stereocrazia
Art
di Gabriele Ferraresi 18 Maggio 2016

Stereocrazia è l’account Instagram definitivo per rivivere l’estetica ’70 e ’80

Un sublime viaggio nel tempo per nostalgici di ogni età

individuello_anteprima stereocrazia Instagram Individuello - #ItaliaPrecedente: occhialetti 3D

Chi è Individuello, la mente che si cela dietro l’account Instagram Stereocrazia? Poco importa: quel che importa è che nel corso dei mesi e degli anni, con un lavoro di curatela straordinario, è riuscito a ricostruire come nessun altro – e come in nessun altro luogo del web – l’estetica degli anni ’70 e ’80.

È un lavoro di ricerca certosino, fatto di materiali d’archivio recuperati chissà dove, da altre bolle spazio temporali, che ci mostra uno splendido futuro visto dal passato, un labirinto estetico in cui perderci.

Una visione che fa riemergere sigle, dettagli, effetti sonori, copertine, frammenti memorabili e immemorabili di un’epoca in cui buona parte di chi oggi ha tra i trenta e i quarant’anni è cresciuto, e naufragar ci è dolce in questo mar. Dolcissimo.

È un sublime viaggio nella nostalgia quello che ci propone quasi ogni giorno Stereocrazia, un viaggio che abbiamo chiesto di commentare proprio al misterioso Individuello: che mantiene il riserbo sulla sua identità, ma svela l’età – 32 anni – si racconta come “archeologo nonché precettore moderno” e vive tra Roma, Parigi e Belmopan, nell’esotico Belize.

Lo abbiamo contattato per una breve intervista.

 

Ci dica, quando e perché ha deciso di creare l’account Instagram Stereocrazia?
L’account Instagram è la naturale evoluzione della pagina Facebook nata nel 2013, anche se i due canali procedono parallelamente, proponendo spesso contenuti differenti: su FB continuo a raccogliere – con cadenza tutt’altro che regolare – materiale da “boom stereofonico” (l’età d’oro delle sonorizzazioni per radio e TV ad esempio), allucinazioni catodiche e vecchie brochure lisergiche; IG, invece, è lo spazio totalizzante dove finisce tutto il resto, senza limiti, il discount multimediale che alterna visioni auree a momenti dall’alto tasso effimero.

 

Droga ◀▶ Paura ’86 #italiaprecedente #droga #drug #paura #fear #humandevelopment

Una foto pubblicata da Stereocrazia (@individuello) in data:

 

Perché ancora oggi siamo così affascinati dall’estetica che lei archivia su Instagram? Si è dato una risposta a questa domanda?
Probabilmente perché perfino il più sciocco dei particolari di un retro di copertina a cui ridò vita si carica di un valore narrativo/visivo che non ha eguali oggi nel suo genere, peraltro pressoché inesistente. E potrei spendere le stesse identiche parole per il logo di una trascurabilissima fiera dell’artigianato congolese o il video di un bumper di una tv locale che apre immediatamente varchi verso chissà quali remote dimensioni. Tutto questo affascina i curiosi, anche e soprattutto non italiani, come fossero primissime visioni pescate da qualche realtà parallela non allineata.

Ci può dire qualcosa sulla provenienza del suo archivio? Dove riesce a trovare quelle chicche incredibili?
Stereocrazia è anche una boutique online momentaneamente chiusa per restauro esistenziale, ciò significa che buonissima parte del materiale pubblicato proviene dalla mia collezione privata di oggetti (in vendita e non). Le fonti sono le solite: mercatini, cantine, librerie dell’usato, a volte anche disco-cassonetti dell’immondizia particolarmente ispirati.

 

Grand’Italia: Divano Monoblocco ’77 #italiaprecedente #alfredomastellaro #jonathandepas #donatodurbino #paololomazzi #divanetti #divano

Una foto pubblicata da Stereocrazia (@individuello) in data:

 

Ha coniato un hashtag perfetto per raccogliere le produzioni grafiche ’60, ’70 e ’80 che colleziona: #italiaprecedente. Le domando: si stava meglio quando si stava #precedente?
Ho i miei dubbi. Poi certo, gli illustratori visionari della RCA Italiana sono tutti in pensione, la stessa RCA Italiana non esiste più, Mario Convertino è morto e chissà in quale delle sue proiezioni futuristiche sta fluttuando, per non parlare della RAI che fu. Insomma un bel po’ di cose sono cambiate ed è sotto l’occhio di tutti, ma parliamo di un hashtag, #italiaprecedente, dai tratti fortemente elitari, effimeri, secondari, per niente specchio delle italo-incazzature sempreuguali di ieri come di oggi.

 

Ragazza ’81 #italia #italiaprecedente #1980s #80s #1981 #mare #cuffie #casque #headphones #hifi #electronics #ragazzaprecedente

Una foto pubblicata da Stereocrazia (@individuello) in data:

 

Se dovesse spiegare l’#italiaprecedente a un bambino, o ai suoi figli, cosa direbbe loro?
E cosa gli direi.. andrei a braccio, improvvisando una favoletta il cui incipit è: “C’era una volta un’Italietta tanto bella dove nazionalpopolare (nelle sembianze di Topo Gigio) e avantgarde (in quelle di Niny Comolli) andavano d’amore e d’accordo..”.

E se dovesse salvare un solo post, fra tutti quelli che ha pubblicato su Instagram, quale salverebbe?
Salverei la meravigliosa copertina dell’LP “Amichevolmente”, una RAI-compilation del 1985 contenente sigle radio-tv tra cui la leggendaria “Electric Skies”, sigla cosmica di “Meteo Due” firmata Luigi “Gigi” Tonet.

 

 

C’è una chimera d’archivio che le manca, e che vorrebbe assolutamente reperire? Vuole fare un annuncio?
AAA cercasi fotogramma, volantino, polaroid, foto di scena raffigurante Giuliano Ferrara che fuoriesce da un bidone dell’immondizia con in mano una lisca di pesce ed un grande osso spolpato, mentre pubblicizza la sua “Istruttoria”.

Quanto ci manca la Prima Repubblica?
Ci manca il larghissimo margine di romanzabilità dei suoi protagonisti, più che l’operato politico intriso di lati oscuri, di cui non ci importa un fico secco di fronte alla carica allucinatoria evocata dalle avventure di super-eroi come Bettino Craxi, Giulio Andreotti o Giovanni Spadolini, per non citare Renato Nicolini e la sua meravigliosa collezione di camicie in technicolor.

 

🌹 #italiaprecedente #politica #socialismo #socialism #partitosocialista #partitosocialistaitaliano #craxi #bettinocraxi #primarepubblica

Una foto pubblicata da Stereocrazia (@individuello) in data:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >