Viaggi
di Matteo Scotini 6 Febbraio 2018

Non solo canzoni: cosa fare a Sanremo durante il Festival

 pokerpost.fr

Cosa fare a Sanremo durante il Festival della canzone italiana? Sappiamo tutti che il piccolo comune ligure ha conquistato il suo spazio mediatico e la sua fama perché ospita, ormai da 68 edizioni, la competizione canora più seguita in Italia. Ma non è tutto qui, Sanremo non è solo festival, il comune offre infatti molte alternative all’evento presso il teatro Ariston e si difende bene anche in altri periodi dell’anno che non siano febbraio. Ecco una breve guida alle bellezze di questa cittadina.

1. Il Casinò

Cosa fare San Remo Festival Sanremo News

Il più antico casinò d’Italia è ospitato da un notevole edificio in stile Liberty inaugurato nel 1905 con il nome di “Kurzaal“, sorge a pochi passi dal teatro Ariston ed è attualmente una delle quattro case da gioco italiane. Un vero e proprio pezzo di storia che ha ospitato il Festival nei suoi primi anni di vita dal ‘51 al ‘76 presso il  “Salone delle feste“, che attualmente ospita gli oltre 100 concerti annuali dell’orchestra sinfonica di Sanremo e i “Martedì Letterari”, a pieno titolo considerati il salotto culturale del Ponente, pluripremiati dalla Presidenza della Repubblica. La storia di questo edificio nell’immaginario collettivo non si ferma a questo: il Casinò ha fatto da sfondo a diversi film italini da “Al Bar dello sport” di Massaro (1983) a “Fortunata” di Castellito (2017), passando per “A tu per tu” di Corbucci (1984). L’edificio, oltre alle sale dedicate al gioco e alla sala Teatro (ex Salone delle feste) ospita il prestigioso ristorante Biribissi, (che deve il suo nome a un gioco del ‘600 simile alla lotteria) e il Roof Garden, che si affaccia sui tetti della città, aperto solo la sera e dedicato a spettacoli e serate musicali di artisti nazionali e internazionali.

 

2. La Chiesa Russa

Cosa Fare Sanremo Festival 1 Milano-Sanremo

Dal profano al sacro, la chiesa di Cristo Salvatore è uno degli edifici più interessanti da visitare. E’ una chiesa di rito ortodosso, costruita a Sanremo all’inizio del Novecento dalla nobiltà russa, che aveva scelto la città come luogo turistico e per soggiorni curativi . All’interno del cortile di questo edificio sacro, fondato intorno al 1912 (ben sette anni dopo il profanissimo casinò), vi sono due busti raffiguranti il re d’Italia Vittorio Emanuele III e sua moglie, la regina Elena del Montenegro (la quale prima del matrimonio era di fede ortodossa), regnanti all’epoca della costruzione dell’edificio.

 

3. La Concattedrale di San Siro

Cosa Fare Sarnemo Festival 2 Wikipedia

La Chiesa di San Siro fu costruita agli inizi del XII secolo, con tutta probabilità dai Maestri Comacini sui resti di una primitiva chiesa paleocristiana, ancora parzialmente esistente a tre metri circa di profondità dal pavimento della chiesa di oggi. Da non perdere il complesso scultoreo di Dante Ruffini in marmo “mazzano dal colore avorio antico, nel quale vennero scolpite scene simboliche del Vecchio e Nuovo Testamento. Sull’altare maggiore della concattedrale si innalza il grande Crocifisso di Anton Maria Maragliano, mentre nella cappella sinistra della chiesa potrete ammirare una Madonna del Rosario dello stesso artista.

 

4. La pinacoteca Rimbaldi

Cosa fare Sanremo Festival 3 Sette Muse

Anche l’occhio vuole la sua parte, se siete già stati al Festival e siete saturi di bel canto, questo è il posto che fa per voi. La Pinacoteca, istituita nel 1865, vanta cento opere pittoriche comprese tra il XV e il XIX secolo, tra cui spiccano la Madonna con il Bambino attribuita a Lorenzo di Credi, la Sacra Famiglia di Fra’ Bartolomeo della Porta, le Tentazioni di Sant’Antonio di Salvator Rosa.

 

5. Il museo Civico

Cosa Fare Sanremo Festival 4 Comune di Sanremo

Dal 2016 è visitabile presso “Palazzo Nota” monumentale edificio seicentesco su due piani, un tempo luogo di residenza del commissario genovese e antica sede comunale. Al primo piano è presente la , Sezione Archeologica che conserva le più antiche testimonianze del territorio sanremese a partire dall’epoca preistorica. Il secondo piano ospita invece un’altra pinacoteca in cui è possibile ammirare, tra le altre opere,  un grande arazzo seicentesco della scuola fiamminga di Oudenaarde. Da non perdere la sala interamente dedicata ad Antonio Rubino (1880-1964), pittore, scrittore, scenografo e celebre illustratore del Corriere dei Piccoli.

 

6. Il museo nobeliano

Cosa Fare Sanremo Festival 5 Wikipedia

Ebbene si, questo aggettivo esiste davvero  e fa riferimento a uno dei premi più ambiti della modernità. Questo museo è dedicato alle scoperte più rilevanti del XIX secolo e le attività di ricerca a cui Nobel si dedicò: telegrafo, telefono e alta fedeltà; la seta artificiale e i materiali sintetici fno  alla scoperta della dinamite. Interessante l’esposizione filatelica dedicata ai molti Premi Nobel della storia, e allo stesso Alfred Nobel.

 

7. Il Giardino esotico

Cosa fare Sanremo Festival Wikipedia

Rimaniamo in ambito scientifico, questa è una delle attrazioni più sorprendenti visitabili a Sanremo. Il Giardino Esotico Pallanca è un orto botanico specializzato in cactacee e piante succulente. La collezione è privata e rappresenta il risultato del lavoro di raccolta, operato in quattro generazioni della famiglia Pallanca che oggi può vantare il risultato di essere il più completo del genere sul territorio nazionale, collocandosi ai primi posti nel panorama mondiale. Dal 1989 il Giardino è diventato un ente museale privato visitabile dal pubblico che presenta una nutrita biblioteca di settore. Presso l’azienda Pallanca è possibile acquistare alcune delle varietà di piante presenti nel Giardino. Famosissime le loro varietà di Aloe.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >