Art
di Enrico Cassetta 27 Marzo 2017

Asta rullo e temperone: la street art e l’impegno del Collettivo FX

La loro peculiarità è l’ascolto, le orecchie sono costantemente indirizzate verso quello che succede nel mondo e rappresentano queste voci sui muri

Mamma Europa, Catania.  Mamma Europa, Catania.

 

Collettivo Fx è un gruppo di street artist tra i più attivi in Italia. Creano tantissimo e continuamente su tutto il territorio. La loro peculiarità è l’ascolto, le orecchie sono costantemente indirizzate verso quello che succede nel mondo e rappresentano queste voci sui muri.

Il collettivo nasce nel 2010 a Reggio Emilia, ma non amano comparire sulle foto, lasciano parlare i loro muri e le storie che raccontano. Come quella volta che hanno girato l’Italia dipingendo sui muri “i matti del villaggio” o il viaggio che hanno appena intrapreso alla ricerca di storie da dipingere sui legami che le comunità hanno con la figura della Madonna.

 

Breve presentazione: chi siete, quanti anni avete, da dove venite?
Veniamo dalla provincia della provincia italiana, abbiamo tra i trenta e quarant’anni, e da piccoli eravamo dei king a lego.

Dove siete adesso? Descrivete la stanza in cui vi trovate
A) Seduto su un letto in una stanzetta con una finestrella da cui si vedono i tetti di Palermo.
B) Non sono in una stanza, sono davanti a una rete metallica che rispondo a un messaggio WhatsApp: “Dove sei? Non sono diventato una zita gelosa, è per un’intervista!” e attendo il momento giusto per andare di là dalla rete.
C) Sono dietro alla stessa rete che aspetto quello che sta di là a smanettare con il telefonino anziché venire di qui.

La prima cosa che avete disegnato e l’ultima
La prima – come collettivo – una rivoluzionaria iraniana di nome Sakineh.
A) L’ultima oggi pomeriggio, una Deposizione di Cristo dove vengono abbandonati rifiuti su un lungomare. Loro non mi rispondono ai messaggi e presumo stiano producendo proprio ora, vi dirò cosa appena mi rispondono.

 

Immigrato al contrario, Rest-ART, Imola. Giuseppe “Cita” Mazzini, immigrato imolese di fine ottocento.  Immigrato al contrario, Rest-ART, Imola. Giuseppe “Cita” Mazzini, immigrato imolese di fine ottocento.

 

Avete dei rituali prima di mettervi al lavoro e dopo aver finito?
Più che dei rituali delle esigenze, dove mettere la macchina e se “traccio nero o traccio bianco”. Dopo, andarsene più in fretta possibile.

Qual è la vostra tecnica preferita e perché?
Asta, rullo e temperone. Costa poco, è rapida e si fanno superfici giganti.

Qual è l’errore che un artista non dovrebbe mai commettere?
Preoccuparsi di non fare errori.
A) Comunque mi hanno risposto ora alla domande sopra: l’ultimo disegno lo stanno facendo ora, e si tratta di un migrante senza documenti su treno diretto in Germania.

 

La Madonna delle due età della vita. Muro di Asilo che dà su Casa di Riposo, Fiorano Modenese. Il mondo sopra deciso dagli anziani, il mondo sotto dai bimbi.  La Madonna delle due età della vita. Muro di Asilo che dà su Casa di Riposo, Fiorano Modenese. Il mondo sopra deciso dagli anziani, il mondo sotto dai bimbi.

 

Che rapporto avete con le vostre opere? Le vendete senza problemi o fate fatica a staccarvi?
Lavoriamo su muro e non avendo muri di proprietà quello che facciamo non ci appartiene fin dall’inizio, il distacco è una questione che non ci poniamo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >