claudio sinatti
Art
di Gabriele Ferraresi 18 Maggio 2016

Slitscape, i paesaggi impossibili di Claudio Sinatti

Dal 20 maggio una mostra al Museo del Novecento di Milano ricorda l’artista multimediale scomparso nel 2014

claudio sinatti  Un dettaglio di una delle opere di Claudio Sinatti esposte a Slitscape

 

Chi era Claudio Sinatti? Forse è meglio dire chi è Claudio Sinatti, a vedere quanto è vivo il suo ricordo e quanto è grande l’affetto che lo circonda a due anni dalla scomparsa: artista, writer, video maker e pioniere del video mapping, dal 20 maggio il Museo del Novecento di Milano lo celebra con la mostra Slitscape, dedicata al lavoro fotografico di Sinatti, a cura del fotografo e regista Cesare Cicardini.

Slitscape copre un progetto di Sinatti durato un paio d’anni – tra il 2012 e il 2013 – ed è costruita intorno alle immagini raccolte durante viaggi in giro per il mondo e non solo, anche nella sua Milano, realizzate con la tecnica dello slit-scan: una ripresa fotografica in movimento, a esposizione prolungata, elaborata poi da un software. Sono immagini glitch, ipnotiche, dove l’errore diventa giusto: perché del resto “Chi sbaglia fa giusto“, diceva Achille Castiglioni.

 

 

Quella fotografica nello slit-scan però fu solo una delle tantissime esplorazioni creative di Sinatti, instancabile sperimentatore di tecniche e linguaggi, “fissato con il superamento dei limiti: tecnici, tecnologici, ma anche estetici e fisici“, come scriveva Painé Cuadrelli.

Sempre nel corso di Slitscape vedremo anche il calligrafo Luca Barcellona che “omaggerà l’amico Claudio Sinatti con interventi di lettering site-specific e con la produzione di un inedito lavoro in dialogo con i paesaggi di Slitscape“. Noi abbiamo contattato Cesare Cicardini, regista, fotografo e curatore della mostra.

Cosa aveva di diverso la scena creativa a Milano dei primi anni novanta rispetto a oggi? Tu e Sinatti – e molti altri – ci siete cresciuti, siete partiti da lì
Che la scena era spontanea, non aveva un fine ben preciso. Ora il fine è solo vendere, vendere, vendere, mentre prima c’era un’espressione più autentica. Sai quelle cose che accadono, ma non sai perché? Accadono e basta, non sono ragionate, accadono. Ecco, in quel periodo era così. L’influenza più grossa nella Milano di quegli anni arrivava secondo me da Londra, forse qualcosa dall’America, e noi frequentavamo piazza Sant’Eustorgio: lì sono nati gruppi musicali come i Casino Royale, i Ritmo Tribale, i Tiratura Limitata, insomma, c’era una vera comunità. Una comunità che era nata senza smartphone, o telefonini… e questo era interessante, perché ti muovevi per la città e dovevi entrare per forza dentro alle cose. Quindi ti mischiavi, conoscevi le persone davvero. Adesso magari hai cinquemila follower, ma quelli che conosci sono pochi. Per fare le cose ti dovevi sporcare le mani, o quantomeno andare nei posti.

 

Slitscape, le immagini di Claudio Sinatti in mostra al museo del Novecento  Le metro di Milano vista in slit-scan da Claudio Sinatti

 

La vostra generazione – diciamo i nati nei primi anni settanta – è stata forse l’ultima “costretta” a vedersi per fare le cose
Secondo me sì: magari oggi queste cose accadono ancora in città, magari in posti più periferici. Però in quel periodo queste cose accadevano in centro: il Conchetta è sul Naviglio, Pergola era all’Isola, il Garigliano era in pieno quartiere Isola… adesso sarebbe impensabile. E questo senza fare il malinconico eh, non è che “era meglio prima, era meglio dopo”. Semplicemente, era diverso. Ma ti sentivi più coinvolto, con il corpo, non solo sul web, e vivevi il territorio. Le cose nascono dalla strada. Poi per forza, se devi registrare un disco devi andare in uno studio, ma la creatività nasce dal confronto vero, reale, dalla strada.

Che cosa ricordi di Claudio Sinatti?
Ci eravamo conosciuti in Pergola, poi con Claudio l’amicizia è stata continua durante tutti questi anni: dovevamo collaborare diverse volte, ma poi professionalmente non ci siamo mai incrociati, restando comunque amici. Era un’amicizia e un affetto professionale, parlavamo delle nostre cose, di quello che ci piaceva, di quello che vedevamo, di come si stava evolvendo tutto. C’era moltissima curiosità, eravamo due persone curiose, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo.

 

Slitscape, le immagini di Claudio Sinatti in mostra al museo del Novecento  Uno dei panorami impossibili di Claudio Sinatti in mostra a Slitscape

 

Passando alla mostra che inaugura il 19 maggio: che cosa troveremo?
Troverete 27 foto che sono selezionate da circa 200 scatti che lui ha fatto in un paio d’anni tra il 2013 e il 2014. Claudio in realtà non ha mai prodotto nulla a livello fotografico, faceva foto sì, ma erano cose personali. Quello di Slitscape è un progetto completo, con molte foto e comunque dedicato, in cui ha scelto una tecnica, lo slit-scan, e l’ha portato avanti per un paio di anni. Lo slit-scan si può fare in tanti modi, lui ha scelto un modo e l’ha fatto suo: è stata una scelta di stile. Durante i suoi viaggi ha iniziato a comporre queste immagini, e poi, come ho scritto su Facebook “Era un pomeriggio caldo e assolato di luglio quando ricevetti una telefonata da Claudio Sinatti, mi chiedeva di aiutarlo ad elaborare il suo primo progetto fotografico. Gli risposi, sorridendo, che il mondo era già pieno zeppo di immagini inutili e se davvero voleva contribuire a questa evanescente babele. Ma quando vidi per la prima volta le immagini di Slitscape rimasi colpito, fu come salire su una navicella spaziale che si muoveva senza regole nel tempo e nello spazio, gli promisi da amico che l’avrei aiutato in tutto e per tutto”.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >