Web
di Gabriele Ferraresi 11 Aprile 2016

Che cos’è Snapchat, il social network che vuole sostituire Facebook

Spieghiamo l’app del momento, a chi non ha l’età per capirla

anteprima snapchat  Snapchat + Dailybest. Sì, non si usa Snapchat in orizzontale, però serviva un’immagine per aprire.

 

Tutti parlano di Snapchat, ha intorno un hype pazzesco, vai a sapere se motivato o meno: forse se avete intorno ai trent’anni avete scaricato l’app iOS o Android per illudervi di averne dieci, o quindici in meno di anni.

Però poi sorpresa! Quando avete provato a usarlo vi siete sentiti vecchi, vecchi, vecchi, come e più di Clint Eastwood in Gran Torino. Parlo per esperienza personale: in fondo siamo qui a confrontarci serenamente, in questa riunione di AA – i famosi Anziani Anonimi.

 

 

Una volta scaricata avrete chiuso l’app con la stessa espressione di Clint. Eppure un’app che permette di far vomitare arcobaleni non può essere cattiva. Una gif di Trump che vomita arcobaleni, per favore.

 

 

Che cos’è e come funziona?
Ok quindi ora prepariamoci a spiegare che cos’è e come funziona Snapchat. Snapchat è un’app iOS e Android, gratuita, che ha qualcosa di molto diverso dai social media che siamo abituati a frequentare. È principalmente un servizio di messaggistica che consente di inviare e condividere brevi video, foto, o messaggi di testo alla nostra cerchia sociale. Tutto qui, niente di più, niente di meno. E fin qui niente di strano, queste cose le propongono un sacco di app,

Perché Snapchat è speciale?
La differenza è il “come” propone le sue feature. Per Snapchat questa differenza la fa un punto fondamentale: Snapchat è effimero. I video – che troviamo raccolti nella nostra “Storia”, all’interno dell’app – una volta registrati scompaiono dopo 24 ore. Sì, possiamo salvarli volendo, ma è un po’ contrario allo spirito del gioco.

Oltre a questo permette di fare una serie di cose buffe, completamente inutili, e per questo divertenti e e fondamentali: ci sono i filtri per i nostri video e le nostre foto, possiamo fare face swap, ovvero scambiarci la faccia con un amico o con anche altro – un po’ come con MSQRD, ma meglio – e soprattutto possiamo raccontare quello che ci sta capitando una maniera nuova, coinvolgente e spontanea.

 

Selfie buffi (in video) con i filtri di Snapchat Dailydot - Selfie buffi (in video) con i filtri di Snapchat

 

Bello eh? E poi? E poi basta, non serve altro. Tutto qui. Snapchat è questo.

Facciamo finta di usarlo?
È talmente semplice che è quasi difficile spiegarlo, proviamoci. Facciamo finta di avere appena scaricato l’app di Snapchat sul nostro smartphone, apriamo Snapchat per la prima volta e ci troviamo davanti una schermata, decidiamo di registrare un video. Teniamo premuto il bottone che fa partire la registrazione – dura al massimo 10 secondi – a quel punto possiamo modificare il video con qualche filtro buffo. Fatto? Abbiamo aggiunto che so, la temperatura? O la velocità a cui eravamo in quel momento? O un geofiltro che dirà al mondo dove siamo? Ok.

A quel punto lo aggiungiamo alla nostra “Storia” e sarà visibile per 24 ore a tutti quelli che ci seguono. Non solo però: registrato un video, possiamo anche mandarlo a qualcuno in privato: fate conto che è come se lo status di Facebook diventasse un video di massimo dieci secondi  – o una foto – che rimarrà visibile solo per 24 ore. Ah, e se volete potete sapere chi lo vede. No, non fate gli screenshot ai video o alle foto altrui, lo screenshottato se ne accorge, gli o le arriva una notifica. Fine.

Sì, potete anche chattare testualmente con i vostri amici, ma non ha molto senso farlo, Snapchat è principalmente un diario video spontaneo e poco costruito in cui raccontate che cosa vi è successo nelle ultime 24 ore – e in cui vedete cosa è successo al resto del mondo nelle ultime 24 ore, certamente – per mostrarlo a chi volete. È un reality in cui decidete voi chi seguire. E di quel reality anche voi fate parte.

Ma chi c’è su Snapchat?
Chi possiamo seguire? Ci sono i brand su Snapchat, ci sono i magazine, e sì ci sono i vip. E come si comportano? Be’, dipende. I brand in qualche caso sono “autentici” – per quanto lo possa essere un brand – mentre i magazine cercano di proporre i loro contenuti in un modo differente da quello consueto, in una modalità “Snapchat native”: basta dare un’occhiata alla sezione Discover, dove ci sono – giusto per dire i primi cinque che mi vengono in mente – Vox, MTV, Comedy Central, BuzzFeed e National Geographic.

Funzionano, fanno cose interessanti? Ni, qualche volta sono contenuti interessanti, qualche volta meno, come ovunque, da sempre. Chi seguire? BuzzFeed qualche mese fa ha fatto un elenco, in coda al post di Gianluca Diegoli che vedremo nel prossimo paragrafo trovate qualche altro nome di italiani, ma la cosa più divertente è avere qualche amica o qualche amico su Snapchat.

 

snapchat spiegato vecchi come me  Una schermata di Snapchat. Chi scrive si sente un po’ Clint in Gran Torino

 

Perché andarci adesso?
Gianluca Diegoli raccontava in un bel post che cos’è e perché su Snapchat bisogna andarci adesso – se siete curiosi eh, non è che l’ha ordinato il medico di essere su Snapchat, tantomeno se siete un’azienda, un brand o qualunque cosa non sia un essere umano – e diceva “perché Snapchat è spontaneo? Perché non c’è l’effetto “sei in onda”, esattamente come quando parliamo di persona a un amico. L’effetto “sei in onda”, online, è più percepito che reale, perché poi anche gli altri social non hanno davvero passato: chi legge i tweet di tre ore prima? Nessuno (…) E nel brodo primordiale snapchattiano siamo ora proprio allo stadio della spontaneità e della massima leggerezza (…) È il momento in cui non si possono creare fake su Snapchat, perché è una specie di riconoscimento vocale e facciale in diretta: Eva Longoria che così al volo, iPhone in mano, prende in giro la voce registrata del Frecciarossa che urla ai passeggeri di abbassare la voce per non disturbare i passeggeri è impagabile. Non è staff. È proprio lei, in diretta. O i cagnolini di Paris Hilton, sono loro. Brutti e rompicoglioni“.

Tutto qui: ora come ora Snapchat è la piattaforma più “libera” e divertente del momento. Molto più di Facebook o Twitter, dove ormai siamo tutti un po’ ingessati.

Grazie Chibird per avere riassunto tutto così bene

È un po’ così.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >