Web
di Simone Stefanini 12 Febbraio 2019

Non credete ai video di Gian Marco Saolini, per cortesia

La satira che fa il giro e diventa trolling reazionario ha stancato, ora più che mai ci vuole empatia

Gian Marco Saolini è un bel po’ di tempo che crea video e news false, con lo scopo di raccogliere l’indignazione della gente e mostrare satiricamente che il popolo è fondamentalmente scemo. Già sul Corriere del Corsaro, il suo sito, crea notizie con titoli iperbolici, palesemente falsi e in ogni caso commentatori random si indignano ogni santa volta. La cosa più sociologicamente interessante è quando Saolini ci mette la faccia e ogni volta diventa una persona nuova (ma riconoscibilissima, perché, beh, è lui), nei video meme in cui interpreta personaggi marginali che rivelano segreti  riguardo il tema del momento. Ci fosse una volta che gli va male: solo l’ultimo video virale sul sedicente giornalista della giuria di Sanremo che ammette di aver votato Mahmood dopo le forti pressioni della sinistra, ha ricevuto 170mila condivisioni e decine di migliaia di commenti belli incazzati del popolo tristemente bue.

Nel tempo, ha interpretato il gestore di locali che non vuol pagare le band, l’agente che ha arrestato Cesare Battisti, il nostromo ricattato dai migranti, il capo del fan club di Sfera Ebbasta che spiega come il trapper sia migliore di Fabrizio De André e tanti altri, mettendoci sempre la sua faccia, al limite con o senza barba. Niente, ci cascano ogni volta.

Eh, sarebbe facile pensarla così, ma la fruizione del social non è un esperimento. Giusto ieri, un mio contatto di quelli dei tempi di scuola, ha pubblicato il video di Saolini su Sanremo, Mahmood e la sinistra corrotta, con la didascalia: “E se fosse vero?”. Sotto commenti indignati etc etc, a dimostrazione del fatto che i fruitori di Facebook non amano il debunking della notizia, gli basta la sensazione a pelle, di pancia. Potrebbe essere vera? Allora in qualche modo lo è. Ma questo lo sappiamo bene, se non da dieci anni, almeno da otto e allora perché continuare a fare video fake?

 Facebook

Per dimostrare che la maggior parte delle notizie non viene approfondita dai fruitori dei social, basta creare uno, due o tre video provocatori, correlati dall’analisi dell’esperimento a posteriori. Quando la satira trascende e non va oltre la provocazione, diventa parte del problema: diventa fake news. Che sia palese o meno che la faccia sia sempre la stessa, la dimostrazione ha avuto gli effetti desiderati, ha smascherato il sedicente popolo bue, ora possiamo passare oltre. Perseverare con lo stesso modus operandi giusto per raccogliere sotto lo stesso tetto migliaia di indignati non risolve il problema, lo alimenta.

Quindi se da una parte non è demonizzabile Saolini per i suoi video, perché in realtà non nasconde mai se stesso, dall’altra parte, amic* car*, smettete di credergli, su. La fine satira che fa il giro e diventa trolling reazionario ha stancato e al momento non fa altro che confermare le tesi di chi vede complotti in tutto. Per crescere come società e come Paese, non abbiamo più bisogno di questo tipo di video virali, di questo tipo di strategia. Abbiamo bisogno di capirli, quelli che abbiamo per troppo tempo reputato inferiori solo perché cascano nei tranelli della rete. Dovremmo confrontarci e parlare con loro, dovremmo smetterla di fare la guerra ai nostri parenti più anziani, ai nostri amici che hanno studiato di meno, ai nostri genitori che non sanno usare i social. Siamo tutti sulla stessa barca e non c’è nessun nostromo ricattato dai migranti, questa barca la facciamo navigare noi.

 

*Non abbiamo linkato nessun video perché tanto sapete dove trovarli, o li avete già visti mille volte.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >