Diciamo la verità: il cinema 3D fa proprio schifo

Per quanto andrà avanti ancora la grande truffa del 3D?

tgbhdnj via

 

La prima volta che ho avuto a che fare con il cinema in 3D era il lontano 1991. Nel cinema del mio paesino davano Nightmare 6, la fine e, con il prezzo del biglietto, alla cassa ricevetti anche un paio di occhialini di carta con le lenti blu e rosse, brandizzati Nightmare, che conservo ancora gelosamente. Sul finire del film, Freddy stesso ruppe la quarta parete e si rivolse a noi, paesani toscani, per chiederci di indossare gli occhialetti. Poi è stato tutto un grande boh, fatto di espressioni dubbiose e di domande agli amici “L’hai visto? Fa qualcosa?” come se stessimo tutti aspettando un acido che non sale.

Erano i tempi naif del 3D anàglifo, quello delle immagini stereoscopiche blu e rosse. Oggi invece il 3D viene fatto perlopiù con occhiali alternati polarizzati. Il risultato è sempre il solito: se guardate con un occhio solo, vedrete il film in 2D, se lo guardate senza occhiali vedrete un bel blob.

La faccio breve: ieri sono andato a vedere Batman v Superman nello stesso cinema di quando ero adolescente. Spettacolo unico in 3D. Un patimento infinito. Vi spiego perché in una lista di 5 punti che chiarisca meglio il concetto.

 

1) Costa di più

10671269_931954666872423_5858148091510908265_n via

Prima di gridare “Ah pulciaroooooo” dalle retrovie, facciamo a capirsi: costa a grandi linee 3 euro di più di un film normale, cioè 10 euro. Quando offri il cinema alla tipa partono di botto 20 euro, poi magari il film è anche una merda e stai tutto il tempo a pensare a come avresti limonato bene sul divano di casa tua con un bel file BDrip h264 HD da guardare sul televisore 50 pollici. Tutto gratis.

 

2) Se nella vita porti gli occhiali, è tutto un bestemmiare

tumblr_lkleziddb11qav29fo1_r1_500 via

Io non porto gli occhiali sempre, solo quando lavoro e quando guardo i film. Ieri non li ho messi perché l’accollo del doppio paio d’occhiali sul naso è troppo anche per me. Destino vuole che ci veda meno dall’occhio destro e siccome l’effetto 3D si basa sul fatto di guardare un’immagine diversa per occhio, in alcune scene l’effetto diventa un inferno di sfocature, di volti irriconoscibili o di sottotitoli illeggibili, che mi ha  portato inesorabilmente all’imprecazione blasfema.

 

3) Va calibrato in modo del tutto speciale, altrimenti è una merda

tenani via

Dal momento che le lenti degli occhialetti sono un po’ più scure, sta al proiezionista calibrare bene i colori e l’esposizione della pellicola. In alcuni cinema, c’è il vecchino che smarmella, che apre tutto e ti consegna per 10 euro una roba che sembra già un cinerip (quei file pirata che riprendono un film con la telecamera direttamente dallo schermo), e voi m’insegnate che guardare un cinerip al cinema crea l’inception perfetto per smettere di varcare la porta della sala una volta per tutte.

 

4) Nelle parti di maggiore azione, in cui dovrebbe spaccare il mondo, il 3D non c’è

Back-to-the-future-2-jaws

Questo forse è il punto più importante, perché nel film Batman v Superman, le tre dimensioni giungono quando non servono: la mano di un giornalista in primo piano, le perle della mamma morta, le lacrime della fidanzata emotiva. E sticazzi? Io voglio vedere Doomsday che mi colpisce in testa talmente forte da farmi sanguinare sul serio. Voglio che la Batmobile derapi talmente vicino al mio culo da farmi uscire col fiatone, voglio provare il brivido blu dell’essere preso al lazo atomico da Wonder Woman. Invece nulla: nelle scene più complicate, visivamente più piene, solo qualche accenno che rende la visione ancora più caotica. Non ci siamo capiti, 3D: con quei preziosi 2 o 3 euro in più, io voglio accarezzare con mano l’estasi e la morte.

 

5) In definitiva, sembra di guardare un acquario

Ecco a cosa mi fa pensare il cinema in 3D: a un grande acquario in cui nuotano figure bidimensionali, a un teatro di marionette, a un diorama, al triste gioco delle corse di cavalli al luna park. Niente a che vedere con lo spettacolo esaltante che sembrano doverci vendere. E poi, buon Dio, smettetela una volta per tutte di assegnare il 3D anche a film romantici, in cui la cosa più eccitante da vedere è uno scoiattolo che sale su un albero. Non tutti i cinema sono attrezzati correttamente per questo tipo di film e mamma mia che mal di testa dopo la prima ora, per non parlare dello svarione quando esci a fumare una sigaretta nell’intervallo. Il cinema 3D è come il McDonald’s, tutte le volte che vedi la pubblicità sembra che i panini siano alti 6 metri e con la carne talmente fresca da essere macellata sul posto. Poi arriva il panino vero e è della consistenza delle scarpe di H&M: cartone.  Io al cinema preferisco sognare.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >