Art
di Alessandra Tecla Gerevini 18 Novembre 2015

Le foto degli attentati a Parigi sono pornografia del dolore?

Il sottile confine tra documentazione giornalistica e morbosità oscena

foto-parigi-pornografia Bizweek

 

Dopo venerdì notte, dopo l’ansia e i tweet, è arrivato il momento delle foto dai luoghi degli attentati di Parigi. Foto che in alcuni casi sono state pubblicate dai quotidiani. Alcuni di questi hanno deciso di mettere in prima pagina foto di ragazzi morti quella notte. Altri no, probabilmente con l’intenzione di dare più un’idea di speranza che di fine.

Quello della rappresentazione della morte sui media non è un tema nuovo e la percezione da parte di pubblico e addetti ai lavori è cambiata nel corso dei decenni. Negli anni ’40, per esempio, non c’erano problemi a stampare foto di uomini uccisi a colpi di pistola, ma nemmeno di ragazze suicide o di vittime di incidenti stradali. Forse non si aveva ancora pienamente chiara la potenza del mezzo. O forse si credeva semplicemente di riportare la realtà così come veniva vista dal fotografo, quindi come era. Oggi invece molte persone si sentono urtate da un’immagine di questo tipo: è difficile capirne il motivo, anche perché allo stesso tempo Studio Aperto continua a giocare su quello spazio di nessuno fatto di chiazze di sangue sulla strada e scarpe spaiate lungo la ferrovia, decidendo di scegliere l’approccio più macabro e meno sincero.

 

tumblr_m9jofjW1AM1qzt15co1_500 TheGuardian - Foto di Weegee

 

Il World Press Photo è un premio dedicato al fotogiornalismo e ogni anno vengono premiate numerose foto di morti ammazzati, naturale conseguenza di guerre e disastri naturali che vengono fotografati e raccontati. I giudici scelgono le foto dal 1955 e qualcuno potrebbe domandare se c’è ancora bisogno di guardare dritto negli occhi un uomo fucilato, quando ne hai già visti altri prima di lui. La domanda è se tutta questa visibilità non possa portare ad un leggero cinismo, ad una sorta di abitudine. Spesso sono gli stessi fotogiornalisti a farsi queste domande, come sottolinea Christoph Bangert nel suo libro “War Porn”: “Sfrutto i miei soggetti? È moralmente giustificabile lavorare come fotografo in zone di guerra e in aree di catastrofi? Perché siamo tutti così attratti dalle immagini che rappresentano la miseria di qualcun altro? Sto producendo della “pornografia di guerra”?” Da treccani.it, il termine pornografia (che deriva, mediante il francese pornographie, dal grecoπόρνη, “prostituta”, e γραϕία, “scritto”) sta a indicare la trattazione oppure la rappresentazione, attraverso scritti, disegni, fotografie, film, spettacoli di soggetti o immagini osceni, effettuata allo scopo precipuo di stimolare eroticamente il lettore o lo spettatore.

 

xl Redux Pictures - Foto di Cristoph Bangert

 

Forse le fotografie non sono mai state il problema e non sono cambiate dalla guerra di Crimea nel 1854 quando le scattava Roger Fenton ad ora, scattate da Christoph Bangert in Afghanistan, Iraq e Gaza. Non sono un problema nemmeno quelle scattate qualche notte fa per le strade di Parigi. Non sono un problema se vengono pubblicate sui quotidiani, raccolte in cataloghi. Il problema rimane il perché, gli scopi che si vogliono raggiungere, le idee che si vogliono fare passare. Il problema sono le parole con cui si decide di accompagnarle, pubblicizzarle, condividerle (cit. Libero: “Bastardi Islamici”). Privandole della loro schiettezza ed investendole di significati populisti che nascondono (male) dei “motivi personali”.

Il passo successivo sarebbe spostare per un attimo l’attenzione sulle foto de “il giorno dopo”. Condivise sui social network si sono trovate cartelle di immagini scattate con l’idea di raccontare, appunto, il seguito: ieri tutti avete visto, ma oggi? Ve lo mostro io. Non è invadente, non è insensibile fotografare qualcuno che sta affrontando un lutto, che ha bisogno di intimità per ritrovare un senso? Richiama un po’ quella pornografia dell’orrore di cui si domanda Bangert: non è questa la miseria che ci attrae?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >