un passo dal cielo fedez
TV e Cinema
di Simone Stefanini 18 Gennaio 2017

Un passo dal cielo, il trionfo dell’assurdo tra Fedez, True Detective e Braccialetti Rossi

La quarta stagione di “Un passo dal cielo” è un hellzapoppin’ delirante di omaggi a serie tv immerso in panorami altoatesini

un passo dal cielo fedez  La scena madre!

 

Certe chiamate non possono essere ignorate. Quella di oggi riguarda l’episodio uno della quarta stagione di Un passo dal cielo, una serie tv forestal-thriller di mamma Rai, della quale so poco o nulla.

La missiva che me la presenta, in forma anonima e grondante mistero, mi parla di Fedez che interpreta se stesso, e già mi basta come incipit per donare quasi due ore alla visione di questo spettacolo.

Partiamo da lui, il rapper populista, il ragazzo della Ferragni, il giudice di X Factor che fuma la siga elettronica. Come in un musicarello di quelli degli anni ’60, interpreta Fedez, anche se il suo interlocutore poliziotto lo chiama Flipper.

È al centro di uno scandalo gossip e dunque chiede a una ragazza di fare la sua fidanzata di copertura, per proteggerlo dalla stampa cattiva che lo definisce spaccafamiglie. In buona sostanza le fighe sono tutte sue. Per fare il postmoderno, Fedez la chiama fidanzata fake e vi giuro che mi è uscito il sangue dal naso.

 

un passo dal cielo fedez  Spaghetti Carcosa

 

Il girato a cui vengo sottoposto, beh,  sapete cosa? Credevo peggio. Visivamente non è smarmellato come i telefilm di cui parla Boris, e si vede che gli autori hanno guardato un bel po’ di serie straniere.

Dentro c’è di tutto: omicidi rituali con maschere del Krampus, il demone nordico che ricordano subito il primo True Detective, la linea comica/assurda di un poliziotto che tenta di imparare il giapponese, che ci fa tornare alla mente gli episodi in commissariato tra Andy e Lucy di Twin Peaks, una setta che si veste di bianco come i Guilty Remnant di Leftovers, un bell’aneurisma cerebrale ai danni della vittima, che ci riporta un po’ a Braccialetti Rossi, il tutto sceneggiato come se si trattasse di un audiovisivo per tardi di comprendonio, con uno spiegone dietro l’altro.

 

un passo dal cielo fedez  Priorità: salvare la ragazza in difficoltà

 

Da profano della serie, scopro un arcano che ha deluso i fan accaniti: l’ex protagonista era Terence Hill, ma da questa stagione ha ceduto il passo a Daniele Liotti, più giovane e dinamico, che interpreta il nuovo capo della Forestale di San Candido.

Precisiamo due cose: non so come funzioni a San Candido ma la Forestale di recente è confluita nell’arma dei Carabinieri e di fatto non esiste più, quindi si parte subito a caso, e la cosa si fa interessante.

Il nome del personaggio di Liotti é Francesco Neri, che mi suona in testa un po’ come Claudio Cardinale o Ambro Angiolini, e fa tanto trenino con le trombette a pernacchia.

 

un passo dal cielo fedez  Il bel Francesco Neri

 

Purtroppo Fedez non canta e vi giuro che c’ho sperato fino alla fine, ma è encomiabile il modo in cui seduce Eva, interpretata da Rocio Munoz Morales che nella vita reale è la compagna di Raoul Bova, quindi avvezza ai bonazzi.

Ma come si fa a resistere al fascino di Fede, siamo seri? Speriamo di poter vedere questo brillante intreccio narrativo durante tutte le future puntate, perché sentiamo già il profumo di serie dell’anno 2017.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >