Art
di Camilla Campart 30 ottobre 2018

A Roma c’è un murales gigantesco che ripulisce l’aria dallo smog

Il 26 ottobre è stato ufficialmente inaugurato nel quartiere Ostiense di Roma Hunting Pollution, la più grande espressione di street art contro lo smog in tutta Europa.

Prende forma nell’angolo di un palazzo e si espande su due facciate nel quartiere Ostiense di Roma: si tratta dell’airone tricolore icona di Hunting Pollution, la più grande forma di street art green in tutta Europa.

<a href="https://www.instagram.com/live.to.win/?hl=it" rel="nofollow">Instagram</a> – Foto di Live.to.win www.instagram.com Instagram – Foto di Live.to.win

L’animale protagonista si estende su ben cinque piani, impossibile che passi inosservato, e tenta di catturare un pesce in un mare estremamente contaminato. Nel mentre ripulisce l’aria dall’inquinamento in Via del Porto Fluviale, non a caso strada particolarmente trafficata e cara ad artisti di strada locali. Come faccia ve lo spieghiamo più in basso.

L’opera è stata realizzata da Federico Massa, conosciuto come Iena Cruz, noto street artist di Milano di cui forse avrete sentito parlare, da sempre legato alle tematiche ambientali, alla diffusione del concetto di green economy e alla difesa di specie a rischio, proprio come l’airone tricolore che vediamo rappresentato nel murales.

Un incontro interessante e senz’altro efficace è stato quello fra Iena Cruz e l’associazione no-profit Yourban 2030 di Veronica De Angelis, che amalgama perfettamente arte e temi ambientali e ha promosso con entusiasmo il murales nemico dello smog.

<a href="https://www.instagram.com/valepice/?hl=it" rel="nofollow">Instagram</a> – Foto di Valentina Picerno www.instagram.com Instagram – Foto di Valentina Picerno

Arlite? Forse vi è nuova, ma da adesso in poi ve ne ricorderete. Si usa come fosse una normale pittura, ma non lo è affatto: una new entry che si attiva con l’energia della luce ed entrando a contatto con l’inquinamento depura l’aria naturalmente. Giusto per rendere l’idea, l’Airlite è in grado di eliminare il 99,9% dei batteri e ridurre l’inquinamento fino all’88,8% per un risultato davvero sconcertante. Ossidi di azoto, formaldeide, benzene, cattivi odori è arrivata la vostra ora.

L’opera, inaugurata il 26 ottobre, è stata interpretata come simbolo di una speranza viva e accolta a braccia aperte anche dalle istituzioni pubbliche, come la Regione Lazio e l’VIII Municipio di Roma. Il progetto, sicuramente ambizioso, fa prima tappa a Roma con la chiara intenzione di estendersi a livello internazionale, cercando appoggio, coesione e partecipazione di artisti di un mondo che voglia prendere una boccata d’aria fresca abbracciando arte e sostenibilità ambientale.

Immagine anteprima di Daria DM – Instagram.

CORRELATI >