Viaggi
di Simone Stefanini 23 Marzo 2017

La Sardegna lancia una petizione online per avere la propria bandiera sulle emoji

In ogni evento che si rispetti, campeggia la bandiera coi quattro mori. Perché non includerla tra le emoji di WhatsApp?

 flickr

Come saprete, su Change.org si possono lanciare le più svariate petizioni, da quelle più serie riguardanti il sociale a quelle diciamo meno ortodosse, tra le quali ne ricordiamo una inviata direttamente a Dio affinché rimandasse sulla Terra David Bowie.

Vista la grande varietà, sembra strano che la petizione di cui stiamo per parlarvi non fosse già presente sul sito. Un giovane sardo, Pedru Sanna Deledda ne ha avviata una in cui ha chiesto di includere la bandiera sarda tra quelle presente nelle emoji di app come WhatsApp o siti come Twitter.

 

Ecco come figurerebbe la bandiera sarda tra le altre bandiere del mondo l'unione sarda - Ecco come figurerebbe la bandiera sarda tra le altre bandiere del mondo

 

Da giugno 2017 infatti UNICODE cambierà il protocollo nella codifica delle bandiere riproducibili nei sistemi digitali e oltre a quelle di Stato, potranno figurare le subregioni, quindi oltre a Scozia, Inghilterra e Galles (già in programma), potremmo trovare anche le bandiere di Catalunya, Paesi Baschi, Corsica e ovviamente la mitica bandiera sarda coi quattro mori.

La petizione stavolta potrebbe funzionare davvero, perché UNICODE sceglie le nuove bandiere in base all’interesse collettivo e in questo caso di interesse sembra ce ne sia davvero tanto. Pensate a tutti i grandi eventi nel mondo, ai concerti da stadio in cui spesso sventolano le bandiere sarde. Magari potrà non esserci quella italiana, ma di certo non mancherà mai quella coi quattro mori.

 

Il concertone del Primo Maggio non parte neppure se non c’è la bandiera sarda musicroom - Il concertone del Primo Maggio non parte neppure se non c’è la bandiera sarda

 

Vi siete mai chiesti il perché? Una spiegazione plausibile potrebbe essere che muoversi dalla Sardegna per andare a vedere un concerto in continente o nel resto del mondo costa un bel po’ di fatica ed è un’impresa per pochi valorosi, che come da tradizione, una volta arrivati a destinazione, piantano simbolicamente la loro bandiera. Di certo rappresenta un forte simbolo identitario per il popolo sardo sparso in tutto il globo.

 

Un viaggiatore sardo con la bandiera sotto la statua di Rocky a Philadelphia sardanews - Un viaggiatore sardo con la bandiera sotto la statua di Rocky a Philadelphia

 

Anche il significato dei quattro mori su sfondo bianco con croce rossa affonda le proprie radici nella leggenda e nel mistero. È legato alle vicende belliche della Corona di Aragona , che dominò la Sardegna dal 1324 fino al 1479 e i quattro mori rappresentano le vittorie dei catalano-aragonesi contro gli invasori di Saragozza, Murcia, Valencia e Baleari [fonte], ma non è l’unico significato.

Sembra infatti che durante la battaglia del 1096 in cui Re Pietro I di Aragona difese Alcoraz dai mori, apparve San Giorgio nelle vesti di un cavaliere bianco con una croce rossa sul petto e tagliò la testa di quattro principi mori.

Qualunque sia la verità, visti l’affetto e la passione con cui questa bandiera viene mostrata in ogni parte del globo, ci viene una gran voglia di firmare la petizione. Se anche voi volete aiutare il sogno dei sardi di trovare il proprio simbolo nelle emoji, firmate qui.

 

No bandiera sarda, no party instagram - No bandiera sarda, no party

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >