Viaggi
di Matteo Scotini 26 Marzo 2018

Il museo a cielo aperto del borgo di Etroubles in provincia di Aosta

Camminando per le strade di questo piccolo borgo di montagna ci si imbatte in opere d’arte di ogni tipo disseminate tra le strade e le piazze di Etroubles. In questo vero e proprio museo a cielo aperto antico e contemporaneo convivono in totale armonia, lasciando i visitatori senza fiato.

museo-cielo-aperto-borgo-Etroubles-Aosta-antico-contemporaneo2

 

Questo piccolo borgo in provincia di Aosta negli ultimi anni è stato tristemente al centro dell’attenzione mediatica: gli abitanti della montagna si sono opposti per anni alla costruzione di un viadotto lungo 300 metri e alto 60 che avrebbe collegato Etroubles all vicina Saint-Oyen deturpando il paesaggio alpino. La bellezza di questo borgo però non risiede unicamente nel contesto naturalistico che la circonda, dal 2005 Etroubles si è trasformata in un museo a cielo aperto che ospita opere importantissime.

 

ValledAosta#Etroubles#Borghipiubelliditalia#viaFrancigena#italy

Un post condiviso da Simone Nava (@simone.nava.74) in data:

Tutto il borgo è un museo, ci sono più di venti opere disseminate liberamente tra strade, piazze e facciate dei palazzi. Tra le vie di Etroubles ci si imbatte di continuo in sculture, murales e installazioni di ogni tipo e perfino i numeri civici delle abitazioni private sono stati ridisegnati in modo da rendere il borgo più piacevole allo sguardo. Questa propensione degli abitanti del borgo alla bellezza e all’arte ha fatto si che, grazie alla collaborazione con la Fondation Pierre Gianadda di Martigny, in questo piccolo paese di montagna arrivino le retrospettive dei grandi autori della storia dell’arte moderna e contemporanea, si parla di grandi mostre dedicate ad esempio a  Rodin e Claudel o alla scultura da Degas a Picasso.

 

 

Le installazioni e le mostre che si riferiscono all’arte moderna e postmoderna inserite nel contesto di un tipico borgo di montagna creano un cortocircuito mozzafiato tra antico e contemporaneo, facendo sì che le opere esposte nel museo a cielo aperto che è Etroubles vivano di una rinnovata energia. Il contrasto tra le epoche permette ai visitatori del borgo di instaurare un diverso rapporto con il concetto di tempo e di estendere l’esperienza culturale fornita da un comune museo oltre i confini (reali o simbolici) dello spazio espositivo.

 

Etroubles custodisce anche alcune bellezze che risalgono a molto prima della sua trasformazione in museo a cielo aperto: Una su tutte il campanile della vecchia parrocchiale che conserva ancora la sua struttura in pietre di taglio edificata nel 1480 nei pressi del quale sorge un portale di legno scolpito del XVII secolo, il resto dell’edificio sacro è stato riedificato in epoche ancora successive, intorno al 1814. Tra gli eventi legati alla tradizione vi segnaliamo la Veillà, manifestazione durante la quale in una sera d’agosto rinascono i vecchi mestieri, come la lavorazione della fontina, la battitura del grano o del ferro, l’allevamento delle pecore e la confezione di landzette (i costumi di carnevale).

 

#arts #valledaosta #aostavalley #igervalledaosta #ig_valledaosta #etroubles

Un post condiviso da Omar Schiavoni (@omar.schiavoni) in data:

Se siete combattuti tra una bucolica gita fuori porta e un’urbanissima visita presso un museo di arte moderna e contemporanea, questo piccolo gioiello salvato dallo scempio paesaggistico è il posto che fa per voi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >