Web
di Gabriele Ferraresi 3 Agosto 2016

Come funzionano le Instagram Stories, la mossa di Facebook per distruggere Snapchat

Se non puoi sconfiggere il tuo nemico e non riesci ad allearti con lui, la soluzione c’è: copialo. Come Facebook va all’attacco di Snapchat

instagram_stories  Alcune schermate di Instagram Stories

 

Conoscete l’antico adagio “Se non puoi sconfiggere il tuo nemico, alleati con lui”? Di certo sì. Lo si applica perfettamente anche allo scenario tecnologico contemporaneo: dove il colosso Facebook, ormai anni fa, aveva tentato di comprare l’app mobile Snapchat, ancora in rampa di lancio, ma senza successo. E questo malgrado la cifra sul piatto fosse davvero interessante per l’ancora acerba Snapchat: 3 miliardi di dollari.

Ma forse aveva ragione, visto che oggi, scrive il NYTimes, è valutata 19 miliardi di dollari. L’antico adagio però va leggermente modificato oggi, alla luce delle Instagram Stories, la nuova feature di Instagram annunciata ieri sul blog dell’applicazione, che è esattamente il proseguimento di Snapchat con altri mezzi, e su un’altra piattaforma.

È sempre bene ricordare che Instagram è di Facebook, per cui, in sintesi: se non puoi sconfiggere il tuo nemico, copialo. Ma basterà questa mossa? Vediamo intanto di capire come funzionano le Instagram Stories.

Il video pubblicato da Instagram è un buon inizio…

 

 

Il deja-vu, per chi conosce e magari già utilizza Snapchat è abbastanza impressionante: Instagram Stories è identico a Snapchat, e anche Kevin Systrom – founder di Instagram – lo ha già ammesso tranquillamente, pur senza fare il nome, ma riferendosi a generici competitor: ma giustifica il plagio sostenendo che è un po’ come quando Facebook ha inventato il news feed, e tutti si sono messi a copiarlo.

Tesi che regge fino a un certo punto, ma non divaghiamo, e andiamo sul blog di Simply Measured che ci dà qualche numero in più per capire i valori in gioco in questa sfida.

 

instagram stories snapchat Simply Measured

 

Ma come funziona Instagram Stories? Forse potremmo riciclare l’articolo che avevamo dedicato tempo fa a Snapchat, ma vediamolo comunque.

Una volta aperta l’app Instagram sul vostro smartphone – se non vedete nulla di nuovo dal solito, vuol solo dire che dovete aggiornarla – noterete che in alto c’è qualcosa di diverso dal solito.

Sono le Instagram Stories, proprio loro. Potete dare un’occhiata a quelle che hanno pubblicato i vostri amici, o cominciare a pubblicarne una voi.

 

 

Con Instagram Stories quindi registrate brevi video – o scattate una foto – e poi potete modificarli prima di pubblicarli, inserendo testo – se ne può inserire un po’ più rispetto a Snapchat – oppure modificando i vostri contenuti con filtri abbastanza da dimenticare – esattamente come per Snapchat – o scrivere a pennello qualcosa con le vostre dita, o disegnare qualcosa, insomma, esattamente le stesse cose che si possono fare con Snapchat, solo con più opzioni e un’interfaccia un po’ più elegante rispetto all’originale.

 

instagram stories snapchat

 

Ovviamente, proprio come per Snapchat, dura tutto 24 ore: è effimero, a meno che non vogliate conservare la vostra storia, un po’ come si può fare da qualche tempo con le memories di Snapchat.

Le mie impressioni? La sensazione complessiva rispetto a Snapchat è di trovarsi in un altro ambiente, dove stare un po’ più attenti a come ci si comporta: e non è una sensazione, è realtà.

Su Instagram ci sono tutti – o quasi tutti – su Snapchat no e quelle storie che forse pubblicavamo con leggerezza su Snapchat per un pubblico molto più ristretto di utenti, forse saremo un po’ più timidi a condividerle su Instagram.

È come passare da una cena con pochi amici fidati, a una grande festa dove ci sono tutti, sia gli amici più stretti che i conoscenti e totali sconosciuti. Cambia il modo in cui ci si comporta? Cambia eccome.

Forse però le mie sono solo preoccupazioni sciocche, visto che sei anni fa qualcuno ha capito prima di altri che i social media avrebbero trasformato per sempre la nostra idea di privacy, ed è andata esattamente come aveva previsto.

 

instagram stories snapchat

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >