Viaggi
di Enrico Cassetta 7 Marzo 2018

9 motivi per viaggiare in Giordania, nel cuore del Medio Oriente

La Giordania è un Paese sicuro, composto da una popolazione dal cuore grande, virtuosa come poche altre, che potrebbe insegnarci molto su ospitalità e immigrazione

Foto © Enrico Cassetta  Foto © Enrico Cassetta

 

Tra tutti i luoghi del mondo in cui fare un viaggio, perché una persona sana di mente dovrebbe scegliere proprio la Giordania? Uno Stato mediorientale, a maggioranza araba musulmana, circondato da paesi di cui si sente parlare solo per fatti negativi. L’operazione aritmetica della regione è solitamente: Guerra + terroristi islamici + instabilità = Giordania insicura e pericolosa.

Ebbene cari miei, tocca deludervi, la Giordania è un Paese sicuro, composto da una popolazione dal cuore grande, virtuosa come poche altre, che potrebbe insegnarci molto su cosa significhi ospitalità e immigrazione. La Giordania offre anche luoghi e panorami meravigliosi, in cui si possono compiere molte esperienze diverse.

Se non vi fidate di me, ecco 9 motivi per convincervi.

Petra

Foto © FortitudoX Pixabay - Foto © FortitudoX

 

La magia: mi ricordo perfettamente il mio ingresso trionfale al tempio dopo aver percorso il canyon a cavallo intonando il motivetto di Indiana Jones. Petra è una delle sette meraviglie del mondo moderno, era la culla del popolo nabateo, ed è il simbolo della Giordania. Probabilmente non vi basteranno due giorni per visitare tutto il sito archeologico, fatto di monumenti, case e templi scavati nella roccia, acquedotti, rovine e anfiteatri romani. Preparatevi per un bel trekking, arrivate fino in cima al Monastero, fermatevi a bere un the con un beduino e ammirate la vista sul Mar Morto e la Palestina.

 

Wadi Rum

Foto © Enrico Cassetta  Foto © Enrico Cassetta

 

Il Wadi Rum è un deserto che vi lascerà senza parole per la bellezza unica e per i suoi panorami marziani. Ebbene si, è il luogo scelto per girare tutti i film dedicati al Pianeta Rosso (ad esempio The Martian qualche anno fa) ed è il deserto di Lawrance d’Arabia. Enormi rocce rosse tra una duna e l’altra, tramonti dai mille colori, cene attorno al fuoco, cieli stellati, e shisha coi beduini: prego, desidera altro?

 

Wadi Mujib

Foto © Hikinginjordan Wikimedia - Foto © Hikinginjordan

 

Si parte da un canyon che via via diventa una gola sempre più stretta in cui scorre un fiume, e lo si risale per 2 km fino a una cascata: in Giordania puoi farlo. Un vero e proprio trekking dentro l’acqua, un’avventura unica.

 

Amman

Foto © Koomaros Pixabay - Foto © Koomaros

 

La capitale della Giordania è una città dalla doppia anima: da una parte moderna e occidentale, dall’altra caotica e mediorientale. Indovinate quale vi piacerà di più? Il teatro e le rovine romane sono magnifiche, così come i mercati e i locali per la vita notturna.

Hummus e falafel

Foto © Yummyporky Wikimedia - Foto © Yummyporky

 

Viaggiare vuol dire anche provare nuove cucine. Quella giordana, simile a quella palestinese, è una delle più prelibate dal Medio Oriente, in cui Hummus e Falafel sono i grandi paladini, meglio ancora se mangiati insieme. La prima è una salsa a base di purea di ceci, i secondi sono polpette di legumi speziate e fritte. Preparatevi, in Medio Oriente si mangia benissimo.

Le persone

Foto © Enrico Cassetta  Foto © Enrico Cassetta

 

Ovunque andrai ci sarà un beduino che ti inviterà a casa sua e ti offrirà un bicchiere di tè, o che sarà talmente curioso di conoscerti che ti porterà con la sua jeep nel deserto a fumare il narghilè sotto le stelle: l’ospitalità è considerata sacra.

Per comprendere ancor di più il grande cuore del popolo giordano bisogna precisare che negli anni, grazie alla stabilità interna, ha subito imponenti migrazioni di rifugiati che fuggivano dalle guerre nei paesi limitrofi, e ad oggi la popolazione è composta quasi al 50% da arabi palestinesi. E vaglielo a spiegare a tutti i Salvini, Trump e Le Pen di sto mondo che usano i profughi come capro espiatorio per accaparrarsi voti.

La sicurezza

Foto © Enrico Cassetta  Foto © Enrico Cassetta

 

I tanti profughi e l’instabilità dei paesi vicini significano pericolosità, insicurezza e criminalità? Errore. La Giordania stupisce anche in questo: sia nei luoghi più turistici che in una grande città come Amman ci si può muovere in totale autonomia e sicurezza, grazie a una forte presenza di polizia e militari.

Mar Morto

Foto © Gusjer Flickr - Foto © Gusjer

 

Volete mettere l’epicità di raggiungere la depressione più profonda della terra (415 metri sotto il livello del mare), di immergersi nelle sue acque, di galleggiare stando immobili e di farsi la foto mentre si legge il giornale stesi in acqua? Oh, se poi non vi piace è anche pieno di centri termali e di mostri della palude che si aggirano cosparsi di fanghi.

Mar Rosso

Foto © NASA/JSC Wikimedia - Foto © NASA/JSC

 

Volete andare nel Mar Rosso da veri hipster? Bene, scegliete il lato meno figo e andate ad abbronzarvi la fronte e a fare snorkeling nei 26 km di costa giordana sul golfo di Aqaba.
Carino per chi ama il mare, potreste approfittarne per farne la vostra base da cui partire per le escursioni nel Wadi Rum e a Petra che distano qualche ora di macchina.

Qualche granello di sabbia nelle scarpe, la bellezza negli occhi, la mente piena di bei ricordi, e un paese che non vi uscirà più dal cuore. Statene certi, mi assumo tutte le responsabilità, vi innamorerete della Giordania: soddisfatti o rimborsati.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >