Society
di Marco Villa 18 Agosto 2016

Vietare il burkini è una sconfitta che non possiamo permetterci

Qualsiasi imposizione sul corpo degli altri è un passo indietro inaccettabile

burkini LaPresse

 

Ogni estate ha la sua canzone e il suo argomento tormentone da social. Ma ogni estate ha anche la sua parola, che segna per settimane discussioni e dibattiti. E quella parola, nel 2016, potrebbe tranquillamente essere burkini.

Da diversi giorni si parla del costume utilizzato dalle donne che fanno il bagno velate come di un simbolo dell’inconciliabilità tra la visione culturale e religiosa occidentale e quella islamica. Un capo di abbigliamento entrato al centro del dibattito, come già avvenuto con burqa e hijab.

In particolare, ha fatto discutere in questi giorni la decisione di alcuni comuni francesi, tra cui Cannes, di vietare l’utilizzo del burkini in spiaggia. Non si tratta di una svolta improvvisa, visto che in Francia è vietato anche l’utilizzo del burqa e in generale c’è una storica opposizione all’utilizzo di simboli religiosi di qualsiasi tipo in spazi pubblici.

 

burkini-australia Internazionale - Bagnina australiana in burkini

 

La decisione del sindaco di Nizza ha ricevuto l’appoggio del primo ministro Valls e in questo modo è diventata faccenda non più locale, ma nazionale, superando poi i confini e provocando reazioni anche in Italia. Reazioni che sono state principalmente positive: nonostante una posizione cauta e di buon senso da parte del governo, da destra a sinistra in tanti hanno accolto con favore il divieto. Da destra con il solito riflesso pavloviano del “vi facciamo vedere noi”, da sinistra rispolverando la perifrasi del “corpo delle donne”, diventata ormai una formula piuttosto sterile e vuota, come accaduto con tante battaglie nate da ragioni sacrosante.

Se la prima risposta non stupisce e va in fondo a incolonnarsi con reazioni che di solito partono dal grande classico “perché dobbiamo costruire moschee, se loro non ci permettono di costruire chiese”, diverso invece il discorso riguardo la difesa del divieto da sinistra, posizione sostenuta con forza ad esempio anche da Lorella Zanardo.

 

2 Daily Mail - La cuoca e conduttrice inglese Nigella Lawson

 

Qui il discorso è infatti più complesso, ma allo stesso tempo più paradossale: un divieto è un divieto e poco conta che abbia come obiettivo coprire parti del corpo o scoprirle. Un divieto è infatti sempre e comunque una limitazione delle libertà personali, in questo caso della libertà di una donna di andare in spiaggia e fare il bagno nel modo in cui si sente più a proprio agio. Possiamo non comprendere il motivo per cui una donna voglia coprirsi o essere contrari alla sua decisione, ma vietare questa possibilità di scelta imponendo cosa sia meglio per un’altra persona è un clamoroso errore di prospettiva. Ed è un errore anche se viene commesso in nome di “quelle donne che sono costrette dai mariti”, perché vietare il burkini a chi lo sceglie volontariamente è un atto prevaricatore che si pone al di fuori della tradizione europea.

In tutti questi discorsi, infatti, non si deve mai dimenticare che per l’Europa divieti e limitazioni delle libertà personali di qualsiasi tipo sono sempre e solo delle sconfitte. E decidere sul corpo degli altri rappresenta un passo indietro che non possiamo permetterci.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >