Il nuovo logo Enel non è grafica, è un racconto

E l’ha pensato l’agenzia Wolff Olins, mentre il logo precedente era firmato da Bob Noorda

enellogoantep Enel Brand Guidelines - Il nuovo logo di Enel

 

Oggi Bob Noorda, il leggendario designer olandese, è morto. Di nuovo: e questa volta per sempre. Oggi finisce definitivamente un’epoca, quella in cui i loghi delle grandi società venivano progettati dai designer. Prima di commentare il nuovo logo di ENEL però, facciamo un salto indietro: al 1998, mica gli anni 60 eh. Due delle più grandi commodity italiane, Eni e Enel, commissionano nello stesso anno il redesign dei loro loghi al maestro olandese, ormai da tempo attivo a Milano.

Progetti diversi, ma stesso approccio: grande attenzione a questioni formali, tipografiche e cromatiche, seguendo l’idea secondo cui il logo è il minimo comune denominatore dei valori e della storia di un’azienda, è semanticamente potente e non deve passare di moda, è disegnato per durare, se non per sempre il più a lungo possibile.

 

Schermata 2016-01-27 alle 12.49.27 Enel Brand Guidelines - Alcuni usi del nuovo logo di Enel

 

Guardare oggi Bob Noorda in questo video dell’archivio Enel in cui racconta in modo semplice eppure affascinante la genesi del suo progetto, fa davvero effetto, e purtroppo quasi tenerezza. E lo diciamo con tutto il rispetto verso una figura monumentale del design grafico mondiale.

Il mondo è cambiato, e anche noi designer dobbiamo farcene una ragione: non possiamo continuare a valutare (criticare?) i loghi utilizzando parametri che appartengono ad altri momenti storici, e che partono da una visione strettamente disciplinare del tipo “un buon logo deve funzionare così e cosà per essere definito davvero un buon logo”, perché purtroppo il parere dei grafici non interessa più a nessuno, ad eccezione dei grafici stessi, proprio con nel caso di TIM.

 

Schermata 2016-01-27 alle 12.49.49 Enel Brand Guidelines - Applicazioni del nuovo logo Enel

 

E anche la questione del “lo sapeva fare mia cuginetta di 6 anni coi pastelli” non ha davvero nessun senso (al massimo poi, per citare Munari, la cuginetta saprebbe RI-farlo, non farlo, ma non divaghiamo), ed ecco perché: un logo ormai trascende completamente il suo valore meramente grafico distintivo, diventando parte (spesso l’inizio) di una grande narrazione. Paradossalmente mai come oggi la questione del logo è strategica, e lo conferma il fatto che anche Google ha rivisto il suo marchio sfatando il primo dei grandi tabù del branding: mai cambiare il logo di qualcosa che è molto conosciuto e ha successo.

Se poi una società ha bisogno di riposizionarsi (vedi Eni tra il 2009 e il 2012, capostipite in Italia di questo genere di operazioni) allora è fondamentale ripartire dal logo, o meglio dal marchio: dal logo-design al branding in un giro di giostra. E così ha fatto Enel: in un colpo solo presenta logo e sito, lavorando su un appeal super-digitale capace di allontanarne la sua immagine anni luce da quell’aura vagamente ministeriale da cui erano avvolte le grandi commodity del nostro Paese.

 

Schermata 2016-01-27 alle 12.50.04 Enel Brand Guidelines - Uno screenshot dalle brand guidelines di Enel

 

Siamo seri, la nuova immagine di Enel, valutata in maniera complessiva con un approccio olistico al design e alla comunicazione è davvero interessante e quasi avanguardista se si considerano campo, portata e pubblico. Al progetto e alla strategia di comunicazione ha collaborato l’agenzia Wolff Olins – qui un video in cui raccontano il loro lavoro – e sono state coinvolte altre agenzie di comunicazione come Saatchi&Saatchi. È chiaro quindi che la questione non è “Enel ha un nuovo logo”, ma piuttosto Enel ha un nuovo racconto di sé, perché da oggi Enel è un nuovo brand.

Quanto durerà la nuova immagine? Il tempo di un racconto, appunto. O di un cambio di management. Solo una cosa è certa: in questa storia, purtroppo, non c’è più posto per Bob e per quelli come lui. Siamo tutti avvertiti.

 

Il nuovo logo Enel Enel Brand Guidelines - Sempre dalle brand guidelines di Enel

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >