Art
di Simone Stefanini 5 Aprile 2016

Torna Ratatà il festival dell’illustrazione indipendente a Macerata, finanziato col crowdfunding

Quali sono le difficoltà di organizzare un festival del genere in una città di provincia?

 

Il Festival di illustrazione, fumetto e editoria indipendente Ratatà sta per invadere la città di Macerata con la sua terza e più grande edizione di sempre. Un sacco di eventi, mostre e un mercato di autoproduzione saranno dislocati nei luoghi simbolo della città marchigiana da giovedì 14 aprile fino a domenica 17.

Il programma completo, insieme a tutte le info utili e a tutti gli artisti coinvolti lo trovate sul sito ufficiale.

 

blexbolex via - BlexBolex

 

Al suo interno workshop e laboratori, video mapping, un’immensa area per un centinaio di espositori indipendenti e le importanti mostre di Riccardo Mannelli, BlexBolex, Bill Noir e Céline Guichard, tra gli altri.

Un’occasione per godere del meglio del panorama internazionale dell’illustrazione, alle prese con i propri lavori, le proprie storie e le proprie ossessioni.

Abbiamo fatto qualche domanda a Nicola Alessandrini, uno degli organizzatori della manifestazione, per capire com’è tirar su un festival come questo in una città di provincia.

 

tumblr_mjkgezUis81s8r6qko2_r1_1280 via - Kuš Komiksi

 

Com’è nata l’idea di Ratatà?
Il festival è nato essenzialmente per due motivi:  siamo un gruppo di disegnatori e illustratori che lavorano a livello nazionale e internazionale, sentivamo un forte bisogno di confronto e di riportare a casa, in una città di provincia come Macerata,  una serie di esperienze. Nella nostra città c’è un bel fermento, c’è un’Accademia e una scuola d’illustrazione, quello che manca effettivamente è un contesto artistico, perché chi finisce l’Accademia spesso rimane demotivato. Noi che siamo più grandi, abbiamo deciso di portare a Macerata un po’ di professionisti conosciuti durante il percorso e persone che stimiamo, per mostrare che si può, attraverso la produzione indipendente, trovare un modo per poter continuare a lavorare e a fare ricerca artistica.

 

mannelli via - Riccardo Mannelli

 

Come risponde la città di Macerata a un festival come il vostro?
Siamo alla terza edizione e pian piano l’attenzione si va consolidando. È un po’ difficile smuovere la popolazione di provincia, perché proponiamo cose nuove da vedere, spesso è un tipo di immaginario lontano dal loro archetipo di bellezza,  noi tentiamo di portare anche dei linguaggi che nascono dal basso, per  descrivere tematiche sociali differenti. Quest’anno però abbiamo cambiato in modo sostanziale la formula del progetto, che prima nasceva in stretta collaborazione con il Centro Sociale, sfruttando anche i suoi ambienti, quindi se da una parte c’era un clima amichevole e familiare tra di noi, dall’altra poteva risultare una barriera per molti. Quest’anno abbiamo preso uno spazio in centro a Macerata, un’ex Upim con delle stanze enormi nella piazza principale, in modo che il festival abbia una visibilità cittadina maggiore.

 

celine via - Céline Guichard

 

Perché avete deciso di finanziarlo tramite crowdfunding e com’è andata l’esperienza?
Questo è il secondo anno che usiamo questa formula. L’esigenza è nata dopo la prima edizione, quando abbiamo capito che non avremmo più avuto la possibilità di sfruttare i fondi europei. L’anno scorso abbiamo chiesto 1500 € e ce l’abbiamo fatta con l’aiuto del Comune e del Centro Sociale. Quest’anno è andata bene, avevamo una base di 2500 € e si è chiuso ieri a 3000 €, in più il Comune ci ha aiutato maggiormente rispetto alle scorse edizioni, quindi ci siamo trovati a gestire una somma più alta rispetto alle altre edizioni, anche se stiamo comunque parlando di una somma ridicola rispetto a quelle che servirebbero per i festival del genere.

 

billnoire via - Bill Noir

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >