Art
di Simone Stefanini 16 Gennaio 2017

I capolavori della storia dell’arte dipinti come se fossero personaggi Lego

Abbiamo intervistato Stefano Bolcato, che sta facendo il giro del mondo con i suoi dipinti dei Lego

Qui a Dailybest amiamo i Lego e abbiamo visto un sacco di bizzarrie legate ai mattoncini e ai personaggi della casa di giocattoli  danese, stavolta però vi proponiamo una serie che unisce l’aspetto ludico alla storia dell’arte. Si chiama People il progetto di Stefano Bolcato, un artista italiano che ha deciso di sostituire i grandi protagonisti dei ritratti più famosi della pittura con i loro alter ego in versione Lego.

Dante, Frida Kahlo e tutti gli altri con la loro testa gialla, senza naso e altri orpelli inutili. Ci siamo molto divertiti a guardarli e abbiamo deciso di intervistare l’autore per saperne di più.

Come ti è venuto in mente di dipingere i Lego come fossero i capolavori della storia dell’arte?
La storia è un po’ articolata, cerco di essere sintetico. Convergono in questa idea la mia particolare passione per il Patrimonio Artistico Culturale maturata di recente, l’amore di lunga data per la pittura, un progetto di azione dal basso legato ai fatti del Museo di Castelvecchio e l’incontro determinante con Giuseppe Ariano di Fonderie Culturali, che insieme alla collaborazione di ZOE Art&Culture ha reso possibile la realizzazione della mostra PEOPLE, al Museo Archeologico Provinciale di Salerno. E’ un incontro di passioni per l’arte, il patrimonio, i musei con l’obiettivo di risvegliare interesse per questo settore cosi bello e straordinario, da noi un po’ trascurato e che ha bisogno di essere seguito e animato. Il gioco può essere un ottimo “veicolo” per coinvolgere il pubblico e portarlo al museo.

 

Che tecnica hai utilizzato per questa serie?
Tutte le opere sono dipinti olio su tela. Provengo da una formazione accademica, ho studiato disegno, modellazione plastica e pittura a Roma, ho seguito i corsi di Alfonso Avanessian e Giovanni Arcangeli, professore e pittore di spessore, molto preparato, lui è stato una guida per me.

Quattro Marilyn, di Andy Warhol  Quattro Marilyn, di Andy Warhol

 

Una tecnica piuttosto antica, visto il soggetto dei tuoi dipinti
Questa tecnica tradizionale viene da molto lontano, la sua diffusione risale al ‘400. Anche se il modo di produrre il colore è cambiato, il legame con la grande pittura del passato rimane. Inoltre da bambino vedevo mio padre dipingere, lui lo faceva come passatempo, l‘odore della trementina mi piaceva molto. Una tecnica forse in contrasto con i tempi di oggi del mordi e fuggi, un lavoro che se desideri determinati risultati ha dei tempi morti, impone delle pause. In mostra anche un video legato al progetto sopra citato, lo abbiamo inserito tra dipinti e collezione del museo. Crediamo che anche questo video possa avviare il visitatore ad un percorso di consapevolezza verso valori fondamentali, che hanno funzione anche sociale, con una ricaduta utile e reale. Valori che se coltivati costituiscono un grande investimento per il futuro, il problema è che ragioniamo sempre meno sul lungo termine, distratti da un susseguirsi continuo di emergenze.

 

Avresti mai pensato che la tua serie facesse il giro del mondo sul web?
No non lo immaginavo, mi fa molto piacere, spero che altre spazi istituzionali mostrino interesse per iniziative di questo genere. Sono fiducioso, già diversi musei in Italia si muovono in questa direzione, è un segnale positivo. Bisogna incentivare la creatività di operatori culturali e coinvolgere artisti, farli dialogare con le straordinarie collezioni dei nostri musei, dobbiamo creare un coro. La rete è uno strumento strategico, può aiutare molto chi lavora con grande passione per il Patrimonio, ma ha poche risorse.

 

La Belle Ferronière, di Leonardo Da Vinci  La Belle Ferronière, di Leonardo Da Vinci

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >