Art
di Alessandra Tecla Gerevini 9 Dicembre 2015

Perché le fotografie non raccontano mai la verità

Il World Press Photo cambia le regole e chiude all’elaborazione digitale: ne parliamo con Giovanni Troilo, premiato e poi escluso lo scorso anno

troilo Giovanni Troilo

 

Qualche giorno fa è stato reso noto il nuovo regolamento del World Press Photo, uno dei più importanti premi al mondo dedicati al fotogiornalismo. A redigerlo è stata la World Press Photo Foundation, che ogni anno sceglie i migliori scatti che raccontano cosa è successo nel mondo nei 12 mesi precedenti. Il nuovo regolamento non è particolarmente diverso da quello usato fino allo scorso anno, ma contiene due cambiamenti significativi spiegati per bene attraverso una serie di quattro video.

Il primo punto affrontato riguarda la cosiddetta staged photography, ovvero il mettere o rimettere in scena eventi a favore di camera, con il preciso obiettivo di realizzare lo scatto. Il secondo punto riguarda invece l’aggiunta o l’eliminazione di contenuti dall’immagine. Si tratta di precisazioni che hanno forti connotazioni etiche e che puntano alla salvaguardia della veridicità dell’immagine. Si è sottolineata, inoltre, l’importanza delle didascalie, che devono risultare corrette e precise. Si è introdotto un procedimento di fact-checking, grazie al quale si potranno chiedere informazioni al fotografo su dove e come è stata scattata un’immagine. E gli autori che parteciperanno al concorso, oltre la foto in formato JPG, dovranno mettere a disposizione quella in formato RAW (ossia quella “non lavorata”, che invece è stata “scaricata” dalla Reuters).

 

Schermata 2015-12-09 alle 17.51.48 Giovanni Troilo

 

L’accento messo sulla staged photography e le didascalie richiama alla mente il caso di uno dei vincitori dell’anno scorso, il fotografo e filmmaker italiano Giovanni Troilo e di come gli sia stato ritirato il premio per una didascalia errata. Il progetto con cui Troilo ha partecipato all’edizione scorsa si intitola The dark heart of Europe e racconta di Charleroi, piccola città belga vicino a Bruxelles. Racconta di una società che ha subito un aumento di disoccupazione, immigrazione, microcriminalità, povertà e che manca di un’identità comune. E l’autore lo sa bene, metà della sua famiglia vive lì dalla fine degli anni ’50, ha quindi un accesso privilegiato a quella città, di cui vuole assolutamente parlare perché così vicina, parte della stessa Europa. Troilo usa un’estetica quasi cinematografica, un mix di linguaggi alternando immagini di reportage ad altre ottenute rimettendo in scena momenti quotidiani, come un regista. Non è scandaloso, non è inusuale.

Giovanni Troilo (che sarà presente a Better Days Festival 2016) sostiene che i progetti più interessanti nel cinema documentario degli ultimi anni sono proprio quelli che usano l’alternanza di fiction e documentario per arrivare a raccontare le storie più interessanti, più profonde, meno visibili in superficie. Il caso più significativo è The Act of Killing di Joshua Oppenheimer e descrive i massacri durante le persecuzioni politiche avvenute in Indonesia tra il 1965 e il 1966. La particolarità del film, che lo ce lo fa paragonare al progetto di Troilo, è che qui il regista con uno stratagemma (“vogliamo girare un film d’azione sugli eventi di quegli anni”) ha coinvolto alcuni dei responsabili di quei massacri, vicini a gruppi paramilitari e questi si sono prestati a rivivere quei momenti, rivisitando i luoghi delle carneficine, mimando gli strangolamenti con il fil di ferro. Come dire, racconta una storia, parte della storia. Così come fa The Dark Heart of Europe. Ma forse un premio come il WPP non è pronto a farlo rientrare nella categoria “fotogiornalismo” e infatti con le nuove regole proibisce ai fotografi di partecipare con progetti simili, con fotografie messe in scena. Mentre il Sony World Photography Award, ha premiato subito dopo lo stesso lavoro, tenendosi fuori dalla polemica.

 

Schermata 2015-12-09 alle 17.52.01 Giovanni Troilo

 

Si capisce che un concorso come il World Press Photo voglia concentrarsi sulla fotografia intesa come verità, con il fotogiornalismo come unico protagonista e l’estetica (finalmente) messa un po’ da parte. Troilo, dopo l’accaduto, come tante persone del settore, si era augurato un cambio di regole, magari la nascita di categorie specifiche per accogliere i nuovi linguaggi (nuovi ma non neonati, direi), “per le fotografie di interpretazione del reale”, come le definisce Christian Caujolle. La Foundation però non è andata in questa direzione, e il nuovo regolamento piuttosto che allargare gli spazi, li riduce ancora di più.

Sembra voler conservare l’idea romantica del fotoreportage, di un reportage che forse non è mai davvero esistito. Ed è un cortocircuito che nasce dall’impossibilità della fotografia di essere specchio del reale. Mi domando quindi se sia davvero necessario distinguere la fotografia come realtà/verità dalla fotografia che racconta (utilizzando gli stessi mezzi e gli identici escamotage) qualcosa che invece non esiste in quel preciso istante, ma esiste in senso assoluto.

 

Schermata 2015-12-09 alle 17.51.29 Giovanni Troilo

 

Ne ha parlato appunto Christian Caujolle su Internazionale poco dopo la squalifica di Troilo: “In effetti tutto si basa su un’idea sbagliata del fotogiornalismo, considerato un modello di “verità”. A costo di ripeterci, dobbiamo ricordare che, se da un punto di vista deontologico per un giornalista è vietato mentire, la fotografia è incapace di qualunque verità oggettiva. È tutta una questione di scelta di inquadrature, di estetica, di costruzione di briciole di realtà scomposte, ricomposte e messe insieme.” E continua: “Nessuna immagine fotografica può pretendere di sostituirsi alla realtà o restituirla integralmente. La messa in scena, la posa, la serie documentaria e le sue ripetizioni sono tutte modalità perfettamente accettabili. Quasi tutte le icone di W. Eugene Smith, da Minamata al Villaggio spagnolo, sono immagini preparate e rese ancora più drammatiche dagli ingrandimenti. Tuttavia, rimangono dei momenti molto intensi della storia del fotogiornalismo, del photo essay, del racconto fotografico.”

Sembra che il cinema stia da anni andando in questa direzione, senza incontrare resistenze, come se fosse un percorso naturale. È quello che sta facendo da anni Werner Herzog, che da sempre contamina e fonde fiction e documentario, un aspetto del suo lavoro senza il quale è impossibile comprendere a fondo la sua poetica.

Che sia arrivato il momento almeno di parlarne, in fotografia. Nuovi, nemmeno troppo, spunti per il 2016.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >