Gif di Gabriele Ferraresi
Viaggi
di Gabriele Ferraresi 30 Giugno 2016

Vacanze Italiane – Si può essere felici a Pietra Ligure

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

vacanze italiane pietra ligure  Gif di Gabriele Ferraresi

 

Comincia oggi vacanze italiane: una rubrica con cui vogliamo raccontare i posti dove tutti noi siamo stati in vacanza fino ai 18 anni. È il nostro tema libero sull’estate, visto che ormai siamo in periodo di compiti per la vacanze! Se volete mandare la vostra vacanza italiana, scrivete a info@dailybest.it 

I miei nonni ci avevano preso la seconda casa negli anni cinquanta. All’epoca Pietra Ligure, in provincia di Savona, in Liguria, era un paese tutto sommato piccolo e la grande invasione di milanesi, torinesi e lombardi e piemontesi in genere, con il loro sciame di seconde case doveva ancora partire, così come la speculazione edilizia. Gli abitanti censiti a Pietra Ligure nel 1951 erano poco più di 4mila, oggi – nel 2011, data dell’ultimo censimento – sono oltre il doppio.

La tempesta perfetta di firme, rogiti e consegne di chiavi negli anni sessanta doveva ancora manifestarsi, ma stava per farlo: una tempesta che ha sì arricchito tanti da quelle parti, ma ha anche deturpato irrimediabilmente un territorio che a Levante tutt’oggi – anche per la sua stessa conformazione: per fortuna c’era e c’è meno spazio per costruire – è molto meglio conservato.

Ma questi sono inutili rimpianti: dicevamo degli anni cinquanta e sessanta, quando il ceto medio delle metropoli italiane del boom prendeva la seconda casa andava verso la riviera di Ponente: mentre la media e alta borghesia andavano a sistemarsi a Levante, se non lo avevano già fatto nella generazione precedente – e i ricchissimi infatti l’avevano già fatto, anche svariati decenni prima. Una distinzione alla Bourdieu questa che ci porteremo dietro per sempre, visto che ancora oggi andrebbe fatto uno studio sul chi-va-dove-e-come-mai-in-Liguria uno studio che suggerisco come tesi di laurea a qualche giovane sociologo in ascolto.

Del resto anche Guido Nicheli – Dogui, lo stereotipo del cumenda milanese, canzonava Mario Brega così in Montecarlo Gran Casino, pellicola del 1987.  “Ma voi dovete stare a Pietra Ligure!

 

 

I relativamente poveri così avevano la seconda casa a Pietra Ligure, a Finale Ligure, a Borghetto Santo Spirito, a Ceriale – dove per le Colombiadi aprì a inizio anni novanta il grande parco acquatico Le Caravelle, che meriterebbe una dissertazione a parte – mentre i relativamente ricchi se ne stavano a Sestri Levante, a Camogli, alle Cinque Terre, a Santa Margherita – dove vanno tutt’ora – o certamente a Portofino, luoghi dove deve essere stato magnifico vivere un’estate anni ’60. Ma stiamo su Pietra Ligure. La mia Pietra Ligure.

Ci sono stato tutte le estati dagli 0 fino ai 18 anni compiuti, come migliaia e migliaia di altri me, poi ho cominciato a fare le vacanze da solo. Eravamo tutti figli di gente né ricca né povera, portati al mare per due, a volte anche tre mesi d’estate dai nonni, dagli zii in pensione, cui magari solo per qualche settimana d’agosto si aggiungevano i genitori.

Stessa spiaggia – i Bagni Gabbiano per quel che mi riguarda – e stesso mare, stessa fila di ombrelloni ogni luglio e ogni agosto per decenni. Stesse persone, tutte le estati, noi crescevamo: mentre loro diventavano sempre più anziani, rimpicciolivano, fisicamente proprio. Noi passavamo da bambini ad adolescenti – mica uomini – loro procedevano ad ampie falcate verso la terza età.

Ci sono molto affezionato a Pietra Ligure, malgrado qualcuno dica che è un posto per vecchi – e non lo è affatto – ci sono affezionato perché stato il posto dove ho conosciuto amici cui ho fatto da testimone di nozze, mi sono ubriacato le prime volte, dove ho scopato la prima volta a 15 anni, 16 da compiere un paio di mesi dopo, dove per il maggior numero di giorni consecutivi penso di essere stato felice, e non è mica poco.

Tutte queste cose non mi sono successe a Milano, dove vivo da 34 anni: mi sono successe a Pietra Ligure.

Se avete visto il film Stand by me – Ricordo di un’estate (1986) moltiplicatelo per tutte le mie estati dai 13 ai 18 anni, e avrete una parziale idea dello struggimento con cui ripenso a quel posto: sarà per i primi baci dati al cinema all’aperto – il leggendario Cinema King di viale della Repubblica – con Dracula di Bram Stoker (1992), oppure fare l’alba in spiaggia con un amico diabetico che ricordo si iniettava l’insulina da un astuccio elegantissimo, andare a prendere qualcuno in stazione l’anno stesso in cui avevi fatto la patente, andare in spiaggia la sera con la ragazza adatta.

 

Il proiettore del cinema King, abbandonato da anni - Foto: Gabriele Ferraresi  Il proiettore del Cinema King, abbandonato da anni – Foto: Gabriele Ferraresi

 

Ancora oggi ci torno cinque o sei volte l’anno, ci torno tutte le volte che posso e riparto il lunedì mattina all’alba per andare diretto al lavoro pur di godermi il tramonto della domenica in riva al mare. Ma non ho più 16 anni, anzi, ne ho più del doppio e la differenza è tutta lì: nelle stagioni della vita.

Ma com’è Pietra Ligure oggi? È una località di villeggiatura cui non manca niente, sicuramente perfetta per chi vuole godersi la pensione, o svernare al riparo dal gelo, d’estate è sicuramente perfetta fino ai 18 anni – penso che tutt’ora sia una specie di Disneyland feromonica per gli adolescenti che hanno la fortuna di passarci l’estate – per tutti gli altri, diciamo la fascia d’età che va dai 19 ai 50 se manca spirito d’inventiva può essere forse un po’ limitata. Ma basta spostarsi di poco – verso Noli, verso Bergeggi, o magari anche solo Finalborgo che è splendida – per riscoprire altre meraviglie.

La casa, quella casa di Pietra Ligure, per me è un luogo sincronico importante: perché mi capitano cose come queste – ci vado un giorno a caso e trovo il giornale esattamente di quel giorno, ma quarant’anni prima – e certo, le coincidenze non esistono.

Ma Jung sì.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >