un passo dal cielo fedez
TV e Cinema
di Simone Stefanini 18 Gennaio 2017

Un passo dal cielo, il trionfo dell’assurdo tra Fedez, True Detective e Braccialetti Rossi

La quarta stagione di “Un passo dal cielo” è un hellzapoppin’ delirante di omaggi a serie tv immerso in panorami altoatesini

un passo dal cielo fedez  La scena madre!

 

Certe chiamate non possono essere ignorate. Quella di oggi riguarda l’episodio uno della quarta stagione di Un passo dal cielo, una serie tv forestal-thriller di mamma Rai, della quale so poco o nulla.

La missiva che me la presenta, in forma anonima e grondante mistero, mi parla di Fedez che interpreta se stesso, e già mi basta come incipit per donare quasi due ore alla visione di questo spettacolo.

Partiamo da lui, il rapper populista, il ragazzo della Ferragni, il giudice di X Factor che fuma la siga elettronica. Come in un musicarello di quelli degli anni ’60, interpreta Fedez, anche se il suo interlocutore poliziotto lo chiama Flipper.

È al centro di uno scandalo gossip e dunque chiede a una ragazza di fare la sua fidanzata di copertura, per proteggerlo dalla stampa cattiva che lo definisce spaccafamiglie. In buona sostanza le fighe sono tutte sue. Per fare il postmoderno, Fedez la chiama fidanzata fake e vi giuro che mi è uscito il sangue dal naso.

 

un passo dal cielo fedez  Spaghetti Carcosa

 

Il girato a cui vengo sottoposto, beh,  sapete cosa? Credevo peggio. Visivamente non è smarmellato come i telefilm di cui parla Boris, e si vede che gli autori hanno guardato un bel po’ di serie straniere.

Dentro c’è di tutto: omicidi rituali con maschere del Krampus, il demone nordico che ricordano subito il primo True Detective, la linea comica/assurda di un poliziotto che tenta di imparare il giapponese, che ci fa tornare alla mente gli episodi in commissariato tra Andy e Lucy di Twin Peaks, una setta che si veste di bianco come i Guilty Remnant di Leftovers, un bell’aneurisma cerebrale ai danni della vittima, che ci riporta un po’ a Braccialetti Rossi, il tutto sceneggiato come se si trattasse di un audiovisivo per tardi di comprendonio, con uno spiegone dietro l’altro.

 

un passo dal cielo fedez  Priorità: salvare la ragazza in difficoltà

 

Da profano della serie, scopro un arcano che ha deluso i fan accaniti: l’ex protagonista era Terence Hill, ma da questa stagione ha ceduto il passo a Daniele Liotti, più giovane e dinamico, che interpreta il nuovo capo della Forestale di San Candido.

Precisiamo due cose: non so come funzioni a San Candido ma la Forestale di recente è confluita nell’arma dei Carabinieri e di fatto non esiste più, quindi si parte subito a caso, e la cosa si fa interessante.

Il nome del personaggio di Liotti é Francesco Neri, che mi suona in testa un po’ come Claudio Cardinale o Ambro Angiolini, e fa tanto trenino con le trombette a pernacchia.

 

un passo dal cielo fedez  Il bel Francesco Neri

 

Purtroppo Fedez non canta e vi giuro che c’ho sperato fino alla fine, ma è encomiabile il modo in cui seduce Eva, interpretata da Rocio Munoz Morales che nella vita reale è la compagna di Raoul Bova, quindi avvezza ai bonazzi.

Ma come si fa a resistere al fascino di Fede, siamo seri? Speriamo di poter vedere questo brillante intreccio narrativo durante tutte le future puntate, perché sentiamo già il profumo di serie dell’anno 2017.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >