Web
di Gabriele Ferraresi 11 Aprile 2016

Che cos’è Snapchat, il social network che vuole sostituire Facebook

Spieghiamo l’app del momento, a chi non ha l’età per capirla

anteprima snapchat  Snapchat + Dailybest. Sì, non si usa Snapchat in orizzontale, però serviva un’immagine per aprire.

 

Tutti parlano di Snapchat, ha intorno un hype pazzesco, vai a sapere se motivato o meno: forse se avete intorno ai trent’anni avete scaricato l’app iOS o Android per illudervi di averne dieci, o quindici in meno di anni.

Però poi sorpresa! Quando avete provato a usarlo vi siete sentiti vecchi, vecchi, vecchi, come e più di Clint Eastwood in Gran Torino. Parlo per esperienza personale: in fondo siamo qui a confrontarci serenamente, in questa riunione di AA – i famosi Anziani Anonimi.

 

 

Una volta scaricata avrete chiuso l’app con la stessa espressione di Clint. Eppure un’app che permette di far vomitare arcobaleni non può essere cattiva. Una gif di Trump che vomita arcobaleni, per favore.

 

 

Che cos’è e come funziona?
Ok quindi ora prepariamoci a spiegare che cos’è e come funziona Snapchat. Snapchat è un’app iOS e Android, gratuita, che ha qualcosa di molto diverso dai social media che siamo abituati a frequentare. È principalmente un servizio di messaggistica che consente di inviare e condividere brevi video, foto, o messaggi di testo alla nostra cerchia sociale. Tutto qui, niente di più, niente di meno. E fin qui niente di strano, queste cose le propongono un sacco di app,

Perché Snapchat è speciale?
La differenza è il “come” propone le sue feature. Per Snapchat questa differenza la fa un punto fondamentale: Snapchat è effimero. I video – che troviamo raccolti nella nostra “Storia”, all’interno dell’app – una volta registrati scompaiono dopo 24 ore. Sì, possiamo salvarli volendo, ma è un po’ contrario allo spirito del gioco.

Oltre a questo permette di fare una serie di cose buffe, completamente inutili, e per questo divertenti e e fondamentali: ci sono i filtri per i nostri video e le nostre foto, possiamo fare face swap, ovvero scambiarci la faccia con un amico o con anche altro – un po’ come con MSQRD, ma meglio – e soprattutto possiamo raccontare quello che ci sta capitando una maniera nuova, coinvolgente e spontanea.

 

Selfie buffi (in video) con i filtri di Snapchat Dailydot - Selfie buffi (in video) con i filtri di Snapchat

 

Bello eh? E poi? E poi basta, non serve altro. Tutto qui. Snapchat è questo.

Facciamo finta di usarlo?
È talmente semplice che è quasi difficile spiegarlo, proviamoci. Facciamo finta di avere appena scaricato l’app di Snapchat sul nostro smartphone, apriamo Snapchat per la prima volta e ci troviamo davanti una schermata, decidiamo di registrare un video. Teniamo premuto il bottone che fa partire la registrazione – dura al massimo 10 secondi – a quel punto possiamo modificare il video con qualche filtro buffo. Fatto? Abbiamo aggiunto che so, la temperatura? O la velocità a cui eravamo in quel momento? O un geofiltro che dirà al mondo dove siamo? Ok.

A quel punto lo aggiungiamo alla nostra “Storia” e sarà visibile per 24 ore a tutti quelli che ci seguono. Non solo però: registrato un video, possiamo anche mandarlo a qualcuno in privato: fate conto che è come se lo status di Facebook diventasse un video di massimo dieci secondi  – o una foto – che rimarrà visibile solo per 24 ore. Ah, e se volete potete sapere chi lo vede. No, non fate gli screenshot ai video o alle foto altrui, lo screenshottato se ne accorge, gli o le arriva una notifica. Fine.

Sì, potete anche chattare testualmente con i vostri amici, ma non ha molto senso farlo, Snapchat è principalmente un diario video spontaneo e poco costruito in cui raccontate che cosa vi è successo nelle ultime 24 ore – e in cui vedete cosa è successo al resto del mondo nelle ultime 24 ore, certamente – per mostrarlo a chi volete. È un reality in cui decidete voi chi seguire. E di quel reality anche voi fate parte.

Ma chi c’è su Snapchat?
Chi possiamo seguire? Ci sono i brand su Snapchat, ci sono i magazine, e sì ci sono i vip. E come si comportano? Be’, dipende. I brand in qualche caso sono “autentici” – per quanto lo possa essere un brand – mentre i magazine cercano di proporre i loro contenuti in un modo differente da quello consueto, in una modalità “Snapchat native”: basta dare un’occhiata alla sezione Discover, dove ci sono – giusto per dire i primi cinque che mi vengono in mente – Vox, MTV, Comedy Central, BuzzFeed e National Geographic.

Funzionano, fanno cose interessanti? Ni, qualche volta sono contenuti interessanti, qualche volta meno, come ovunque, da sempre. Chi seguire? BuzzFeed qualche mese fa ha fatto un elenco, in coda al post di Gianluca Diegoli che vedremo nel prossimo paragrafo trovate qualche altro nome di italiani, ma la cosa più divertente è avere qualche amica o qualche amico su Snapchat.

 

snapchat spiegato vecchi come me  Una schermata di Snapchat. Chi scrive si sente un po’ Clint in Gran Torino

 

Perché andarci adesso?
Gianluca Diegoli raccontava in un bel post che cos’è e perché su Snapchat bisogna andarci adesso – se siete curiosi eh, non è che l’ha ordinato il medico di essere su Snapchat, tantomeno se siete un’azienda, un brand o qualunque cosa non sia un essere umano – e diceva “perché Snapchat è spontaneo? Perché non c’è l’effetto “sei in onda”, esattamente come quando parliamo di persona a un amico. L’effetto “sei in onda”, online, è più percepito che reale, perché poi anche gli altri social non hanno davvero passato: chi legge i tweet di tre ore prima? Nessuno (…) E nel brodo primordiale snapchattiano siamo ora proprio allo stadio della spontaneità e della massima leggerezza (…) È il momento in cui non si possono creare fake su Snapchat, perché è una specie di riconoscimento vocale e facciale in diretta: Eva Longoria che così al volo, iPhone in mano, prende in giro la voce registrata del Frecciarossa che urla ai passeggeri di abbassare la voce per non disturbare i passeggeri è impagabile. Non è staff. È proprio lei, in diretta. O i cagnolini di Paris Hilton, sono loro. Brutti e rompicoglioni“.

Tutto qui: ora come ora Snapchat è la piattaforma più “libera” e divertente del momento. Molto più di Facebook o Twitter, dove ormai siamo tutti un po’ ingessati.

Grazie Chibird per avere riassunto tutto così bene

È un po’ così.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >