Society
di Simone Stefanini 26 Aprile 2016

L’allucinante video di Fabrizio Corona dal dentista è l’unica cosa da vedere oggi

In questi 4 minuti e mezzo sono racchiuse alcune tra le perle più trash dell’anno

SHGFJKHAGSD facebook.com

 

Per la rubrica Dailyworstche purtroppo ancora non abbiamo ancora creato ma istituiamo per l’occasione, vi presentiamo un video che ha dell’incredibile. È stato pubblicato il 24 aprile scorso e preso dalla pagina Facebook Cannizzo Studio Centro di Implantologia Dentale, e ci mostra ciò di cui sentivamo seriamente la necessità: Fabrizio Corona dal dentista. È un capolavoro. Sigla

 

 

Ora: a parte il fatto che ormai è evidente quanto Fabrizio Corona, ormai lontani i fasti dell’epoca scintillante in cui lanciava banconote false in autostrada dalla sua Bentley abbia bisogno d’attenzione e d’amore più di un cucciolo di foca smarrito su di un iceberg, ma in questi straordinari 4 minuti e mezzo sono compresse alcune tra le migliori pillole di trash – volontario? Involontario? Che importa! – della stagione.

Si parte con una musica pop-ambient in stile seduta di yoga e Fabrizio che, finalmente libero, se ne va in giro con aria mesta, barba incolta e capelli arruffati. Come mai? I suoi denti, è ovvio.

 

Schermata 2016-04-26 alle 14.55.16 facebook.com

 

Stacco. Entra in scena il dottor Cannizzo, luminoso quanto un tronista di Maria, barba perfettamente regolata, colorito tendente all’arancione ed erre moscia d’ordinanza, che istruisce le sue infermiere sul curioso caso dei denti di Fabrizio Corona. Regia, uno screenshot per favore.

 

Schermata 2016-04-26 alle 14.57.08 facebook.com

 

Le Charlie’s Angels dell’ortodonzia ascoltano, finché l’infermiera dal kimono fucsia spiega a uno sbattutissimo Corona ciò che il guru della dentizione Cannizzo sta per fargli alla bocca: Faber guarda l’obiettivo e sussurra “Ho scelto il dottor Cannizzo perché è l’unico che mi ha fatto passare la paura di  farmi mettere le mani in bocca”. La signora risponde che loro puntano molto sull’empatia e sul DISCORSO DELLA PAURA. E lì, si vola

 

Schermata 2016-04-26 alle 15.03.05

 

Intanto il dottore applica un gel sulla gengiva e a Fabrizio viene la faccia del serial killer, ma d’altronde questo video per lui è un lavoro, e allora si costringe a placarsi, nel mentre Cannizzo gli spiega che ha quattro denti da devitalizzare. Dura la prigione per l’igiene orale.

 

Schermata 2016-04-26 alle 15.10.53 facebook.com

 

Salto. Un mese dopo Fabrizio dev’essere passato anche dal parrucchiere perché ha l’aria meno sbattuta e si guarda i denti con la stessa aria sveglia delle mucche quando guardano passare i treni.

 

Schermata 2016-04-26 alle 15.14.31 facebook.com

 

Ma il massimo si raggiunge alla fine, quando Faber esce dalla clinica e torna nella sua magione, in cui finalmente può togliersi la fastidiosa camicia e rimirarsi i denti mediante l’uso degli addominali tatuati. Poi c’è una dissolvenza in nero che fa da incipit a nulla che la nostra immaginazione voglia esplorare.

Tutto bellissimo, ne vogliamo altri, anzi: speriamo che questa collaborazione tra Fabrizio Corona e il mondo dell’implantologia prosegua a lungo, almeno per un’altra puntata.

 

Schermata 2016-04-26 alle 15.17.26 facebook.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >