Ambiente
di Claudia Mazziotta 10 Aprile 2020

Per la prima volta in 30 anni si vede parte dell’Himalaya

Jalandhar, India: per la prima volta i residenti del posto riescono a vedere l’immensa catena di Dhauladhar, che fa parte dell’Himalaya, all’orizzonte. Prova concreta del drastico miglioramento della qualità dell’aria in seguito al “lockdown più grande del mondo”.

Se in Italia sin dall’inizio si era percepito un calo significativo dell’inquinamento (e ne avevamo parlato qui su Dailybest.it in “Ciao inquinamento, noi restiamo tutti a casa“), in India è in questi giorni che si comincia a percepire il cambiamento. Il Paese, con oltre 1,3 miliardi di residenti, è stato sottoposto a un rigoroso blocco nazionale dal 22 marzo, limitando il movimento dell’intera popolazione e chiudendo fabbriche, mercati, piccoli negozi, luoghi di culto, la maggior parte dei trasporti pubblici e progetti in costruzione.

“Il lockdown più grande del mondo” si è inevitabilmente tradotto in una temporanea tregua dai soffocanti livelli di inquinamento per cui l’India è nota e non a caso per la prima volta dopo 30 anni, la catena montuosa Dhauladhar è diventata visibile all’orizzonte. La Dhauladhar Range, che fa parte dell’Himalaya, è qualcosa cui molti residenti del posto nella città di Jalandhar non avevano mai assistito in tutta la loro vita.

L’emozione alla vista di questa gigantesca presenza innevata all’orizzonte è stata condivisa da molti sui social: “Non avevo mai visto Dhauladhar dal mio tetto di casa, a Jalandhar. Non avrei mai immaginato che fosse possibile. Un chiaro segno dell’impatto che l’inquinamento ha avuto sulla nostra terra“, scrive su Twitter il giocatore di cricket indiano Harbhajan Singh.

Se consideriamo che non meno di 21 delle 30 città più inquinate del mondo si trovano nella gigantesca Asia meridionale, è facile immaginare come il lockdown del paese abbia contribuito a portare il livello di inquinamento a livelli incredibilmente bassi. Secondo la CNN, i dati del governo hanno dimostrato che la capitale dell’India, Nuova Delhi, ha visto un calo del 71% delle polveri sottili nocive (PM 2.5.). “Non vedo cieli così blu a Delhi da almeno 10 anni“, scrive sui suoi social Jyoti Pande Lavakare, cofondatrice dell’organizzazione ambientale indiana Care for Air.

Un miglioramento straordinario della qualità dell’aria, che permette a chi vive sotto quel cielo di poter vedere per la prima volta nella sua vita la Dhauladhar, parte dell’Himalaya, e non solo. Anche le stelle sono visibili di notte. “Non ho mai visto nulla di simile in questi ultimi tempi“, scrive l’attivista anti-inquinamento Sant Balbir Singh Seeechewal, e a sentire queste testimonianze viene subito da pensare al dopo, a quando tutto verrà messo nuovamente in moto, perchè sarebbe bello se gli abitanti di Jalandhar potessero vedere sempre, all’orizzonte, quelle enormi montagne innevate.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >