Viaggi
di Marco Villa 26 Marzo 2015

Fare il poliziotto in Islanda è uno dei lavori più tranquilli del mondo

L’account Instagram della polizia di Reykyavik è meglio di una raccolta di immagini zen

Circa un anno e mezzo fa, si parlò parecchio di un argomento all’apparenza davvero poco interessante: la polizia islandese. Era il dicembre 2013 e le forze dell’ordine della capitale Reykyavik entrarono nelle cronache di tutta Europa perché, per la prima volta nella loro storia, avevano ucciso un uomo.

Esatto, per la prima volta nella loro storia. Una statistica incredibile se paragonata a paesi come gli Stati Uniti, ma parecchio forte anche se confrontata con quello che succede in Italia, dove le vittime delle forze dell’ordine raramente ricevono giustizia.

Il motivo per cui in Islanda la polizia non aveva mai colpito a morte un cittadino è molto semplice: da quelle parti i tassi di criminalità sono bassissimi e quindi i poliziotti non sono costretti a ricorrere alle armi.

E per dimostrare a tutto il mondo quanto stanno bene e quanto sono tranquilli, i poliziotti islandesi hanno scelto di usare Instagram, dove caricano immagini lontanissime da quelle che ci si aspetterebbe dal loro ruolo.

Tempo fa erano già girate tante foto di questo tipo, ma in questi giorni Boredpanda ne ha messe insieme altre e noi non abbiamo resistito. Eccole.

FONTE | boredpanda.com

polizia islanda reykjavik foto 1

polizia islanda reykjavik foto 2

polizia islanda reykjavik foto 3

polizia islanda reykjavik foto 4

polizia islanda reykjavik foto 5

polizia islanda reykjavik foto 6

polizia islanda reykjavik foto 7

polizia islanda reykjavik foto 8

polizia islanda reykjavik foto 9

polizia islanda reykjavik foto 10

polizia islanda reykjavik foto 11

polizia islanda reykjavik foto 12

polizia islanda reykjavik foto 13

polizia islanda reykjavik foto 14

polizia islanda reykjavik foto 15

polizia islanda reykjavik foto 16

polizia islanda reykjavik foto 17

polizia islanda reykjavik foto 18

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >