video casaleggio singularity
Web
di Gabriele Ferraresi 5 Ottobre 2016

Singularity, l’inquietante video testamento di Casaleggio sulla singolarità

Musica angosciante, ma il futuro che ci attende è anche peggio: un bignami di fantascienza piuttosto banale, a misura del pubblico grillino

 

Nessuno mi restituirà i 9’25” che ho speso a guardare Singularity: il punto di non ritorno dell’evoluzione umana, il testamento spirituale di Gianroberto Casaleggio pubblicato dalla Casaleggio Associati su Youtube il 4 ottobre, nessuno.

Dato che i miei minuti di permanenza su questo pianeta sono limitati, sono un po’ contrariato: ma nonostante questo sono qui per voi, al vostro servizio, care lettrici e cari lettori di Dailybest.

Insomma, I watched Singularity, so you don’t have to. Per prima cosa, chi era Gianroberto Casaleggio? Scomparso il 12 aprile scorso, Casaleggio era il guru del Movimento 5 Stelle, che ha forgiato dal nulla insieme a Beppe Grillo. Si deve a lui e al comico genovese l’ascesa del M5S, si devono a lui molte delle intuizioni che li hanno portati dal non esistere a prendere 8.797.902 voti alle elezioni del 2013, il 25,56 %, circa 1/4 dei votanti.

Non c’è da sottovalutare o ridicolizzare nulla, per carità: Casaleggio è stato a modo suo un imprenditore geniale. Ha coniato in prima persona slogan pentastellati che anche non volendo sappiamo a memoria: per dirne uno “Non siamo un partito, non siamo una casta, siamo cittadini punto e basta”. Notare però come i video prodotti in cui immagina il futuro siano stati spesso – per usare un eufemismo – eccessivamente “visionari” si può eccome.

E la visione può essere illuminazione sì, può esserlo: se sei William Blake, se sei Aldous Huxley. Ma se non sei Blake o Huxley 99 volte su 100 è semplicemente una sciocchezza da dimenticare, e da dimenticare in fretta.

E infatti è così per Gaia e Prometeus, gli antenati in forma video di Singularity: dei primi due si leggeva qualcosa su Il Post alcuni mesi fa. Sono video abbastanza assurdi: costruiti intorno all’estetica del complottismo più deteriore da social media, perfetti per titillare sciachimichisti, bilderberghiani, complottisti di ogni genere, mostrano un futuro fantascientifico d’accatto che può affascinare o inquietare giusto l’animo dei semplici.

Ma con Singularity a mio giudizio si è fatto un passo avanti. Analizziamo le sequenze in cui è suddiviso il video.

 

casaleggio4 video casaleggio singularity

 

Il video si apre con un rullo in cui viene introdotto il concetto di singolarità, o singularity se preferite: il momento in cui l’intelligenza artificiale supererà quella umana, con conseguenze inimmaginabili.

Non è niente di nuovo, sono temi e concetti affascinanti di cui si parla da decenni. Forse qualcuno di voi avrà letto La singolarità è vicina, un volume di Ray Kurzweil del 2005 sulla singolarità: in ogni caso nel rullo troviamo un primo bignami che prepara il framing angosciante e un po’ complottista (le corporation del futuro, Thingbook, il robot vitruviano, eccetera… ma non voglio farvi troppi spoiler) dei minuti seguenti.

 

casaleggio5 video casaleggio singularity

 

Ecco che si comincia. Il pretesto narrativo da cui parte tutto è un volo aereo in cui si suppone direttamente Gianroberto Casaleggio sorvola una città. Osserva la struttura delle strade dal cielo e da lì l’illuminazione: parte un parallelo tra le strade, la rete e il cervello umano.

 

casaleggio2 video casaleggio singularity

 

Terminato il parallelo, comincia il vero e proprio bigino di fantascienza: sono opere anche interessanti da scoprire se non le avete mai lette o viste, ma scoprirle così, come se fossero tessere di un complotto o di una futura cospirazione, a chi quelle opere le ama, fa male.

In alcuni minuti scopriamo quindi quel che c’è da sapere secondo la Casaleggio Associati di alcuni capolavori della fantascienza, da 2001: Odissea nello spazio Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di Philip K. Dick, e molto altro, che avrebbero preconizzato il futuro terribile che ci attende dietro l’angolo.

 

casaleggio1 video casaleggio singularity

 

Qui, tra le righe, si cominciano a intravedere gli attori che porteranno la singolarità a compiersi, tra cui la Brain Initiative, sempre con il sottofondo di musichetta angosciante che ormai ci segue da alcuni minuti. Tutto un po’ tagliato con l’accetta, ma è anche comprensibile, la gente!111! non ha tempo per approfondire.

 

casaleggio7 video casaleggio singularity

 

Tutto chiaro direi? Da Johnny 5 di Corto Circuito i robot seguono un percorso evolutivo simile a quello umano e diventano dei manichini da crash test tipo Gli Sbullonati. Tremendamente didascalico: e di nuovo perfetto per il pubblico cui è destinato il video. Del resto io mi metto a ridere, ma già mi vedo l’elettorato pentastellato annuire, meditando sul genio postumo del leader.

 

casaleggio3 video casaleggio singularity

 

Ta dah! Finché grazie alle forze in campo – internet, internet of things, big data – la singolarità si compie. Sarà l’avvento delle macchine, rappresentate da un robot vitruviano, su cui dopo qualche altro secondo arrivano i titoli di coda.

Ma è una finta, perché non è mica finita. Il meglio deve ancora arrivare

 

casaleggio6 video casaleggio singularity

 

Sì, dopo i titoli di coda c’è davvero il meglio del video.

Due entità biancastre – probabilmente aliene – discutono degli umani mentre alle loro spalle scoppiettano flash dei simulacri della civiltà. Gli alieni, loquaci, si stupiscono di come esseri fatti di carne possano comunicare con loro.

In fondo è un ribaltamento della prospettiva banale, da fantascienza anni cinquanta, da un racconto anche molto bello da leggere e da scoprire, se sei alle scuole medie: Sentinella, di Fredric Brown. Sì, ci siamo capiti, è quello che finisce che – sorpresa! – lui è un alieno e non un umano.

In conclusione: 9’25” di banalità, complotti preconizzati, futuro da incubo. Quindi tutto perfetto, a misura di pubblico grillino, e video degnissimo erede di Gaia e Prometeus. Per chiudere mi viene in mente quel che diceva un signore qualche anno fa, a proposito del pubblico italiano: “Uno studio corrente dice che la media del pubblico italiano rappresenta l’evoluzione mentale di un ragazzo che fa la seconda media e che non sta nemmeno seduto nei primi banchi” e forse era persino ottimista.

Mi pare una lezione imparata benissimo dalla comunicazione a cinque stelle. Chi la diceva quella cosa lì? Ah sì: era Silvio Berlusconi.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >