Web
di Simone Stefanini 12 Febbraio 2019

Non credete ai video di Gian Marco Saolini, per cortesia

La satira che fa il giro e diventa trolling reazionario ha stancato, ora più che mai ci vuole empatia

Gian Marco Saolini è un bel po’ di tempo che crea video e news false, con lo scopo di raccogliere l’indignazione della gente e mostrare satiricamente che il popolo è fondamentalmente scemo. Già sul Corriere del Corsaro, il suo sito, crea notizie con titoli iperbolici, palesemente falsi e in ogni caso commentatori random si indignano ogni santa volta. La cosa più sociologicamente interessante è quando Saolini ci mette la faccia e ogni volta diventa una persona nuova (ma riconoscibilissima, perché, beh, è lui), nei video meme in cui interpreta personaggi marginali che rivelano segreti  riguardo il tema del momento. Ci fosse una volta che gli va male: solo l’ultimo video virale sul sedicente giornalista della giuria di Sanremo che ammette di aver votato Mahmood dopo le forti pressioni della sinistra, ha ricevuto 170mila condivisioni e decine di migliaia di commenti belli incazzati del popolo tristemente bue.

Nel tempo, ha interpretato il gestore di locali che non vuol pagare le band, l’agente che ha arrestato Cesare Battisti, il nostromo ricattato dai migranti, il capo del fan club di Sfera Ebbasta che spiega come il trapper sia migliore di Fabrizio De André e tanti altri, mettendoci sempre la sua faccia, al limite con o senza barba. Niente, ci cascano ogni volta.

Eh, sarebbe facile pensarla così, ma la fruizione del social non è un esperimento. Giusto ieri, un mio contatto di quelli dei tempi di scuola, ha pubblicato il video di Saolini su Sanremo, Mahmood e la sinistra corrotta, con la didascalia: “E se fosse vero?”. Sotto commenti indignati etc etc, a dimostrazione del fatto che i fruitori di Facebook non amano il debunking della notizia, gli basta la sensazione a pelle, di pancia. Potrebbe essere vera? Allora in qualche modo lo è. Ma questo lo sappiamo bene, se non da dieci anni, almeno da otto e allora perché continuare a fare video fake?

 Facebook

Per dimostrare che la maggior parte delle notizie non viene approfondita dai fruitori dei social, basta creare uno, due o tre video provocatori, correlati dall’analisi dell’esperimento a posteriori. Quando la satira trascende e non va oltre la provocazione, diventa parte del problema: diventa fake news. Che sia palese o meno che la faccia sia sempre la stessa, la dimostrazione ha avuto gli effetti desiderati, ha smascherato il sedicente popolo bue, ora possiamo passare oltre. Perseverare con lo stesso modus operandi giusto per raccogliere sotto lo stesso tetto migliaia di indignati non risolve il problema, lo alimenta.

Quindi se da una parte non è demonizzabile Saolini per i suoi video, perché in realtà non nasconde mai se stesso, dall’altra parte, amic* car*, smettete di credergli, su. La fine satira che fa il giro e diventa trolling reazionario ha stancato e al momento non fa altro che confermare le tesi di chi vede complotti in tutto. Per crescere come società e come Paese, non abbiamo più bisogno di questo tipo di video virali, di questo tipo di strategia. Abbiamo bisogno di capirli, quelli che abbiamo per troppo tempo reputato inferiori solo perché cascano nei tranelli della rete. Dovremmo confrontarci e parlare con loro, dovremmo smetterla di fare la guerra ai nostri parenti più anziani, ai nostri amici che hanno studiato di meno, ai nostri genitori che non sanno usare i social. Siamo tutti sulla stessa barca e non c’è nessun nostromo ricattato dai migranti, questa barca la facciamo navigare noi.

 

*Non abbiamo linkato nessun video perché tanto sapete dove trovarli, o li avete già visti mille volte.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >