Society
di Simone Stefanini 20 Luglio 2015

Assistere ad un incontro di wrestling in provincia porta il disagio al livello successivo

Tutto giusto, tutto sbagliato.

Il volantino parlava chiaro: ore 21, wrestling. Impossibile resistere al richiamo di uno spettacolo che evoca in me ricordi di machi supersonici coi nomi ambigui che se le danno di santa ragione, specialmente se abiti in provincia e quella sera c’è davvero poco da fare. Col modello americano ben piantato in testa, vado ad assistere allo show.

Appena giunto, scopro con tremenda mestizia che il palasport non è dotato di aria condizionata, quindi la temperatura si aggira intorno ai 75°, con picchi che superano i 100°, in un’atmosfera di liquefazione e svenimento generale. Tra il non troppo folto pubblico spiccano i veri appassionati, che stanno ai lati del ring e conoscono le formule del tifo, le famiglie con bambini che sono i veri protagonisti del rito della gioia, alcuni nerd, pochi curiosi, uno stronzo. Indovinate chi sono io?

Dei faretti colorati, dei fuochi d’artificio che facevano lo spettacolo americano, nemmeno l’ombra. C’è un ring nel mezzo, sul deserto del parquet, poi luci smarmellate come da foto:

20150719_212718

Questa è la scaletta della serata:

“L’Arrogante Americano” Simon Silas vs “Il Samurai di Ghiacchio” Ronin

“Il Magnifico Modello” Costantino vs “Il Goleador” Nick Lenders

“Il Semplicemente Irresistibile” Bon Giovanni vs “Il Wrestler Più In Forma della ICW” Mark Fit

“La Saetta Verde” Alex Flash & “La Maschera della Giustizia” Pegaso vs “Il Piccolo Grande Luchador” Picchio Rosso & “Il Supersonico” JET

Battaglia Reale

“Il Volto del Terrore” Killer Mask vs “L’Orgoglio Nerd” Max Peach

Gli incontri vengono annunciati da uno speaker con un microfono wireless che sovente smette di funzionare. L’atmosfera somiglia ad un film, tipo “Ti presento i miei” con Ben Stiller diretto da David Lynch. Poi entrano i protagonisti della lotta e lì il cuore perde un battito. Prima il cattivo, che risponde ai boo di disapprovazione con frasi tipo “Silenzio” oppure “Sono il migliore” e delle facce studiate alla bisogna per impressionare i più piccini. Giunge quindi l’eroe, con la sua bella sigla e si prende gli applausi, le strette di mano, i 5 da parte del pubblico. Inizia l’incontro e si capisce subito che più che lotta è teatrodanza misto a cosplay. Schienate, suplex, body slam, schiaffi e voli d’angelo, tutto finto. Ogni colpo sferrato è amplificato da un calcio al ring,  per far rumore ed indurre lo spettatore a crederci, cosa che avevo visto anche in tv ma lì sembrava fatto meglio. Inizio a capire perché i ragazzi che si prestano allo show non è che abbiano proprio il fisico di Hulk Hogan. Sono quasi tutti magrolini, al secondo anno di cardio due/tre volte a settimana, ma non mancano quelli grassottelli, coi seni e l’addome caduco. In ogni caso, i lottatori hanno studiato dai loro maestri d’oltreoceano tutti i colpi di scena: la faccia sofferente che cerca l’incitamento della folla, le schienate premeditate, il finto infortunio, gli psicodrammi danesi sul ring, la litigata col pubblico, la vittoria dopo mille peripezie. Tutto secondo un copione che si vede, è lampante e sarebbe anche divertente, ma saranno le luci, la canicola o il fatto che alcuni lottatori sono sono atleticamente e attorialmente, ma mi trovo immerso in una cosa che non capisco se è una parodia o la cosa vera. Nel dubbio urlo e me la godo, grondante di disagio.

Allo spettacolo non può mancare il lottatore mascherato, il duo tag scorretto, la bella ragazza che accompagna il wrestler dongiovanni, la royal rumble.

20150719_221320

Ecco, in quel preciso momento mi sono gasato sul serio perché qualche botta è volata davvero, come mi ha confermato uno dei ragazzi dai nomi strani che combatteva sul ring. Sentendoli urlare in italiano, sembra di assistere ad una comune rissa tra truzzi fuori dalla discoteca, vestiti però come i Power Rangers. Devo confessare di aver partecipato con tutto il mio entusiasmo a tale manifestazione d’ardore giovanile. La rissa è sempre la rissa, anche quando è simulata.

20150719_214233

Alla fine dello show, un incontro tra cattivi ed eroi, logicamente vincenti, manda tutti a casa con facce felici, soprattutto perché fuori dal palazzetto quantomeno si respira. Dopo un’infanzia trascorsa ad adorare Ultimate Warriors, i Demolition, Hacksaw Jim Duggan e compagnia, oggi ho finalmente capito che questa gente ci fa, che lo spettacolo, se hai più di 5 anni, funziona solo se è fatto bene e che i palazzetti dello sport senza aria condizionata a luglio andrebbero bombardati.

In ogni caso, un’esperienza borderline niente male che consiglio a tutti almeno una volta nella vita perché come diceva Luis Malle, “chi ha subito un danno è pericoloso perché sa di poter sopravvivere”.

Dunque oggi sono più forte, perché sono sopravvissuto anche a questo. Altro che palestra.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >