Viaggi
di Stefano Disastro 22 Febbraio 2018

Appunti visivi di un grafico in vacanza: i pattern di Fes, Marocco

Come uno scrittore si appunta frasi e situazioni sul taccuino, così un grafico si appunta immagini. Una nuova rubrica di appunti di viaggio per immagini di un grafico curioso in vacanza.

 

Se uno ti dice “ti faccio vedere le fotografie di Fes”– tu cosa ti immagini?
La Medina, la conceria di pelli, piatti tipici, mercati, qualche moschea, i giardini, terrazze con vista mozzafiato, donne velate e uomini che fumano. Insomma quelle immagini tipiche da cartolina lì. Qualcosa come le 10 cose imperdibili da fare a Fes, Marocco.

Ecco, ci sono stato di recente a Fes, una piccola vacanza fuori stagione e nel riguardare le foto che ho scattato non c’è nulla (o quasi) di quanto sopra. Da lì l’idea per questa nuova rubrica: Appunti visivi di un grafico in vacanza.

Perché mi sono reso conto che noi grafici siamo una razza strana, andiamo in vacanza e siamo lì con gli occhi che guizzano da tutte le parti e fotografiamo per lo più stranezze. Di certo non fotografiamo quello che fotografate voi persone normali e perbene. O meglio, non solo. Qualche volta cediamo anche noi ai richiami forzati della foto alla famiglia, ai figli, alla fidanzata.

Di certo è raro che un grafico (definizione allargata) si metta a fare l’ennesima foto da stock di monumenti (forse è perché ci lavora tutti i giorni dell’anno con le immagini di stock e ne ha anche un po’ pieni i maroni). Di certo è vero che lo sguardo di un grafico si sofferma su dettagli che per lo più passano inosservati se non addirittura annoiano l’accompagnatore.

Per dire.
Da anni i miei amici mi prendono per il culo perché quando siamo arrivati con gli zaini in piazza a Praga io non mi sono messo a fotografare come tutti l’orologio astronomico (Staroměstský Orloj) ma un tombino. Sì, avete letto bene: un tombino. E non era (solo) per l’ubriacatura costante che, in quel mitico interrail di fine anni ’90 nell’Europa dell’Est, io non fotografavo i classici monumenti o i tramonti o quelle cose lì, ma i miei rullini fotografici si riempivano di insegne dei negozi, di pensiline sfasciate degli autobus, di rari manifesti pubblicitari, di corsie semivuote di supermercati, fino ad arrivare all’apice della perversione ottica, appunto: i tombini (prima o poi mi riprometto di recuperare a casa dei miei genitori le foto dei tombini di ghisa con le grafiche sovietiche dell’allora Cecoslovacchia e farci un articolo).

20 anni dopo le cose non sono cambiate. ‘Un grafico è per sempre’ direbbe il poeta. In una piccola vacanza fuori stagione in quel di Fes, Marocco, il mio iPhone ha raccolto quasi 1 giga di immagini di pattern, piastrelle e altri dettagli grafici della bella città marocchina, per la gioia delle mie compagne di viaggio.

Dopo tutto questo pippone introduttivo -che ogni vero grafico avrà saltato a piè pari- andiamo al sodo.
Come uno scrittore si appunta frasi e situazioni sul taccuino, così un grafico si appunta immagini.
Voglio condividere con voi questi miei scatti, questi appunti visivi che non hanno nessuna velleità artistica in sé se non essere spunti, remind, epifanie, scintille, etc . Che andare via è sempre un’ispirazione e la condivisione della bellezza e degli stimoli fa solo del bene. A tutti quanti.

Ecco quindi una gallery tipica di appunti visivi di un grafico in vacanza, in questo caso in quel di Fes, Marocco. 2018.

Nella testa questa frase: “Là, tout n’est qu’ordre et beauté, Luxe, calme et volupté”

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >