Society
di Marco Villa 18 Agosto 2016

Vietare il burkini è una sconfitta che non possiamo permetterci

Qualsiasi imposizione sul corpo degli altri è un passo indietro inaccettabile

burkini LaPresse

 

Ogni estate ha la sua canzone e il suo argomento tormentone da social. Ma ogni estate ha anche la sua parola, che segna per settimane discussioni e dibattiti. E quella parola, nel 2016, potrebbe tranquillamente essere burkini.

Da diversi giorni si parla del costume utilizzato dalle donne che fanno il bagno velate come di un simbolo dell’inconciliabilità tra la visione culturale e religiosa occidentale e quella islamica. Un capo di abbigliamento entrato al centro del dibattito, come già avvenuto con burqa e hijab.

In particolare, ha fatto discutere in questi giorni la decisione di alcuni comuni francesi, tra cui Cannes, di vietare l’utilizzo del burkini in spiaggia. Non si tratta di una svolta improvvisa, visto che in Francia è vietato anche l’utilizzo del burqa e in generale c’è una storica opposizione all’utilizzo di simboli religiosi di qualsiasi tipo in spazi pubblici.

 

burkini-australia Internazionale - Bagnina australiana in burkini

 

La decisione del sindaco di Nizza ha ricevuto l’appoggio del primo ministro Valls e in questo modo è diventata faccenda non più locale, ma nazionale, superando poi i confini e provocando reazioni anche in Italia. Reazioni che sono state principalmente positive: nonostante una posizione cauta e di buon senso da parte del governo, da destra a sinistra in tanti hanno accolto con favore il divieto. Da destra con il solito riflesso pavloviano del “vi facciamo vedere noi”, da sinistra rispolverando la perifrasi del “corpo delle donne”, diventata ormai una formula piuttosto sterile e vuota, come accaduto con tante battaglie nate da ragioni sacrosante.

Se la prima risposta non stupisce e va in fondo a incolonnarsi con reazioni che di solito partono dal grande classico “perché dobbiamo costruire moschee, se loro non ci permettono di costruire chiese”, diverso invece il discorso riguardo la difesa del divieto da sinistra, posizione sostenuta con forza ad esempio anche da Lorella Zanardo.

 

2 Daily Mail - La cuoca e conduttrice inglese Nigella Lawson

 

Qui il discorso è infatti più complesso, ma allo stesso tempo più paradossale: un divieto è un divieto e poco conta che abbia come obiettivo coprire parti del corpo o scoprirle. Un divieto è infatti sempre e comunque una limitazione delle libertà personali, in questo caso della libertà di una donna di andare in spiaggia e fare il bagno nel modo in cui si sente più a proprio agio. Possiamo non comprendere il motivo per cui una donna voglia coprirsi o essere contrari alla sua decisione, ma vietare questa possibilità di scelta imponendo cosa sia meglio per un’altra persona è un clamoroso errore di prospettiva. Ed è un errore anche se viene commesso in nome di “quelle donne che sono costrette dai mariti”, perché vietare il burkini a chi lo sceglie volontariamente è un atto prevaricatore che si pone al di fuori della tradizione europea.

In tutti questi discorsi, infatti, non si deve mai dimenticare che per l’Europa divieti e limitazioni delle libertà personali di qualsiasi tipo sono sempre e solo delle sconfitte. E decidere sul corpo degli altri rappresenta un passo indietro che non possiamo permetterci.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >