate essere in disaccordo quanto volete, ci può stare.

La particolarità surreale del filmato creato da CatholicVote è che usa tutti i tipici cliché dei video di coming out per sensibilizzare l’attenzione sul problema della discriminazione sessuale e dell’omofobia, ribaltandone i concetti e facendo passare da vittime i bigotti.

“Siamo qui perché abbiamo qualcosa da dire e non abbiamo più paura di dirlo.”

Alcuni uomini e donne di etnie diverse si mettono a sedere a favore di camera e, nel pathos del bianco e nero, iniziano a raccontare una storia dreammatica che sa di sopraffazione. “Ho paura di dire come la penso e di essere allontanata dalle altre persone”, “Penso di essere diverso, d’altra parte siamo tutti diversi”, “La gente pensa che sia strano, quindi non penso che ciò che dico cambierà l’impressione che ha di me”, “Mi domando con quante persone possa veramente e onestamente aprirmi”.

Di cosa stiamo parlando? Siamo confusi, ora ci diranno qualcosa che sconvolgerà le loro famiglie e i loro affetti, tipo che sono omosessuali e che non l’hanno mai detto a nessuno. La loro sincerità è comunque talmente empatica che neanche il peggiore degli omofobi potrebbe giudicarli male.

 

 grab da video

 

“Ho provato a cambiare, ma è troppo importante per me.”

Poverina, viene da abbracciarla, è a un passo dalle lacrime. Poi la rivelazione: “Io credo nel matrimonio tra uomo e donna. Alla fine della giornata questo è ciò che conta davvero. Nessuno dovrebbe vergognarsi di dire ciò che pensa.” 

Ok, siamo al paradosso: adesso le vittime sarebbero quelli che non vogliono concedere i diritti agli omosessuali. “Nessuna opinione dovrebbe essere soppressa.” dice con voce stentorea quello che sembra l’intellettuale del gruppo. Poi si va oltre: “Conosco un sacco di persone gay, non ne ho paura, sono persone meravigliose, le amo, ciò che mi rende insicuro è parlare col cuore e dire ciò che penso.” – cioè che non vorresti alcun diritto per le loro unioni, reputandole di serie B o peggio immorali agli occhi di Dio.

Il filosofo, ancora “Non si può avere una società di odio o una società bigotta.”  – non ci si crede, l’ha detto davvero. Sta asserendo che l’odio e il bigottismo lo portano gli omosessuali che lottano per i propri diritti. “Dobbiamo conoscerci uno a uno. Non siamo soli.” – dicono tutti in coro i cattolici, in un climax da orgia di Sense8 al contrario. Alcuni addirittura piangono.

Ora: difficilmente sentiamo dire in giro di orde di omosessuali che picchiano i bigotti americani, mentre spesso sentiamo del contrario, quindi cosa ci sia da piangere proprio non si sa. Ad oggi, specie sui social, ogni secondo siamo costretti a leggere qualche commento portatore di odio, sia esso razziale, omofobo, sessista o la combo di tutti e tre. Ci risulta davvero difficile credere all’oppressione dei bigotti e se il motto “Dì la verità con amore” si riferisce all’esternare l’amore per i propri amici gay ma allo stesso tempo la ferma volontà che non siano felici né abbiano diritti, beh, questa cosa parla per sé.

 

 grab da video

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >