TV e Cinema
di Simone Stefanini 24 Ottobre 2017

C’est la vie, il corto italiano che parla per francesismi tra Amélie e Wes Anderson

Le parole francesi che usiamo tutti i giorni, sono finite in questo corto adorabile di Simone Rovellini. Non ci crederete ma sono tantissime

 

Domanda a bruciapelo: pensate di conoscere più parole in inglese o in francese? Di sicuro, così a naso, vi verrebbe voglia di rispondere inglese, vista la mole di informazioni che ci arrivano dai media, musica, film e serie tv coi sottotitoli, visto che vuoi non vuoi lo abbiamo studiato un po’ tutti a scuola. Forse avete ragione, ma il francese mica scherza.

C’est la vie, il cortometraggio diretto da Simone Rovellini, fa un po’ il verso al Favoloso mondo di Amélie, il film di Jean-Pierre Jeunet con Audrey Tautou che ha influenzato look e modo di pensare di una generazione di ragazze, di colpo innamorate di Parigi e della testa tra le nuvole, ma anche alle riprese statiche ed elaborate di Wes Anderson.

Simone, che ha già lavorato per pubblicità di Fendi, G-Givenchy, Furla Man, per video di Myss Keta e Riva e per un progetto bellissimo in cui le teste di attrici e cantanti esplodono, ha giocato con la storia di Henriette e l’ha fatta interagire con tutte le parole francesi che usiamo più o meno giornalmente.

 

 

Lo abbiamo contattato per sapere come gli fosse venuta in mente la storia e lui ci ha risposto così:

“L’idea è nata per gioco diversi anni fa, in Accademia, come tributo a un’amica di nome Henriette, ma si è poi trasformata in un tentativo di mettere insieme, in un testo di senso compiuto, quanti più francesismi possibili. Direi che c’è sicuramente anche una nota ironica nei confronti dell’immaginario che queste parole portano con sé.”

Il video non è nuovo, sono ormai passati alcuni anni dalla sua realizzazione, eppure riesce sempre a stupirci per la mole di parole francesi che non ci accorgiamo neanche di usare. E adesso mangiamo una brioche ascoltando le note di un carillon mentre ci mettiamo i collant, ci leghiamo i capelli in uno chignon e li raccogliamo in un foulard per recarci alla boutique di una griffe à la page.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >