vacanze italiane sanremo
Viaggi
di Alberto Motta 10 Agosto 2016

Vacanze Italiane – La boa di Sanremo su Wikipedia non esiste

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

vacanze italiane sanremo  Gif di Gabriele Ferraresi

 

Continua Vacanze Italiane la rubrica in dove raccontiamo i posti dove tutti noi siamo stati in vacanza fino ai 18 anni. È il nostro tema libero sull’estate, visto che ormai siamo in periodo di compiti per la vacanze: se volete mandare la vostra vacanza italiana, scrivete a info@dailybest.it. 

Il mare di quando sei bambino è il mare in te, non il mare in sé. Per questo le foto dei bambini che si tuffano dalle scogliere sono quella cosa importante che sono. Per questo L’estate e altri saggi solari di Albert Camus va riletto ogni estate. Per questo sulla copertina della mia copia di L’estate e altri saggi solari di Albert Camus ho cancellato la S di saggi e ho messo una R.

È per questo che il mio Sanremo, che è il mio mare da bambino, su Wikipedia non esiste.

Sanremo, allora, cos’è?

Gli oleandri in autostrada. Li mettevi in macchina per portarli a casa ma sono tossici e morivi.

Guidava il papà, e guidava con gli zoccoli.

La chiesa rossa o la chiesa russa?

Il primo hamburger della mia vita, nel primo fast food della mia vita, invece era un panino con dentro l’insalata di gamberi.

Il bagnino dei Bagni Paradiso ti diceva di mangiare lo yogurt per i brufoli.

Stavo per fare l’amore per la prima volta, a Sanremo. Era notte. Durante un’indianata mi ritrovai in mare con una bambina bellissima, biondissima, con gli occhi azzurrissimi. Ci baciavamo nel mare, quindi sì, la mia prima volta stavo per fare l’amore in acqua. E invece la torcia di un guardaspiaggia. E il giorno dopo lei ebbe le sue prime mestruazioni.

All’Ippocampo c’erano i ricchi.

Poi 25 anni dopo scrissi questa cosa per me importantissima su Sanremo.

Poi andare al mare diventò tutta un’altra cosa. Come l’anno scorso, quando andai a Lerici e fu così.

Ma torniamo a Sanremo.

Aspettare undici mesi per andare al mare. Aspettare che si alzasse il passaggio a livello per andare al mare. Aspettare due ore dopo aver mangiato per andare al mare.

Le tette delle donne in topless sugli scogli. Non ho mai visto un genitore felice a Sanremo. Non che ci sia un collegamento.

Il pub Rivolta e il Jack Daniel’s.

Il primo lettore cd. E il primo cd, che era dei Pogues.

Il primo ballo in discoteca. Su Should I Stay or Should I Go dei Clash. Fu l’ultima volta che ballai. Fu l’ultima volta che entrai in una discoteca. (Sì, fu traumatico).

Tutti andavano a comprare l’oro dallo Spada. Poi l’anno dopo andavano a comprare l’oro dallo Spada. E dicevano: “Sì, ma l’anno scorso è stato in galera lo Spada”.

Sugli scogli dei bagni Paradiso, un giorno, correndo insieme ad alcuni amici, rimasi con la gamba incastrata tra due massi. Ci misero ore per liberarmi. Ma questa storia è falsa. La misi in giro io circa 30 anni fa. Chissà perché.

Poi mio zio Angelo e lo Stefano si alzavano e dicevano: “Cià, andiamo fino alla boa”.

Ecco, “Andiamo fino alla boa” sulla pagina Wikipedia di Sanremo non c’è, eppure è l’unica massima di vita che abbia senso. Per me, e forse anche per Camus.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >