Society
di Stefano Yamato 19 Dicembre 2011

Wonderland: la monumentale copia cinese di Disneyland abbandonata nel deserto

Nonostante la globalizzazione, la Cina continua ad essere un pianeta che gira attorno a se stesso, con misteri e contraddizioni difficili da spiegare. Per molti viaggiatori, rappresenta uno dei luoghi più affascinanti del mondo con la Muraglia Cinese, ancora oggi, considerata una delle meraviglie dell’umanità. In Cina esistono però molti altri luoghi che meritano o, meglio, avrebbero meritato una visita. Tra questi, le “Rovine di Wonderland”, un’opera monumentale che avrebbe dovuto diventare una copia, in grande, di Disneyland, ma che oggi è abbandonata in un deserto decadente, a testimoniare come la Cina viva al tempo stesso un’espansione incontrastabile ed una crisi profonda.

Nata con l’ambizione di diventare il più grande parco giochi di tutta l’Asia, Wonderland è situata a meno di un’ora da Pechino e si estende in un’area enorme di oltre 100 ettari. L’avvio dei lavori per questo immenso parco giochi risale ormai a dieci anni fa, ma i finanziamenti sono stati interrotti a causa di controversie tra governo e contadini locali. Oggi restano solo delle sterminate rovine di scheletri, su cui si staglia un imponente castello principesco. I terreni sono ora stati nuovamente invasi dai contadini che hanno ripreso a coltivare le loro piantagioni di granturco, riso ed ortaggi attorno alle rovine, come se niente fosse e senza alcun timore che i lavori comincino di nuovo. Senza alcun controllo sulla sicurezza (cosa molto rara in Cina), le rovine diventano sorta di capannoni per gli attrezzi ed all’occorrenza dei ripari da sole e pioggia.

Un ammasso di acciaio e cemento, attorno al quale la vita rurale si muove noncurante. Esempio di decadenza per una Cina che nell’ultima decade ha sperperato denaro, distruggendo e deturpando con noncuranza l’ambiente in nome di una crescita indiscriminata della nuova economia privata.

Wonderland sembra quasi un monito per la società cinese, ma probabilmente il suo messaggio resterà inascoltato e la grande macchina cinese proseguirà come se niente fosse.

FONTE | Reuters

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >