Viaggi
di Starfooker 5 Marzo 2015

Abbiamo fatto un giro alla Milano Fashion Week e non è come pensavamo

Abbiamo mandato un fotografo in cerca dei fenomeni da baraccone della Milano Fashion Week, ma non è andata come ci saremmo aspettati…

[Milano, interni di una redazione, giovedì pomeriggio] È iniziata la settimana della moda! è iniziata la settimana della moda! E non abbiamo nemmeno una gallery! Tragedia! Terrore! Guardate qui quanti freak! Oddio! Mandate il primo fotografo disponibile a fiutare le pailettes della preda!

E fu così che un sabato mattina mi trovai fuori dal mio letto con una macchina fotografica al collo, io che ho le abitudini fotografiche di un vampiro. L’outfit è tutto, pensavo tra me e me, e quindi via di total black: scelta così originale da esser condivisa praticamente da quasi ogni fotografo uomo trovato in giro per le strade di Milano, mentre qualche minimo vezzo in più per quanto riguarda le donne reflex munite.

Piazzarsi davanti all’entrata delle sfilate della giornata è stato il primo passo per essere sicuri di individuare il maggior numero di addetti ai lavori e cominciare ad isolare curiosi e passanti vestiti bene. Già così l’impresa non è stata facile e quindi l’unica soluzione possibile è stata piazzarsi il più vicino possibile all’entrata per esser proprio sicuri della non estraneità dei soggetti da fotografare. La missione sembrava facile: secondo le gallery studiate qui e là sulla rete per documentarmi c’erano miriadi di soggetti così variopinti e dalle fogge così particolari che non avrei potuto sbagliarmi.

Purtroppo la realtà è stata ben diversa: al di là di qualche buontempone, gli addetti avevano delle mise così sobrie che sembravano impiegati che andavano ad una fiera d settore. Eleganti si, composti, con qualche accessorio più vistoso ma niente che potesse essere paragonato allo sfarzo e all’eccentricità che si possono trovare a una media cena aziendale natalizia o a un capodanno cafonal. Una delusione incredibile. E i veri VIP, le donne e gli uomini alla testa dei colossi aziendali ed editoriali? Ancora più deludenti nella loro sobrietà, capo-uffici sotto-tono. Qualcosa in più si poteva ottenere girando nei dintorni nelle sfilate, cercando in quelli che passavano vestiti come dei cretini apposta per farsi fotografare, ma perché farsi fregare così, mica siamo usciti dal tepore del piumone per farsi fregare alla prima trappola no?

Comunque sia, di seguito un breve excursus fotografico, brutto ma onesto.

_DSC4135

_DSC4223

_DSC3954

_DSC3894

_DSC3885

_DSC4010

_DSC4032

_DSC3948

_DSC3439

_DSC3505

_DSC3755

_DSC3214

_DSC3568

_DSC3688

_DSC3696

_DSC3161

_DSC2857

_DSC3068

_DSC3042

_DSC3007

_DSC2984

_DSC2903

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >