Web
di Marco Villa 15 Novembre 2016

Finalmente Facebook e Google si schierano contro le bufale

Per combattere la disinformazione, elimineranno gli introiti pubblicitari dei siti di bufale

bufala  Screenshot di una “notizia” pubblicata dal sito di bufale Il Fatto QuotiDAINO

 

Basta alle bufale, di ogni tipo. Basta a quei link che raccontano con allarmismo emergenze o crisi mai esistite. Non si tratta di una campagna di sensibilizzazione, ma delle prossime mosse di Facebook e Google, che non arrivano certo in un momento casuale. Nei giorni successivi all’elezione di Donald Trump, infatti, da più parti si è sostenuto che una parte di responsabilità nel risultato delle elezioni presidenziali statunitensi vada attribuito alle bufale fatte circolare sui social network. Un’accusa mossa da analisti e commentatori politici, ovvero da quelle persone che, sulle testate di tutto il mondo, hanno sottovalutato fino all’ultimo istante le possibilità di vittoria di Trump. Ragioni, queste, che potevano far sembrare pretestuosi gli attacchi ai social, ma che di fatto sono stati confermati lo scorso weekend, quando a cadere è stato addirittura Google: come riporta The Verge, infatti, per alcuni giorni il primo risultato fornito da Google alla ricerca “who won the popular vote” (“Chi ha vinto il voto popolare”) non era un sito autorevole, ma un sito complottista che dava la vittoria del voto popolare a Trump, mentre in realtà a prevalere è stata Clinton.

Che sia sensato addossare colpe a Facebook e Google (e altri siti o servizi simili) per l’elezione di Trump è tutto tranne che certo e può suonare come un tentativo di non assumersi responsabilità da parte dei media, ma quello delle notizie false e delle bufale è un problema effettivo, impossibile da aggirare.

 

screen-shot-2016-11-13-at-3-35-46-pm-650x369  Google ha fornito come primo risultato un sito di bufale

 

Facebook e Google proveranno a porre rimedio puntando sulla carta più potente in loro possesso: i soldi. Facebook escluderà i siti non affidabili dal proprio programma Facebook Audience Network, così come Google bloccherà il funzionamento di Adsense. Ovvero: se scrivi bufale, non guadagnerai soldi attraverso i banner forniti da Google o i servizi di Facebook. È evidente che si tratta di una mossa fondamentale, visto che, al netto di obiettivi politici non sempre dimostrabili, la stragrande maggioranza di questi siti punta su diffusioni virali per monetizzare. Più persone cliccano sulle loro pagine, più i siti guadagnano.

L’unione di queste due misure potrebbe portare a un netto cambiamento del panorama delle notizie online: avrebbero molta meno eco sui social e, anche in caso passassero indenni al vaglio di Facebook, porterebbero a pagine senza inserzioni pubblicitarie, eliminando così il senso ultimo della creazione dei siti. Certo, rimarrebbe viva l’opzione di chi pubblica bufale per creare disinformazione, con obiettivi diversi dal monetizzare, ma qui si apre un altro capitolo: quanto saranno efficienti Facebook e Google nella loro ricerca? Riusciranno a distinguere tra complottismo, bufale e informazione vera, ma alternativa?

Al momento la priorità è limitare le notizie false, ma altre questioni sono già all’orizzonte.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >